Diritti, niente morti!

I confini dell’Europa uccidono ogni giorno. Migliaia di migranti forzati muoiono nel tentativo di raggiungere l’Europa o nel tentativo di varcare i suoi confini interni.

Dal 2014 sono morte più di 28.000 persone. Dal 1993 quarantanovemila. Provengono dall’Africa, dall’Asia e dal Medio Oriente e muoiono soprattutto nel Mediterraneo e nell’Atlantico; e anche nei Balcani, nelle Alpi, nel Canale della Manica, nel fiume Bidasoa ai piedi dei Pirenei e in altre zone di confine.

Allo stesso tempo, le persone che riescono a varcare questi confini, lavorano e contribuiscono allo sviluppo delle società europee, la maggior parte di loro vive per lunghi anni senza diritti, senza documenti. Non avere i documenti di cui hanno bisogno li priva dell’accesso ai diritti più fondamentali, come il diritto alla salute o alla giustizia.

Call