Continua ad Asti il successo di Bra, Raschera e Toma Piemontese presenti a

“Il Magico Paese di Natale 2022”

I tre grandi formaggi piemontesi sono ospiti di un evento che accende i fari sulle tre eccellenze casearie dando il via al periodo più atteso dell’anno

 

Bra, Raschera e Toma piemontese allietano il clima delle feste presenziando nuovamente ad Asti all’interno di un evento che è diventato un punto di riferimento fisso sul calendario dei tre Consorzi: Il Magico Paese di Natale 2022. La celebre manifestazione, giunta ormai alla XVI edizione si è aperta sabato 12 novembre e, fino a domenica 18 dicembre, darà la possibilità a grandi e piccini di immergersi completamente in un’atmosfera incantata e unica. Da anni la celebre kermesse attira, infatti, un’affluenza considerevole di visitatori da tutta Italia e dall’estero, confermandosi uno dei momenti più attesi, in virtù anche della sua capacità di unire i migliori sapori del nostro territorio al clima speciale tipico delle festività invernali. Il mercatino di Asti sarà visitabile nei week end del 19-20 e 26-27 novembre; dall’1 al 4 dicembre, dall’8 all’11 dicembre e dal 15 al 18 dicembre.

“Siamo orgogliosi di riconfermare la nostra presenza in occasione di uno degli appuntamenti più importanti per quanto riguarda la valorizzazione dei prodotti locali – commenta Franco Biraghi, presidente dei Consorzi di tutela di Bra, Raschera e Toma Piemontese Dop -. Queste tre eccellenze casearie piemontesi rappresentino da secoli dei punti di riferimento quando parliamo di formaggi buoni e genuini, simboli del Piemonte e connotati dalla loro capacità di unire gusto, genuinità e un’estrema versatilità che li rende ambiti protagonisti delle ricette più diverse”.

I consumatori, che dimostrano costantemente di apprezzare in ampia misura il Bra, il Raschera e la Toma Piemontese, li potranno trovare ad Asti, all’interno delle casette del mercatino con possibilità di degustarli e acquistarli direttamente dal Consorzio presso due degli stand in legno che affollano corso Alfieri. Caratterizzati da sfaccettature di sapori che sono imprescindibili all’interno di ogni cucina che si rispetti e che spaziano dalla dolcezza del Bra Tenero alla sapidità della versione dura, passando attraverso la delicatezza della Toma Piemontese e la morbidezza del Raschera, “questi formaggi sono una ricchezza imprescindibile di cui non possiamo che andare fieri, nonché un inestimabile patrimonio gastronomico che si inserisce all’interno di una Provincia che ha tra i suoi punti di forza una cultura alimentare di altissimo livello”.

Con queste parole i vice-presidenti dei tre Consorzi Silvana Longo, Marco Quaglia e Mario Cappa sottolineano le innumerevoli potenzialità di queste tre Dop, perfette da degustare in purezza o da inserire all’interno dei piatti della tradizione, strizzando l’occhio anche all’innovazione che prevede abbinamenti di sapori più originali all’interno dei quali il Bra, il Raschera e la Toma Piemontese garantiscono il loro imprescindibile contributo. “I nostri tre grandi formaggi piemontesi aspettano turisti e visitatori per accompagnarli con gusto nel periodo più magico dell’anno, assicurando la soddisfazione dei palati di adulti e bambini”, concludono i tre vice-presidenti.