Fenice

Vergine sbiadita
da un mondo confuso
oppresso il pensiero
in scatole di parole
rinasco araba fenice
scardinandone le porte

Vile la vita tutta in salita
mille gradini scoscesi
mille insidie da evitare
nell'indifferenza patita 
da ripagare silentemente
per liberarmi dal giogo

Vuoto il sacco pendente
dal saio indossato
avara sorte di scelta
impavida mi rese rea
in fondo al pozzo
di desiderio 
accendo la luce

Roberta Calati