Lei era come neve,

se la toccavo si scioglieva tutta,

poi si irrigidiva ghiacciata,

era sempre candida,

ma dentro nascondeva, quello che non saprei dire.

Era misteriosa, incomprensibile, talvolta cristallina,

altre volte, dura, marmorea.

Era difficile che io accedessi, sotto la sua superficie,

un mondo sconosciuto,

era come un vulcano dormiente

e lava incandescente,

anima impenetrabile,

calda sotto le carezze.

Un giorno mi disse che tutte le volte,

che si era rivelata,

era stata calpestata.

Come dargli torto, dura nella sua fragilità!

Essere neve, la difendeva. Iris G. DM

Alessandria, pubblicato da Pier Carlo Lava 

Social Media Manager – https://alessandria.today/