Giuseppe Pippo Guaragna: Acque impetuose

Acque impetuose 

All’improvviso sboccia come un fiore,

lo puoi chiamare, io credo, solo amore,

ha gli occhi azzurri come fiordalisi, 

e t’innamori tu dei suoi sorrisi, 

biondi ha i capelli come è biondo il grano, 

che li scompiglia il vento meridiano, 

ti tocca tasti che credevo spenti,

e tornano i dolcissimi tormenti,

ed ogni giorno sogni ad occhi aperti,

di lei, dei suoi sorrisi spesso incerti,

che celano la voglia di parlarti, 

stare con te, baciarti, accarezzarti, 

è come un fiume che va verso il mare, 

acque impetuose che non puoi fermare, 

e tu ti lasci andare alla corrente, 

e vivi il tuo bellissimo presente, 

ch’è un dolce inferno e sei nel tuo girone, 

ed ardi e bruci solo di passione. 

5 gennaio 2022