Alessandria, pubblicato da Pier Carlo Lava – Social Media Manager – https://alessandria.today/

APPENNINO NEWS

RECUPERATO UN ALTRO LUPO MORTO A OVADA

6 Novembre 2022

Venerdì 4 novembre è stato recuperato un altro lupo morto ad Ovada, lungo i binari della linea ferroviaria Acqui Terme-Genova, in località Volpina.

Come da protocollo, sono stati informati i Carabinieri Forestali della stazione locale, la Provincia di Alessandria (ente preposto all’intervento per il recupero della fauna selvatica) e le Aree Protette dell’Appennino Piemontese Centro Associato Grandi Carnivori della Regione Piemonte).

L’animale è stato portato al Presidio Multizonale Veterinario di Alessandria per gli accertamenti delle cause di morte che verranno effettuati come al solito presso l’Università di Torino dal Dipartimento di Scienze veterinarie e dall’Istituto Zooprofilattico Sperimentale del Piemonte Liguria e Valle d’Aosta (IZP)-Centro di Referenza Nazionale per le Malattie degli Animali Selvatici (CeRMAS). 

Purtroppo dovrebbe trattarsi del lupo alfa di uno dei branchi monitorati nell’ambito del Progetto LIFE Wolfalps EU sull’Appennino Piemontese, riconoscibile dalla coda mozzata e dalle dimensioni; è comunque un lupo adulto in buone condizioni fisiche.

Sull’Appennino Piemontese, negli ultimi anni, si è verificata una diffusione della specie anche in aree collinari e di pianura, generalmente più antropizzate, con strade e ferrovie; questo fenomeno ha comportato un incremento dei ritrovamenti di lupi morti, che rappresenta sempre un evento straordinario di grande interesse per stampa, cittadini e amministratori.

In Regione Piemonte i ritrovamenti di lupi morti in area alpina, valutando le casistiche ormai di oltre vent’anni, sono concentrati nel periodo novembre-aprile, con un picco nel mese di marzo; probabilmente questo è dovuto al più alto utilizzo da parte dei lupi di zone del fondovalle e a bassa quota nei mesi invernali, dove infatti avvengono la maggior parte degli incidenti.

Il periodo del tardo inverno – inizio primavera (fine febbraio, marzo e aprile) coincide con il momento più intenso di dispersioni di giovani lupi in cerca di nuovi territori, situazione che li espone a un maggior rischio di mortalità.

Allo scopo di fare chiarezza e di fornire un’informazione corretta, il Centro Grandi Carnivori, del quale le Aree Protette dell’Appennino Piemontese è Ente Associato, si impegna a dare notizia dei ritrovamenti di lupi morti e dei relativi risultati necroscopici non appena disponibili e solo se divulgabili: le informazioni relative a illeciti su cui ci sono indagini in corso, sono infatti sottoposte a segreto istruttorio.

Per avere un aggiornamento sul ritrovamento e sul recupero lupi morti in Piemonte è possibile consultare la pagina del sito del Centro Grandi Carnivori

lupo morto il 4 novembre – foto Germano Ferrando (Archivio APAP)

Di Lorenzo Vay – Ufficio Stampa APAP