Sibila il vento tra le macerie,

le rovine del cuore

come dolmen sparse sulla terra.

Io sono cieca,

vorrei vedere.

Non ho gambe e non ho braccia

vorrei correre,

correre e sentire il vento,

il vento.

I miei occhi nessuno vede,

il mio canto nessuno sente,

sono genuflessa e ricoperta di nero. Iris G. DM

Burka

foto presa dal web