Nella pallida trasparenza lunare

muovi assorti passi

dediti all’ebbrezza

d’un nido lontano

Rivelò certezze

nel mietere sonorità e intarsi

cadenzati da golosi grappoli

Appesa

a quella remota vertigine

ti dondoli

nell’indifferenza

d’un moto inanimato

sognando

sussurri e vibrazioni

oltre la serratura

d’occhi attoniti

sull’essenza

d’una verità senza peso

@Silvia De Angelis