Di nulla intravedo

l’inizio

se non di nuvole

assorte

sul finire dell’estate

e mi bagno di pioggia

minuta

come lacrime

dal sapore autunnale

che la terra ingoia

arsa d’ineffabile

attesa.

© Antonio Fasolo