Landini: “200 euro non bastano, aumentare salari e pensioni”

“Dal nostro punto di vista c’è da agire maggiormente sugli extra-profitti, non tassarli solo al 25% ma molto di più”, è la ricetta del leader della Cgil

16/06/2022

Lavoro Vania Vorcelli

BOLOGNA – Di fronte all’aumento dell’inflazione, ai massimi dagli anni ’90, “chiediamo che si facciano dei provvedimenti: aumentare i salari, le pensioni, soprattutto i redditi più bassi”, scandisce il segretario della Cgil, Maurizio Landini, ospite a Bologna della festa nazionale dello Spi. 

LEGGI ANCHE: Lavoro, Landini: “Bene i 200 euro, ma la situazione sociale è esplosiva”

“Per farlo bisogna agire sul fisco. Quindi dal nostro punto di vista c’è da agire maggiormente sugli extra-profitti, non tassarli solo al 25% ma molto di più, che diventa uno strumento di redistribuzione immediato”, è la ricetta del leader della Cgil.

LEGGI ANCHE: Manifestazione della Cgil in piazza del Popolo, chiude Landini

“Poi c’è bisogno di una riforma fiscale degna di questo nome, visto che più dell’85% delle persone, pensionati e lavoratori, ha un reddito inferiore ai 30.000 euro: è chiaro che è quella la fascia in cui concentrare gli aiuti. Non servono 200 euro, è un primo passo, ma le bollette e l’inflazione hanno già determinato che è partita quasi una mensilità“, avverte Landini. “Chiedo che si intervenga in questa direzione. Dall’altro lato bisogna procedere con il rinnovo dei contratti”, conclude il segretario.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte Agenzia DIRE e l’indirizzo www.dire.it