Incontro ad Alessandria dedicato al futuro dell’ateneo e al rapporto con il territorio. Prima puntata del racconto.

Nuovo campus universitario ad Alessandria: entro dicembre «l’atto preliminare, che poi verrà completato entro l’estate del 2022. Il campus sarà pronto nel 2026» . Parola di Giancarlo Avanzi, rettore dell’Università del Piemonte Orientale (UPO).

Il Disit – Dipartimento di scienze e innova-zione tecnologica; il direttore è Leonardo Marchese – conferma un rinnovato impegno «per una sempre più stretta collaborazione con l’azienda ospedaliera di Alessandria, in vista del riconoscimento di Irccs (Istituto di ricovero e cura a carattere scientifico)» e in-tanto annuncia un nuovo corso di laurea triennale in fisica e sostenibilità che potreb-be partire dal 2023.

Il Digspes – Dipartimento di giurisprudenza, scienze politiche, economiche e sociali; il di-rettore è Serena Quattrocolo – guarda all’og-gi, ma soprattutto al domani, ed è pronto ad attivare un master di primo livello in logisti-ca, in collaborazione con la Fondazione Sla-la (Sistema logistico del nord ovest d’Italia) che costituirà «l’evoluzione di quello in ‘Svi-luppo locale’ che quest’anno non è stato atti-vato», inoltre è in fase di ideazione una lau-rea triennale in logistica.

I due Dipartimenti alessandrini dell’Upo sono poi tra i protagonisti, insieme agli altri che compongono l’universo dell’Ateneo del Pie-monte Orientale, del nuovo centro interdipar-timentale Upo4Sustainability (il direttore è Enrico Boccaleri, docente al Disit) che fonda su quattro pilastri: ambiente, economia, so-cietà, istruzione.

Infine, a Vercelli, è tutto pronto per il Dis-ste, Dipartimento per lo sviluppo sostenibile e la transizione ecologica che è stato appro-vato a settembre. «Ad Alessandria – dice Roberto Barbato, Prorettore dell’Upo e do-cente al Disit – è stato attivo per molti anni il corso di scienze ambientali poi chiuso in conseguenza della riforma Gelmini. E proprio ad Alessandria verrà ‘esportato’ quello che si sta elaborando a Vercelli perché l’ateneo è impegnato nella armonizzazione delle tema-tiche della sostenibilità, attualmente svilup-pate secondo un modello ‘diffuso’ e i primi tentativi di armonizzare la ricerca nell’ambito della sostenibilità è stata la fondazione dei centri interdipartimentali Upo4Sustainability e Upontourism. La naturale evoluzione di questa attività trova compimento nel Dis-ste» .

Continua a leggere su:

https://160caratteri.wordpress.com/2021/11/29/dalla-sostenibilita-alla-logistica-le-nuove-frontiere-delluniversita-del-piemonte-orientale/