Coldiretti Alessandria

Comunicato n.304/2021

A pagare il prezzo più alto sono le strutture impegnate in accoglienza e divertimenti.

Capodanno: con gli effetti della variante Omicron cambiano programmi e vacanze.

Agriturismi luoghi dove è più facile garantire la sicurezza, e per chi è costretto a casa, ce-none a Km0.

Con l’avanzare dei contagi sono a rischio le vacanze di 10 milioni di italiani, per una spe-sa di 4,1 miliardi solo per i turisti nazionali, dei quali quasi 1/3 destinato al cibo, tra sou-venir e pranzi e cenoni in ristoranti e agrituri-smi.

E’ quanto stima la Coldiretti sugli effetti delle crescenti preoccupazioni per gli effetti della variante Omicron che ha portato in molti casi a disdette.

“A pagare il prezzo più salato sono le struttu-re impegnate nell’alloggio, nell’alimentazio-ne, nei trasporti, divertimenti, shopping e souvenir con la cancellazione di molti eventi legati al Capodanno nelle località turistiche, a partire dalle tradizionali feste in piazza – ha affermato il Presidente Coldiretti Alessan-dria Mauro Bianco – . In molti stanno modifi-cando i programmi iniziali magari organiz-zando una vacanza di prossimità soprattutto nei piccoli borghi che consentono di coniu-gare la voglia di tranquillità con la possibilità di godere di spazi di libertà più ampi lontano dalle città o dai luoghi turistici più affollati”.

In risposta a queste richieste, gli agriturismi, spesso situati in zone isolate e in strutture familiari con un numero contenuto di posti letto e a tavola e con ampi spazi all’aperto, sono forse i luoghi dove è più facile, garanti-re il rispetto delle misure di sicurezza per di-fendersi dal contagio fuori dalle mura dome-stiche.

“L’interesse dei turisti per i piccoli centri è im-portante – ha aggiunto il Direttore Coldretti Alessandria Roberto Rampazzo – anche per la ricerca del buon cibo con il 16% dei vacan-zieri che partecipa ad eventi gastronomici che aiutano a salvare una parte consistente del patrimonio agroalimentare Made in Italy a partire dai 5.333 prodotti alimentari tradi-zionali coltivati da generazioni dagli agricol-tori che non hanno solo un valore economi-co ma anche storico, culturale ed ambienta-le ma garantiscono la sopravvivenza della popolazione anche nelle aree interne più isolate”.

Per quanti devono rimanere a casa perché contagiati o in quarantena sono numerose e diversificate le iniziative adottate dagli agri-turismi di Terranostra e Campagna Amica per garantire comunque un cenone di Capo-danno a chilometri zero nel rispetto della tra-dizione.

La food delivery è dunque un’opportunità per non rinunciare, nonostante le difficoltà, ai menù della tradizione che, accanto alle piat-taforme più famose, è stata colta anche da molti agriturismi della rete di Terranostra e Campagna Amica che si sono organizzati per consegnare gourmet di piatti a chilome-tri zero anche in vista del Capodanno. Nume-rose le iniziative adottate per mantenere il le-game con i propri clienti durante le feste, dal menù a sorpresa a quello scontato, dall’agri-bag fino al kit fai da te con gli ingredienti ba-se per la preparazione di ricette contadine per quanti hanno deciso di cimentarsi per- sonalmente in cucina.

Secondo l’Osservatorio nazionale sul merca-to del cibo a domicilio il settore del digital food delivery continua così la sua corsa inar-restabile, registrando una crescita del 59% rispetto al 2020 guidata da un lato dall’evolu-zione tecnologica, dall’altro dall’accelerazio-ne dovuta all’emergenza pandemica.

Nel 2021, la consegna di pasti a domicilio ha interessato quasi quattro italiani su dieci (37%) che hanno ordinato dal telefono o dal proprio personal computer pizza, piatti etnici o veri e propri cibi gourmet durante l’anno, secondo l’analisi Coldiretti/Censis.

Alessandria, 28 dicembre 2021