La soluzione dei problemi deve tenere conto delle priorità esistenti in tutta la città

di Pier Carlo Lava

Alessandria today, premesso che c’è libertà di stampa di parola come prevede la Costituzione Italiana.

Capita con una certa frequenza di leggere articoli e commenti che non tengono conto delle priorità esistenti in tutta la città oltre che della situazione finanziaria delle casse comunali, anche se va detto che solitamente si prefiggono giustamente l’intenzione di porre in evidenza all’Amministrazione comunale in carica i problemi esistenti e perciò da risolvere.

Oggi mi è capitato di vedere un video nel quale veniva messo in evidenza il problema della mancanza di strisce pedonali, consumate dal tempo e quindi da rifare, affermando per questo sussiste una situazione di pericolo per i pedoni e conseguentemente chiedendone la risoluzione.

Le strisce in questione sono posizionate a 150 metri dal sottopassaggio di via Maggioli, nel video si asserisce che le auto in arrivo non vedendo le strisce possono investire i pedoni mentre attraversano la strada, in tal senso ci corre l’obbligo di fare le seguenti considerazioni:

  1. Premesso che non è nostra intenzione fare il difensore d’ufficio di nessuno e che le strisce pedonali consumate dal tempo vanno rifatte ovunque siano in quanto le stesse conferiscono maggiore sicurezza ai pedoni durante l’attraversamento della strada.
  2. Il posizionamento delle strisce in questione è a 150 metri dal momento in cui le auto risalgono la salita di via Maggioli e la velocità delle stesse non ancora elevata, pertanto con una guida rispettosa delle regole sussiste una distanza sufficiente per rallentare in caso di attraversamento dei pedoni, mentre per le auto che provengono dal Cristo percorrendo un lungo rettilineo hanno un ampissima visuale che consente di rallentare, in ambo i casi salvo ovviamente che chi guida non sia distratto dal cellulare o quant’altro. Tra l’altro come si vede nel video di Svegliati Alessandria le auto non procedono a velocità elevata. Va detto inoltre che sono successi dei casi in cui dei pedoni sono stati investiti sulle strisce che erano perfettamente visibili. Pertanto il problema è quasi sempre imputabile alla velocità pericolosa di certi automobilisti.

Concludendo le strisce vanno ovviamente rifatte, ma il caso in questione a nostro modesto avviso non è un problema prioritario rispetto ad altri attualmente ancora irrisolti in città, come ad esempio la velocità pericolosa in particolare in un tratto dove la visuale delle auto è solo di 20/25 metri al villaggio Borsalino.

Alessandria, villaggio Borsalino: I problemi specificati nei sotto indicati link e tuttora irrisolti a nostro modesto avviso sono decisamente prioritari: