LIBERA PER ALESSANDRIA

6 proposte per il governo della Città

Conferenzastampa

Lunedì 30 maggio ore 11

Dipartimento di Giurisprudenza e Scienze politiche, economiche e sociali dell’Università delPiemonteorientale

Salariunioni,primopiano,palazzoBorsalino,viaCavour84

Sei richieste per i cinque candidati alla carica di primo cittadino di Alessandria per le elezioni amministrative. I presidi di Libera di Alessandria ha predisposto sei punti su cui ha chiesto a Giorgio Abonante, Gianfranco Cuttica di Revigliasco, Giovanni Barosini, VincenzoCostantinoe AngeloMandellidi confrontarsi e impegnarsi.

Libera ancora una volta ha deciso di “interferire” con la campagna elettorale, chiedendo ai candidati Sindaci impegni precisi sui temi che stanno a cuore alla rete di associazioni antimafia fondata da Don Ciotti.

Ad ogni candidato sindaco è stato proposto di sottoscrivere i 6 punti. Nella conferenza stampa di lunedì 30 verranno mostrati i video delle dichiarazioni dei candidati che hanno aderito all’iniziativa e i punti su cui i candidati hanno concordato.

Vediamo i 6 punti che abbiamo sottoposto ai candidati. Il primo è quello che unisce legalità erappresentanza: abbiamo chiesto ai sindaci di non candidare, nelle liste collegate, persone rinviate a giudizio o condannate, anche solo in primo grado, per reati di mafia o contro la pubblica amministrazione.

Il secondo punto riguarda i beni confiscatialla criminalità: chiediamo che il Comune di Alessandria si attivi concretamente per il riuso sociale dei beni confiscati presenti sul proprio territorio comunale e in provincia.

Il terzo punto è relativo ai processi di mafia: chiediamo che il Sindaco e la Giunta si attivino in specifiche iniziative legali di contrasto alle mafie e di sviluppo della legalità e della trasparenza, in particolare costituendosi parte civile nei processi contro le attività criminose di stampo mafioso e di corruzione.

Il quarto punto riguarda l’adesione adAvvisoPubblico. Chiediamo al Comune di Alessandria di aderire alla rete nazionale di Regioni ed Enti Locali contro le mafie che concretamente si impegnano per promuovere la cultura della legalità e della cittadinanza responsabile.

Il quinto punto riguarda la proposta di legge regionale di iniziativa popolare contro il giocod’azzardo patologico portata avanti da Libera e da tante associazioni in Piemonte. Chiediamo ai candidati di sottoscrivere la proposta di legge di iniziativa popolare la cui raccolta firme sta avendo luogo in queste settimane.

Infine, il sesto impegno riguarda le politiche giovanili per l’antimafia sociale. Chiediamo che la nuova Giunta Comunale si impegni a pubblicare una offerta dei servizi per i giovani, accompagnata da un adeguato impegno finanziario e logistico per esperienze culturali, artistiche e di

partecipazione democratica tra cui, ogni 21 marzo, la “Giornata della Memoria e dell’Impegno per le vittime innocenti delle mafie”.

Abbiamo sottoposto le nostre richieste ai 5 candidati. Lunedì 30 maggio alle ore 11 terremo una conferenza stampa in cui daremo atto degli impegni che i candidati hanno deciso di sottoscrivere, diremo chi ha aderito alle nostre richieste, e chi ha ritenuto di non farlo.

Non tutti i candidati hanno aderito alle nostre richieste, non tutti hanno approvato tutti i 6 punti dell’impegno. Nella conferenza stampa di lunedì non saranno presenti i candidati, ma mostreremo in anteprima i video di quanti hanno deciso di sostenere le nostre richieste.

La conferenza stampa si terrà presso il Dipartimento di Giurisprudenza e Scienze politiche, economiche e sociali dell’Università del Piemonte orientale (Sala riunioni, primo piano, palazzo Borsalino, via cavour 84).

Hanno aderito all’iniziativa:Presidio di Libera “Anna Pace” Alessandria, Presidio di Libera “Kuciack-Kusnirova” Alessandria, Agesci Alessandria 1, Agesci Alessandria 2, Agesci Alessandria 3, APS Me.Dea, APS Parcival, APS San Benedetto al Porto, Azione Cattolica Alessandria, Cooperativa Coompany, FIAB Alessandria, ICS Ets, Masci Alessandria, Refugees Welcome Alessandria, SPI CGIL Alessandria, UISP Alessandria.

In allegato, la lettera di impegno che è stato sottoposta ai candidati.

Verso le elezioni amministrative del 2022

  1. 1.Legalitàerappresentanza

Chiediamo che non siano candidate persone rinviate a giudizio o condannate, anche solo in primo grado, per reati di mafia o contro la pubblica amministrazione; chiediamo che non siano candidate anche persone rinviate a giudizio o condannate in primo grado per delitti non colposi contro la persona o il patrimonio. Chiediamo, inoltre, che lo stesso criterio sia esteso a tutte le nomine di competenza del Sindaco e sia applicato anche qualora il reato o la pena siano stati dichiarati estinti per prescrizione, amnistia o indulto.

  1. sono d’accordo non sono d’accordo non rispondo
  1. 2.Beniconfiscatiallacriminalità

Chiediamo che il Comune di Alessandria si attivi concretamente per il riuso sociale dei beni confiscati presenti sul proprio territorio comunale e in provincia di Alessandria, anche attraverso gli strumenti di supporto oggi messi a disposizione dall’Agenzia Nazionale per l’amministrazione e la destinazione dei benisequestratieconfiscatiallacriminalitàorganizzata(ANBSC). L’Agenzia si pone infatti l’obiettivo di rafforzare le interlocuzioni con gli Enti Locali, mettendo a disposizione un sistema di informazioni aperto (https://openregio.anbsc.it/) volto a conoscere la consistenza dei beni e supportare i potenziali destinatari nelle procedure per il riuso. Sul sito https://benisequestraticonfiscati.it sono inoltre rese disponibili informazioni e strumenti di immediato utilizzo per la valorizzazione dei beni e la risoluzione delle questioni afferenti la potenziale destinabilità, oltre ad informazioni relative alle opportunità di finanziamento previste a livello regionale, nazionale ed europeo, in particolare dal PNRR, con riferimento ai portali ufficiali attivati dal Governo Italiano (Presidenza del Consiglio dei Ministri, Ministero dell’Interno, Ministero dell’economia e Finanze, Agenzia per la Coesione Territoriale) e dall’ANCI.

  1. sono d’accordo non sono d’accordo non rispondo

3.ParteCivileneiprocessidimafia

Chiediamo che il Sindaco e la Giunta si attivino in specifiche iniziative legali di contrasto alle mafie e di sviluppo della legalità e della trasparenza, in particolare costituendosi parte civile nei processi contro le attività criminose di stampo mafioso e di corruzione, afferenti sia il proprio territorio comunale, sia il territorio della provincia di Alessandria, esprimendo così anche un ruolo trainante e di testimonianza in veste di capoluogo di provincia, nel contrasto attivo alla criminalità organizzata, in particolare quella di stampo ‘ndranghetista oggi prevalente in tutto il basso Piemonte.

  1. sono d’accordo non sono d’accordo non rispondo
  1. 4.AdesioneadAvvisoPubblico

Chiediamo al Comune di Alessandria l’adesione ad Avviso Pubblico (https://www.avvisopubblico.it/home/), la rete nazionale di Regioni ed Enti Locali contro le mafie che concretamente si impegnano per promuovere la cultura della legalità e della cittadinanza responsabile. Avviso Pubblico supporta la realizzazione di progetti, iniziative e corsi di formazione, raccoglie e diffonde buone pratiche amministrative, pubblicando notizie e documentazione aggiornata. Aderire ad Avviso Pubblico significa schierarsi apertamente dalla parte della legalità e della responsabilità, usufruire di servizi qualificati e dare forza alla buona politica.

  1. sono d’accordo non sono d’accordo non rispondo
  1. 5.Propostadileggeregionalediiniziativapopolarecontroilgiocod’azzardopatologico(GAP)

Il fenomeno del gioco d’azzardo in Italia continua a essere al centro del dibattito pubblico, nonostante i numerosi interventi a livello regionale degli ultimi anni. Recenti stime dell’Istituto Superiore di Sanità parlano di una popolazione di circa 5,2 milioni di giocatori “abituali” in tutta Italia, di cui 1,2 milioni sono da considerarsi problematici, ovvero con dipendenza da GAP, con conseguente elevato rischio di indebitamento cronico ed elevata vulnerabilità per assoggettamento usuraio da parte della criminalità organizzata. L’ottima Legge Regionale n.9/2016 (a suo tempo approvata all’unanimità) che aveva prodotto risultati più che incoraggianti, è stata smantellata a maggioranza dal Consiglio Regionale del Piemonte nel 2021. Libera Piemonte, in un’operazione politica che ha mobilitato molte realtà (che da anni si battono sul fronte della dipendenza da gioco, contro il sovraindebitamento e le povertà, contro le mafie) chiede ora alle elettrici e agli elettori piemontesi di esprimersi sul tema con una proposta di legge regionale di iniziativa popolare dal nome “Norme per la prevenzione e il contrasto alla diffusione del gioco d’azzardo patologico”.Info su: https://liberapiemonte.it/giochiamo-la-nostra-partita/. Chiediamo quindi ai candidati sindaco di Alessandria di sottoscrivere la proposta di legge di iniziativa popolare nei banchetti che saranno attivi fino al 25 settembre 2022 e in ogni caso di impegnarsi fin d’ora, se eletti, ad esercitare tutte le opportune azioni amministrative di prevenzione, di sicurezza e di salute pubblica, per quanto di loro competenza, contro il gioco d’azzardo patologico, i costi sociali, le ricadute sanitarie, il sovraindebitamento e le mafie.

  1. sono d’accordo non sono d’accordo non rispondo
  1. 6.Politichegiovaniliperl’antimafiasociale

Chiediamo che l’amministrazione comunale si impegni nel sostegno finanziario e logistico di esperienze culturali, artistiche, di partecipazione democratica, come progetti per i giovani, punti di incontro, scambi internazionali, accessibili anche ai giovani meno abbienti e socialmente svantaggiati; considerando che la formazione di giovani responsabili è un elemento fondamentale per l’antimafia sociale ed il contrasto alla mentalità mafiosa, è infatti di assoluta importanza offrire loro sempre nuove opportunità per sviluppare strumenti di protagonismo costruttivo e di conoscenza della realtà sociale che li circonda.

  1. sono d’accordo non sono d’accordo non rispondo