Ancora un autunno.

Stagione di passaggio

inganno dai forti colori

e profumi nati dalla terra.

Effimera coda d’estate

regala giorni assolati

mentre , in silenzio, dipinge di giallo le foglie.

E si allea con le nuvole ,

se bianche le spruzza di acquerello grigiastro, poi le pasticcia di nero…e le chiama tempesta.

Così, tra il chiaro-scuro trascorre ancora il mio settembre poi, forse, un altro inverno .

gt@