DemoS: “Da irresponsabili aver fatto cadere il Governo-Draghi. Ora al lavoro per aggregare un imponente fronte progressista che intercetti i reali e concreti bisogni dei cittadini”

“Quando parliamo di primato del bene comune sugli interessi personali o di parte, non parliamo di cose astratte: il ritorno alle elezioni ne è un esempio esplicito e lampante. Decidere di far cadere il governo Draghi così, in questo momento, con la guerra in Europa, la pandemia che non è terminata, gli accordi economici (Pnrr) con l’Europa da onorare, una crisi energetica generatrice di crisi sociale in corso… è una follia. Le conseguenze di ciò sono difficili da ipotizzare. La classe politica che l’ha realizzata dovrà darne conto all’Italia e al suo futuro”: questa è la posizione di DemoS-Democrazia Solidale, esternata dal suo Segretario nazionale Paolo Ciani

“Lo scenario politico è drasticamente cambiato. Bisogna con lucidità e lungimiranza prenderne atto, riconoscendo l’importante contributo che l’esecutivo guidato dal presidente Draghi ha dato all’Italia in un periodo contrassegnato da molteplici difficoltà e sfide” aggiunge 

“L’obiettivo primario adesso, ed in ciò desideriamo impegnarci attivamente, è contribuire ad aggregare un imponente fronte progressista che intercetti i reali e concreti bisogni dei cittadini, si confronti con la base per dimostrare che si può fare politica insieme, basi il proprio agire sul costante dialogo e si impegni ad arginare quelle forze politiche che credono di aver già vinto” concludono le Coordinatrici regionale e provinciale, Elena Apollonio e Paola Ferrari.