Alessandria, pronta la nuova Amag con Perissinotto presidente

Date: 6 settembre 2022

Author: Enrico Sozzetti

Il gruppo Amag di Alessandria ha un nuovo presidente: Claudio Perissinotto. Già alla guida di Amag Ambiente, arriva a occupare la carica che è stata di Paolo Arrobbio. La giunta comunale guidata da Giorgio Abonante ha designato, oltre al presidente, altri due membri del consiglio di amministrazione. Il primo è Claudio Biestro, torinese, e Melania Monaco, alessandrina. Il primo ha una esperienza pluriennale in ambito Human Resources, specializzato nella gestione di grandi realtà e nel supporto alla linea di business, come recita la scheda di Linkedin, con focus particolare “sulla gestione delle relazioni industriali e diritto e contenzioso del lavoro con riferimento a negoziati in vari contesti: integrativo aziendale, introduzione di vari istituti”. Monaco, ingegnere, ha maturato esperienze nel campo delle risorse umane e management.

Come sarà la nuova Amag e come gestirà l’eredità industriale? Ovviamente è presto per dirlo anche perché devono essere ancora completate le caselle relative alle cariche delle altre società controllate del gruppo. Quello che è emerso nelle ore successive alla decisione è che i primi malumori non sono mancati. E proprio in casa del Pd alessandrino, dove c’è chi non ha mancato di manifestare critiche per la decisione del primo cittadino.

Invece appare nel solco di una tradizione ben più ancorata nella storia della sinistra alessandrina (o di quello che ne resta) la nomina di Margherita Bassini alla presidenza del Cissaca, il consorzio dei servizi sociali. Bassini, già assessore comunale in un passato lontano alcuni decenni, ha avuto una esperienza anche nel Ciss, Consorzio Intercomunale Servizi Sociali del Valenzano.

Pubblicato da Enrico Sozzetti

Giornalista. Curioso. Talvolta irriverente. Lo so, sono fatto così. Il blog è nato per raccontare. Dall’economia, di cui mi occupo, alla sanità e all’università (altri temi che seguo da anni con passione e interesse) e a tutto quello che è di interesse pubblico e che troppe volte i colleghi dimenticano per accontentare, invece, solo qualcuno. Scrivo da oltre vent’anni di economia, ho lavorato per Il Sole 24 Ore, il Corriere della Sera, l’agenzia Agi, sono stato responsabile della pagina di ‘Economia & Lavoro’ del giornale ‘Il Piccolo’ di Alessandria e collaboro con ‘Il Monferrato’ di Casale Monferrato. Ho pubblicato alcuni libri dedicati a storie di imprese innovative dell’alessandrino, ai 50 anni dell’Api (associazione piccole e medie imprese), i 60 anni della Cisl, i 40 anni della Scuola Edile e alla storia della Uil della provincia di Alessandria. L’ultimo volume che ho pubblicato è ‘Alessandria, gli ultimi 50 anni. Una finestra sugli eventi socioeconomici’ (edizioni Palazzo del Governatore di Alessandria). Ho curato ‘Sono Beppe d’la Ruchetta’, libro che racconta “la vita da cuoco e non solo” di Beppe Sardi di Rocchetta Tanaro e ‘La cucina delle emozioni lungo le vie del sale’. Collaboro a riviste economiche e ho realizzato reportage su Cina e Israele. E la curiosità per il mondo e per il racconto è sempre la stessa del primo giorno in cui ho inserito un foglio bianco nel rullo della macchina per scrivere