Rosa Cozzi

Buongiorno !

“ Amore di gioventù ”

Mi ritorna in mente

quell’ultimo giorno di scuola,

con la malinconia nel cuore

lasciai l’aula per ultima,

memorizzato negli occhi

e impresso nella memoria,

ogni dettaglio di quell’aula

che ci aveva ospitato

in quel lungo anno.

Speravo che mi notassi

e di entrare nei tuoi pensieri,

ad ogni occhiata che mi rivolgevi

abbassavo gli occhi ed arrossivo

tu che mi schernivi,

ai tuoi compagni leggevi

Bel-ami e la Certosa di Parma,

ne declamavi i versi e tutte

eravamo ai tuoi piedi affascinate.

Lasciavo te che andavi via per sempre

tu che mi facevi tremare

solo se posavi lo sguardo su di me,

tu che eri luce dei miei occhi

la persona più preziosa nel mio cuore,

oramai senza speranza,

col cuore triste e ad occhi chiusi

mi tirai la porta alle spalle

e restai un attimo immobile.

Dicevo addio ai miei sogni d’adolescente.

e poi… all’improvviso,

le tue labbra si posarono sulle mie

e mi rubarono il primo bacio e il respiro,

lasciando per sempre su di me

il tuo marchio di maschio prepotent . . .

di Rosa Cozzi

da ” In un libro di poesie “

DL.1941/633

Potrebbe essere un'immagine raffigurante testo