L’amore è il sentimento più celebrato nelle canzoni e nelle poesie di tutto il mondo. Ma non bisogna negare che a Napoli tutto ha un sapore diverso. Complici, forse, i bellissimi panorami e gli angoli suggestivi che la rendono una delle città più romantiche del globo.

Si t”o sapesse dicere

Ah… si putesse dicere
chello c’ ‘o core dice;
quanto sarria felice
si t’ ‘o sapesse dì!
E si putisse sèntere
chello c’ ‘o core sente,
dicisse: “Eternamente
voglio restà cu te!”
Ma ‘o core sape scrivere?
‘O core è analfabeta,
è comm’a nu pùeta
ca nun sape cantà.
Se mbroglia… sposta ‘e vvirgule…
nu punto ammirativo…
mette nu congiuntivo
addò nun nce ‘adda stà…
E tu c’ ‘o staje a ssèntere
te mbruoglie appriess’ a isso,
comme succede spisso…
E addio Felicità!

(Eduardo de Filippo)

*E qual’è la voce più rappresentativa della letteratura in dialetto napoletano, il grande Eduardo. Lui scriveva che la poesia gli serviva a concentrarsi per superare eventuali ostacoli lungo il percorso della stesura delle sue opere teatrali ” ma a poco a poco ci ho preso gusto anche indipendentemente dalle commedie…”
E direi con meravigliosi risultati, questa poesia è un capolavoro di sentimenti in versi, lascia senza parole come il cuore che spesso non si sa esprimere quando è sopraffatto dall’amore , è analfabeto, come un poeta ca’ nun sape cantà