(La piccola Diana di 18 mesi è morta di stenti abbandonata dalla madre per 6 giorni…).

Aprivi gli occhi sullo stupore del mondo

passerotto senz’ali  disadatto al  volo

senza nido di braccia a difesa  dal male

il  tuo sorriso di latte sbiadito nel vento

e i gorgheggi di bimba negati dal fato.

Ti affacciavi alla vita senza domande

con il tuo sguardo già serio e da grande

come a declinare una storia senza

inizio e già finita nella tua esile vita.

Forse capivi di essere senza futuro

frutto nato su terra infeconda d’amore

tu solo peso da un pugno di mesi 

appeso sul filo dell’abbandono negazione.

Sola nella stanza troppo angusta per

essere vita e troppo ampia per

non aver timore nel buio senza stelle

né ninna nanne a cullarti nel sonno.

Abbracciata a solitudini adulte senza

difesa da ogni offesa del tempo

del rifiuto hai reclinato la  testolina

come una pratolina nel prato arido

della  disaffezione e della crudeltà

prima ancora di poter dire “mamma”

a chi ti ha generato ma non amato.

la piccola Diana Pifferi