A Bologna l’intelligenza artificiale decifra una lingua di 3.500 anni fa

– DIRE.it

Un gruppo di ricerca dell’Università Alma Mater ha messo a punto un sistema di ‘deep learning’ per fare luce sul sistema di scrittura cipro-minoico

15-07-2022 17:30
lingua_cipro_minoica_bologna_1

BOLOGNA – Un sistema di scrittura rimasto ancora indecifrato, proveniente all’isola di Cipro e risalente a circa 3.500 anni fa. Un rebus per i solutori più abili, che per la prima volta è stato affidato all’intelligenza artificiale. E il risultato, pubblicato sulla rivista Plos One, è stato un successo. A portare avanti il progetto è stato un gruppo di ricerca dell’Università Alma Mater di Bologna, utilizzando un sistema di ‘deep learning‘ per fare luce sul sistema di scrittura cipro-minoico.

IL MISTERO DELLE VARIANTI

Diffuso sull’isola di Cipro nella tarda Età del bronzo, ancora oggi non c’è consenso tra gli studiosi sui segni che lo compongono. Secondo alcuni scienziati infatti esistono quattro sottogruppi separati di segni (di cui fa parte anche una variante arcaica), che registrano lingue differenti tra loro. Ma queste differenze potrebbero anche essere dovute a diversi stili e modalità di scrittura.

“Ad oggi non abbiamo certezze su quali segni siano veri e propri grafemi di questo sistema di scrittura e quali siano invece semplicemente delle variantidovute a differenze nella scrittura – spiega Silvia Ferrara, docente di Filologia classica e Italianistica dell’Alma Mater, che ha coordinato lo studio- i risultati che abbiamo ottenuto supportano decisamente l’ipotesi che questi sottogruppi siano composti da varianti legate ai diversi supporti sui quali i segni venivano inscritti”…. leggi tutto su: Sorgente: A Bologna l’intelligenza artificiale decifra una lingua di 3.500 anni fa – DIRE.it