Salvini: “Io ministro dell’Interno? Punto in alto”

Per Salvini la cosa migliore sarebbe che il centrodestra annunciasse prima delle elezioni i nomi dei ministri, almeno i principali

28-07-2022 12:55 Agenzia DIRE

Politica Maria Carmela Fiumanò

MATTEO SALVINI

ROMA – “Io al Viminale? Io punto in alto, ma chiunque farà il ministro dell’Interno dovrà farlo seriamente”. Matteo Salvini, segretario federale della Lega, lo dice arrivando all’assemblea della Coldiretti.

LEGGI ANCHE: Salvini: “La mia ambizione è fare il premier, decidono gli italiani”

CHI PRENDE UN VOTO IN PIÙ VINCE, IO CONVINTO SARÀ LA LEGA

Il centrodestra è una squadra, “poi chi prende un voto in più vince. Io ho l’ambizione e la convinzione che fra due mesi sarà la Lega, ma se fosse Berlusconi, Meloni o Cesa saranno loro”, dice Salvini.


“GRADIREI CENTRODESTRA PRESENTASSE MINISTRI PRIMA DI VOTO”

Enrico Letta dice che l’accordo è arrivato velocemente perché le altre forze si sono schiacciate a favore di Giorgia Meloni, invece “nel centrodestra abbiamo trovato un accordo che mette d’accordo tutti e possiamo dire scelgono gli italiani: un programma, una squadra e una coalizione”. Salvini lo dice arrivando all’assemblea della Coldiretti. Certo “noi più che a nomi e posti badiamo ai contenuti“, ricorda Salvini, ma “io vado oltre: mi piacerebbe che il centrodestra come squadra alcuni ministri, i più importanti, li presentasse agli italiani prima del voto e dicesse che se vinciamo il ministro dell’Economia, degli Esteri, della Giustizia saranno lui o lei. È il bello di una squadra”.

LEGGI ANCHE: Letta: “Non ci sarà pareggio, la scelta è tra noi e Meloni”

“DRAGHI ANDATO A CASA PER M5S CONTRARI A TERMOVALORIZZATORE”

“Draghi è andato a casa perché i 5S non volevano il termovalorizzatore di Roma, e significa vivere su Marte perché i rifiuti diventano ricchezza ovunque, e il Pd non ha voluto fare a meno dei 5s. Questo è il riassunto della caduta di Draghi”, dice ancora Salvini.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte Agenzia DIRE e l’indirizzo www.dire.it