Agi: Djokovic è stato sconfitto, confermata l’espulsione dall’Australia

Un tribunale federale ha respinto all’unanimità il ricorso del 34enne serbo contro l’annullamento del visto. Il numero uno del mondo non potrà quindi partecipare agli Australian Open che si aprono domani e rischia di non poter rimettere piede nel Paese per 3 anni. Le tappe del ‘match’ contro Canberra

https://www.agi.it/estero/news/2022-01-16/djokovic-sentenza-australian-open-15250256/

Djokovic sentenza australian open
© PEDJA MILOSAVLJEVIC / AFP – Nole Djokovic

AGI – La Corte federale australiana ha respinto il ricorso di Novak Djokovic contro l’annullamento del visto e deciso che dovrà essere espulso dal Paese. Il 34enne serbo, numero uno al mondo, non potrà partecipare quindi agli Australian Open che si aprono domani. Il tribunale ha confermato la decisione del governo, con verdetto unanime. La corte doveva valutare l’appello del tennista contro la decisione di venerdì scorso del ministro dell’immigrazione australiano Alex Hawke di cancellare il visto, per la seconda volta.

Intanto, in attesa della sentenza Djokovic era stato inserito nel programma ufficiale della prima giornata degli Australian Open di tennis, che si aprono domani. Confermata quindi, per il momento, la sfida del 34enne serbo numero uno del mondo contro il connazionale Miomir Kecmanovic nella sessione serale della Rod Laver Arena.

Il caso

Il visto che permette al giocatore serbo, non vaccinato e reduce da una recente positività al Covid, di rimanere in terra australiana era stato revocato ben due volte negli ultimi giorni

LEGGI ANCHE

La querelle giuridica che riguarda il campione serbo, tornato in stato di fermo, si risolverà solo poche ore prima dall'inizio del torneo. Intanto il tabellone è già stato sorteggiato. Quali le reali opportunità per gli italiani e gli scenari "con o senza" il numero uno del mondo

Australian Open al via aspettando il caso Djokovic

La querelle giuridica che riguarda il campione serbo, tornato in stato di fermo, si risolverà solo poche ore prima dall’inizio del torneo. Intanto il tabellone è già stato sorteggiato. Quali le reali opportunità per gli italiani e gli scenari “con o senza” il numero uno del mondo

Il governo australiano in una memoria aveva richiesto al tribunale l’espulsione di Djokovic perché la presenza in Australia del più forte tennista del mondo non vaccinato contro il Covid “potrebbe incoraggiare il sentimento contro i vaccini”. Anche per lo “status di alto profilo e il suo essere un modello nella comunità dello sport”.

Insomma,  il ‘caso Djokovic’ non riguarda più solamente una questione di sicurezza ‘sanitaria’, ovvero se il tennista rappresenti o no una minaccia per la salute pubblica, ma una questione più larga e molto ‘politica’.

Secondo Nick Wood, uno dei suoi avvocati, le decisioni prese dalle massime autorità politiche australiane sarebbero state governate dalla paura che l’ammissione di Djokovic nel Paese possa innescare una nuova miccia che rinfocoli l’entusiasmo e l’eccitazione dei no-vax locali. Una tesi poi confermata da alcuni documenti.

Una decisione, secondo Wood, “in netto contrasto” con le motivazioni addotte dall’ufficio immigrazione che ha parlato solo di un “rischio contagio” visto che il tennista non si è sottoposto a vaccino. Il rischio è che il giudizio finale sulla vicenda potrebbe essere guidato da questioni di ordine pubblico, insomma, non da varianti o infezioni.

Leggi su: Sorgente: Djokovic è stato sconfitto, confermata l’espulsione dall’Australia