Carezze

Si, parlami con vocio d’usignolo

mi piace tanto il tenero sussurro,

mi sono ritrovata nell’azzurro

con la felicità di essere in volo.

Ascoltami, sai non posso ignorare

carezze tenere e il gesto rapace,

tu mi rammenti quell’attimo audace

che dopo la passione sa quietare.

Ci inoltriamo in un mondo di nuvole

incauti ci doniamo al nostro sogno

sei l’emozione delle mie favole.

Nella sera non saremo mai soli

c’è sempre un arcobaleno, e voglio

che di colori dipinga i miei voli.

Mirella Ester Pennone Masi 2012