E sia questa sintesi
l’idea di raccogliere gesti
pur distinti, da tradurre
in una lingua comune.

Perché la geografia non è cenere
ma vibra di voci: sono cori
che corrono in lungo e in largo
come vento ardente
di un frammento di Eraclito.


foto dell’autrice