UPO: Melanoma, incontri aperti ai cittadini e screening gratuiti. Torna la campagna di Novartis ‘Oltre la pelle. La prevenzione al centro’. Il prossimo appuntamento a Novara il 29 giugno all’Università degli Studi del Piemonte Orientale

  • Le nuove diagnosi di melanoma, il tumore della pelle più aggressivo, sono in crescita1 e rischiano di esserlo ancora di più in futuro a causa del riscaldamento climatico2. Prevenzione primaria e visite periodiche di controllo dei nei restano tra gli strumenti principali per ridurre il rischio di melanoma.
  • La campagna “Oltre la pelle – La prevenzione al centro” promossa da Novartis con il patrocinio di società scientifiche e associazioni pazienti, riparte con una nuova iniziativa – “Incontriamoci” – per invitare i cittadini a ritornare con fiducia nei centri specialistici per incontrare gli esperti ed effettuare visite di controllo.
  • Il sesto appuntamento di questa iniziativa iniziata nel 2021 è per il 29 giugno a Novara, presso l’Università degli Studi del Piemonte Orientale: un’occasione per parlare, conoscere, prevenire e affrontare il melanoma insieme agli esperti dell’A.O.U. Maggiore della Carità, e per effettuare screening gratuiti.

Novara, 20 giugno 2022 – L’aumento delle temperature, l’assottigliarsi dello strato di ozono dell’atmosfera, il crescere dell’inquinamento dovuto ai carburanti fossili minacciano la salute umana. A partire da quella della pelle. Gli effetti del cambiamento climatico, infatti, si possono misurare anche in termini di maggior rischio di sviluppare tumori cutanei, e in particolar modo il melanoma. È stato stimato che un aumento di 1,5°C equivarrà a 8 giorni in più di caldo torrido nell’area del Mediterraneo3 e quindi di maggiore insolazione. E i raggi ultravioletti, il fattore di rischio numero uno per lo sviluppo del melanoma, colpiscono di più per via dell’assottigliamento dello strato di ozono: l’1% in meno di strato di ozono provoca un aumento dall’1 al 2% dell’incidenza di melanoma2. Si tratta di uno dei principali tumori che insorgono in giovane età e costituisce in Italia attualmente il terzo tumore più frequente in entrambi i sessi al di sotto dei 50 anni1. A livello mondiale, e l’Italia non fa eccezione, si stima che nell’ultimo decennio il melanoma cutaneo abbia raggiunto i 100.000 nuovi casi l’anno: un aumento di circa il 15% rispetto al decennio precedente4. I controlli periodici dei nei e la protezione della pelle dai danni causati dai raggi solari sono gli strumenti fondamentali per la prevenzione del melanoma. Identificare precocemente un melanoma aumenta infatti le probabilità di guarigione: se diagnosticato allo stadio iniziale, può essere risolto anche con la sola asportazione chirurgica della lesione.

Per riportare dunque l’attenzione delle persone sull’importanza della prevenzione del melanoma, la campagna di Novartis Oltre la pelle – La prevenzione al centro torna anche nel 2022 con una nuova iniziativa presso i centri specialistici di alcune città italiane, per invitare la cittadinanza a controllarsi grazie a screening gratuiti, a dialogare e confrontarsi con i clinici per conoscere, prevenire e affrontare insieme il melanoma. 

L’iniziativa Incontriamoci, partita lo scorso novembre con gli appuntamenti di Benevento, Roma e proseguita nel 2022 a Palermo, Bologna e Pavia, per la sua sesta tappa arriva a Novara, all’Università degli Studi del Piemonte Orientale e proseguirà per tutto l’anno coinvolgendo altri centri distribuiti sul territorio nazionale.

