gravido è questo
ovest
e con l’orecchio arreso

come fune che
fustiga vento 
a colpi di abisso
rincorro
ciò che non mi rincorre
più

il perduto va arando ogni momento
il perdente

con triste tenerezza