dirti nel mio nome!
insegnavo a un forte apostrofo accucciato: sempre
Indovinavo cuore senza spazio

”Queste rughe spettinate
appartengono a un po’ di te sulla mia pelle
mi riaccompagnano a tagliate verità
di momenti sul viso
riavvolgono carezze di stelle”

Parlavo di me
sul tuo odore a metà:
come membrane verginali
dalle mani gocciolavano notti
mentre guidavo scarmigliata

parlavo sola