“Dobbiamo spiegare a tutta la popolazione, a partire dai più giovani, l’importanza della prevenzione del melanoma. Si tratta di regole semplici e tutto sommato facili da seguire: dalla sana abitudine di non esporsi al sole nelle ore centrali e di applicare sempre la crema con protezione solare elevata, a quella di controllare periodicamente i nei”, spiega Paola Savoia, Direttore della Dermatologia dell’A.O.U. Maggiore della Carità di Novara. “Il dermatologo è lo specialista che riesce ad analizzare e seguire nel tempo l’evoluzione dei nei e quindi a effettuare la diagnosi precoce di un possibile melanoma”.

La giornata prevederà un momento informativo con gli esperti del Centro per parlare dell’importanza della prevenzione primaria e secondaria e della necessità di controlli periodici. 

“Nei centri di riferimento per il melanoma è presente un’equipe multidisciplinare che prende in carico il paziente e lo segue lungo il suo percorso. Solo grazie alla collaborazione fra diversi specialisti è possibile infatti garantire la migliore terapia per ogni malato”, afferma Andrea Pietro Sponghini, Oncologo di riferimento della Skin Cancer Unit presso l’A.O.U. Maggiore della Carità di Novara. E’ importante quindi che i cittadini tornino con fiducia a frequentare gli ospedali per favorire così la diagnosi precoce e aumentare le probabilità di poter curare il tumore”.

I partecipanti all’incontro informativo potranno effettuare al termine dell’evento uno screening gratuito dei nei. Per partecipare all’incontro ed effettuare la visita gratuita è necessaria la prenotazione: tutti i dettagli sono disponibili sul sito www.oltrelapelle.it nella sezione dedicata Parliamone insieme. Sarà possibile prenotare fino ad esaurimento posti. La visita è indolore e non richiede alcuna preparazione. Una semplice e buona abitudine che può salvare la vita. 

Grazie alla diagnosi precoce aumenta la probabilità di ottenere una guarigione completa dal melanoma anche con la sola asportazione chirurgica della lesione. E anche nel caso in cui dovesse essere necessario somministrare una terapia dopo la chirurgia, minore è il grado di avanzamento del tumore maggiore sono le probabilità di una buona prognosi”, spiega Alessandra Gennari, Direttore di Oncologia dell’A.O.U. Maggiore della Carità di Novara. “Le terapie per il melanoma hanno subito una vera rivoluzione negli ultimi anni e oggi abbiamo a disposizione terapie efficaci e mirate”.

Oltre la pelle è la campagna di sensibilizzazione realizzata da Novartis per fornire informazioni, approfondimenti e consigli sulla prevenzione e la gestione del melanoma. Dal 2021, con l’iniziativa Oltre la pelle – la prevenzione al centro, la campagna ha avviato una serie di attività specifiche sull’importanza della prevenzione del melanoma per promuovere le visite dermatologiche per il controllo dei nei, quale strumento principale e fondamentale di prevenzione. Un ricco programma di attività per conoscere e prevenire il melanoma, sviluppato anche grazie al contributo di esperti, medici e pazienti, attraverso la pagina Facebook @OltreLaPelleMelanoma, una community attiva da oltre due anni, e una pagina dedicata all’interno del portale Alleati per la Salute.

La campagna Oltre la pelle – La prevenzione al centro è promossa da Novartis con il patrocinio di: Intergruppo Melanoma Italiano (IMI), Società Italiana di Dermatologia medica, chirurgica, estetica e delle Malattie Sessualmente Trasmesse (SIDeMaST), Associazione Dermatologi Venereologi Ospedalieri Italiani e della Sanità Pubblica (ADOI), Associazione Italiana Malati di Melanoma (A.i.Ma.Me.), Melanoma Italia Onlus (MiO), Associazione Pazienti Italia Melanoma (APAiM), Emme Rouge Onlus e MelanomaDay.

