PRINCIPIO D’ESTATE

Dolore, dove sei? qui non ti vedo;
ogni apparenza t’è contraria. Il sole
indora la città, brilla nel mare.
D’ogni sorta veicoli alla riva
portano in giro qualcosa o qualcuno.
Tutto si muove lietamente, come
tutto fosse di esistere felice.

UMBERTO SABA, Canzoniere, Ultime cose 1943

Strofa unica di 7 endecasillabi, priva di rime. L’incipit è un’interrogativa retorica: il dolore non c’è; la poesia è allegra e spande gioia di vivere: ‘Tutto si muove lietamente, come/ tutto fosse di esistere felice’; notevole l’iperbato; ‘tutto’ in punta di verso è iterato nel verso successivo. Il paesaggio marino è pieno di luce: ‘il sole/ indora la città, brilla nel mare’. Il porto di Trieste è descritto in attività: ‘D’ogni sorta di veicoli alla riva/ portano in giro qualcosa o qualcuno’, altro iperbato.