Dichiarazione Universale dei Diritti Umani, articolo 19: “Ogni individuo ha diritto alla libertà di opinione e di espressione, incluso il diritto di non essere molestato per la propria opinione e quello di cercare, ricevere e diffondere informazioni e idee attraverso ogni mezzo e senza riguardo a frontiere.”

Il 3 maggio è la Giornata Internazionale della Libertà di Stampa e l’italiana “Carta dei Doveri del Giornalista”, Legge 69/63, ci ricorda che: “È diritto insopprimibile dei giornalisti la libertà d’informazione e di critica… ed è loro obbligo inderogabile il rispetto della verità sostanziale dei fatti”. Diffondere informazioni libere e veritiere è quindi diritto e dovere “inderogabile”, spesso disatteso in numerose parti del globo.

Guardando la classifica annuale di Reporter senza Frontiere sulla libertà dell’informazione globale, stilata su 180 paesi, l’Italia quest’anno è passata dalla 41esima posizione del 2021 alla 58esima, scendendo di ben 17 posizioni, un risultato sempre più deludente.

La carenza di obiettività nell’informazione ha importanti conseguenze. Da un lato, numerosi giornalisti sono vittime di minacce e intimidazioni al loro lavoro (Sandro Ruotolo e Nello Scavo esempi nostrani di reporter costretti a vivere sotto scorta), altri vanno addirittura incontro a processi (Julian Assange), arresti (Patrick Zaki), o morte (Anna Politkovskaja, Daphne Galizia), quasi sempre in regimi totalitari. Dall’altro lato, vediamo le difficoltà economiche e le inesistenti tutele di un lavoro piegato da necessità aziendali, politiche e propagandistiche.

“La libertà di espressione è precondizione per la democrazia e per una pace duratura”, si legge nella motivazione al Nobel per la Pace conferito nel 2021 a Dmitry Muratov, caporedattore di Novaya Gazeta, tra i pochi giornali russi non asserviti al potere e quindi oggetto di violenze e minacce.

Foto di The Press Freedom Index 2022

In un mondo dove la democrazia e la pace sono imprescindibilmente legate a una libertà di stampa che sia veritiera e scevra da condizionamenti politici ed economici esterni, ogni giorno dobbiamo impegnarci per costruire una realtà dove essa venga sempre rispettata e valorizzata.