E’ il colore il protagonista di questo dipinto e se vogliamo anche la caratteristica del movimento stesso di cui faceva parte Henri Matisse, ovvero di quel movimento impressionista detti “Fauves” (belve) perchè in un’esposizione al salone di Parigi di questi giovani artisti “particolari” l’aspra critica definì appunto i loro dipinti “belve”.

Non interessava più rappresentare la realtà per quella che è e come la si vede, abbattimento totale dei vincoli prospettici, libertà assoluta alla percezione, all’emozione e allora soltanto il colore a grandi campiture poteva colpire, entrare, diffondere un sentimento.

E’ il colore la parte dominante e in questa “Armonia in rosso” del Maestro non si può non notare e non rimanerne colpiti, tutto è colore su colore, toni su toni decisi e netti, puri e puliti, sul rosso del muro della stanza e sulla tavola si imprimono e risaltano gli arabeschi blu, (il disegno della tovaglia che diventa tappezzeria sul muro) i gialli dei fiori e della frutta, il verde che campeggia nell’enorme quadro ( o finestra) e soltanto l’enorme sedia sulla sinistra accenna a una profondità di prospettica.

E’ il colore che deve e dovrebbe ancora oggi dominare sulla scena dei nostri giorni, un colore pieno, vero, puro da rendere più viva la nostra esistenza, Matisse di questo quadro ne fece addirittura tre versioni, ovvero l’iniziale era totalmente verde, poi ci ripensò e divenne blu quando infine, non ancora soddisfatto, realizzò questa opera in rosso nel 1908 all’età di 39anni.

Il soggetto di vita quotidiana, come i ritratti e i paesaggi è uno dei più preferiti dal “movimento impressionista”e infatti in questo Matisse rappresenta una domestica intenta ad apparecchiare o se non altro dedita alla tavola, in quanto pare si appresti a spostare la fruttiera, una stanza e un lavoro comunissimi ma che prendono valore intrinseco e suscitano l’emozioni provate e sentite dal Maestro “soltanto” dal dominio e dalla forza del colore. L’impressionismo è proprio questo, e Matisse ne è uno dei più grandi fautori.

Roberto Busembai (errebi)

Immagine web. Henri Matisse – Armonia in rosso