Il reddito di cittadinanza compare in molti programmi, non solo in quello del Movimento 5 Stelle. Ma non solo: si menzionano anche salario minimo e tagli alle tasse, ma le strategie per raggiungere questi obiettivi non sono molto chiare

Persone in fila al Pane Quotidiano di MilanoMIGUEL MEDINA/GETTY IMAGES
Wired Italia

Cosa vogliono i fare i partiti per combattere la povertà

Secondo l’ultimo rapporto dell’Istat, che fa riferimento al 2021, in Italia ci sono 1,9 milioni di famiglie e 5,6 milioni di individui che vivono in condizione di povertà assoluta, ovvero che non si possono permettere le spese minime per condurre una vita accettabile basandosi su un paniere di beni considerati essenziali dall’ente. Si tratta, rispettivamente, del 7,5% e del 9,4% del totale. È un leggero miglioramento rispetto al 2020, anno in cui per entrambi i dati si sono registrati i massimi storici, rispettivamente il 7,7% e il 9,4%. Evidentemente non un miglioramento sufficiente. È un dato ancora più significativo se ne si analizza la composizione. Per esempio, la povertà assoluta è relativamente più diffusa al sud (10,0%) che al nord (6,7%). Riguarda di più i minori che gli adulti, dato che il 14,2% degli individui che hanno meno di diciotto anni – per un totale di 1,4 milioni di individui – vivono in condizioni di povertà assoluta, mentre la condizione interessa “solo” il 5,3% degli over 65. Riguarda di più gli stranieri residenti (32,4%) che gli italiani (7,2%). Riguarda di più le famiglie numerose che quelle meno numerose… leggi tutto su: https://www.wired.it/article/poverta-elezioni-2022-programmi-partiti/