È un dovere presentarvi un personaggio di grande spessore culturale nel panorama italico. Il professore Aldo Zolfino è giornalista dal 1980 e presidente dell’Accademia Velardiniello di Napoli (di cui anche io sono accademico ad honoris causa). Velardiniello per la storia era un grande cantante di strada, poeta, narratore, autore delle villanelle.  Il professore Zolfino è moderatore, conferenziere, scopritore di talenti, recensore, critico. Per non dilungarmi troppo e non annoiare vorrei spendere poche parole, ma si spera significative (soppeso e pondero sempre le parole. Non sono mai elogiativo o celebrativo a sproposito, ma riconosco obiettivamente i meriti o almeno cerco). Zolfino ha attraversato la cultura e la poesia del Novecento e di questi anni del duemila. Spesso racconta aneddoti molto interessanti sui protagonisti del Novecento, che ha avuto modo di conoscere. È un uomo dalla grande intelligenza e cultura. È plurilaureato, pur rivelandosi una persona schietta, simpatica. Non è assolutamente chiuso nella sua torre d’avorio. Anzi conosce bene le persone e il mondo. È apolitico e apartitico, come la stessa accademia che presiede. Riesce a dare visibilità agli sconosciuti, ai talenti poco noti. Gestisce molti gruppi Facebook seguitissimi.  Potete fare una ricerca su Facebook, digitando il suo nome e cognome, per averne la controprova. Io vi do uno dei tanti link facebookiani. Ecco un suo profilo Facebook, ma ne ha diversi:

https://m.facebook.com/GiornAldo-ProfZolfino-recensore-conferenziere-534095593379691/

Così come vi invito ad iscrivervi ai suoi gruppi Facebook. Rimarrete colpiti dalla sua cultura e profondità.  È anche un eccellente poeta. Se fate una ricerca su youtube, digitando le sue generalità,  spunteranno fuori molti video delle sue lezioni magistrali, delle sue interviste ad artisti, delle sue poesie declamate. Famosi sono i suoi audiolibri della durata anche di due ore sulla vita e le opere degli accademici e su personaggi della cultura e della letteratura italiana ma anche internazionale.  Va ricordato anche che il professor Zolfino difende da sempre i diritti delle persone disabili. Zolfino è un uomo che si spende e si impegna per la solidarietà, la cultura, un’Italia migliore. Ci vorrebbero più uomini di questa levatura in questa epoca cosiddetta di “basso impero”, di paludi e di catacombe. 

In particolar modo vi invito a iscrivervi al gruppo Facebook dell’Accademia Velardiniello per rimanere sempre aggiornati sulle novità:

https://m.facebook.com/groups/272487101200167?group_view_referrer=search