Alessandria, pubblicato da Pier Carlo Lava – Social Media Manager – https://alessandria.today/

L’uomo e il tradimento: breve riflessione su Giuda Iscariota.

Una figura biblica su cui ho più volte riflettuto è Giuda Iscariota, il discepolo traditore.

Da bambino lo odiavo poichè non lo capivo, per me era solo colui che aveva venduto il Salvatore. Poi, crescendo, ho iniziato a compatirlo perchè ho compreso che non è il Diavolo ma solo un povero diavolo.

Giuda rappresenta l’uomo opportunista, cioè colui che agisce sempre e soltanto in base al proprio interesse, alla propria convenienza.

Egli è il simbolo del fallimento dell’uomo che si trasforma in traditore del proprio padre, o del figlio, o del fratello, o dell’amico, per possedere nient’altro che un pò di “sterco del diavolo”.

I trenta denari sono solo un simbolo: l’uomo tradisce per denaro, ma anche per potere, per vanagloria, per rabbia, per invidia, per paura, per demenza. E il tradimento non ha età, è una serpe che si insinua nel giovane e nell’anziano.

Dunque, perchè Giuda è un povero diavolo? Perchè l’uomo che tradisce un innocente per sua convenienza in realtà profana se stesso. E si condanna al rimorso e all’oblio, come l’Iscariota.