Notte di Natale

Nel freddo della notte,
in questa notte di Natale,
alzo gli occhi al cielo
vedo tante stelle.

Fra di esse m’illudo di trovare
quella che indicò il cammino
verso la capanna del bambinello,
ma non ne vedo di speciali,
vedo solo un gruppetto
di piccole stelle che,
come fossero zuccherini,
son pronte ad addolcire
la mia amarezza.
Quest’anno patrigno,
ci ha regalato solo dolore,
tristezza e mancanze,
senza abbracci, baci,
tenerezze e il cuore è triste,
… amareggiato.

Intanto penso e pian piano
mi perdo nell’immensità
del cielo nero,
mentre un arcobaleno di dolore
mi dipinge l’anima.
Un volto appare al mio sguardo
posso quasi toccarlo con mano
per una carezza,
stendo il braccio che si agita nel vuoto
…il volto è scomparso,
ma lo ritrovo fermo negli occhi
e son certa mi accompagnerà
nella notte, non mi lascerà orfana,
mi guarderà col suo sguardo intenso,
mi resterà accanto … mi rassicurerà.

Ela Gentile