Il melanoma

Il melanoma cutaneo è il tumore della pelle più aggressivo che colpisce una popolazione mediamente giovane rispetto alla maggior parte delle altre neoplasie solide: nella popolazione sotto i 50 anni di età è il secondo tumore più frequente negli uomini (dopo quello del testicolo) e il terzo nelle donne (dopo quelli del seno e della tiroide)5

In Italia l’incidenza del melanoma è aumentata in modo importante negli ultimi dieci anni: per il 2020 sono stati stimati 14.863 nuovi casi (+ 20% rispetto al 2019), di cui 8.100 per gli uomini e 6.700 per le donne1. In Italia vivono oggi circa 170 mila persone (80.069 uomini e 89.831 donne) con una pregressa diagnosi di melanoma1. Il rischio di insorgenza del melanoma cutaneo è legato a fattori fenotipici, ambientali e genetici. L’incidenza al Nord e al Centro Italia risulta due volte più frequente che al Sud sia negli uomini che nelle donne1

Lo stadio del melanoma si basa sulla classificazione TNM e indica l’estensione della malattia. Esso fornisce informazioni sul rischio di ricaduta e mortalità6. La chirurgia è il trattamento di elezione per il melanoma negli stadi iniziali di malattia. Per il trattamento degli stadi più avanzati sono invece disponibili agenti immunoterapici e terapie a bersaglio molecolare (o terapie target). Per quest’ultima tipologia di trattamenti diventa fondamentale la valutazione dello stato mutazionale: alcune mutazioni genetiche sono infatti alla base della proliferazione incontrollata delle cellule. Tra queste, le mutazioni del gene BRAF, che sono presenti in circa la metà dei pazienti affetti da melanoma6

Novartis

Novartis sta interpretando in modo nuovo la medicina allo scopo di migliorare e prolungare la vita delle persone. Come azienda tra i leader a livello globale nel settore farmaceutico, utilizziamo tecnologie scientifiche e digitali innovative per creare terapie trasformative in aree che presentano importanti bisogni medici. Impegnati a scoprire nuovi farmaci, siamo stabilmente tra le prime aziende al mondo negli investimenti in ricerca e sviluppo. I prodotti Novartis raggiungono quasi 800 milioni di persone su scala globale e lavoriamo per individuare modi innovativi per espandere l’accesso ai nostri trattamenti più recenti. A livello mondiale, circa 110.000 persone di oltre 140 diverse nazionalità lavorano in Novartis. Ulteriori informazioni su http://www.novartis.it e http://www.novartis.com. @NovartisItalia è anche su Twitter e LinkedIn.

Novartis in Italia

Con circa 2.170 collaboratori, in Italia Novartis è una delle maggiori aziende del settore farmaceutico, con una solida leadership nell’ambito delle terapie più innovative e in quello dei farmaci equivalenti e biosimilari. Nel panorama nazionale è tra le aziende maggiormente impegnate nella Ricerca & Sviluppo, in particolare nelle attività di sviluppo clinico, area nella quale ha investito oltre 200 milioni di euro nell’ultimo triennio, e un’importante realtà industriale, fortemente orientata all’export. Ulteriori informazioni su http://www.novartis.it e http://www.novartis.com. @NovartisItalia è anche su Twitter e LinkedIn.

Riferimenti

  1. AIOM-AIRTUM, I numeri del cancro in Italia 2020, Intermedia Editore 2021. https://www.fondazioneaiom.it/wp-content/uploads/2020/10/2020_Numeri_Cancro-pazienti-web.pdf
  2. Parker ER. The influence of climate change on skin cancer incidence – A review of the evidence. Int J Womens Dermatol. 2020 Jul 17;7(1):17-27. doi: 10.1016/j.ijwd.2020.07.003. Erratum in: Int J Womens Dermatol. 2021 Sep 28;7(5Part B):867. PMID: 33537393; PMCID: PMC7838246.
  3. https://interactive.carbonbrief.org/impacts-climate-change-one-point-five-degrees-two-degrees/?utm_source=web&utm_campaign=Redirecte#
  4. ISS, https://www.epicentro.iss.it/melanoma/
  5. AIOM, Linee Guida Melanoma, ottobre 2019
  6. Fondazione AIOM, Melanoma cutaneo. Informazioni per i pazienti, 2020 https://www.fondazioneaiom.it/wp-content/uploads/2020/06/2020_QuadernoFondazioneAIOM_MelanomaCutaneo.pdf