Alessandria, pubblicato da Pier Carlo Lava 

Social Media Manager – https://alessandria.today/

Sollecitare le istituzioni a promuovere ogni iniziativa utile a migliorare la sicurezza stradale. Lo chiede DemoS-Democrazia Solidale

“Secondo quanto riferito recentemente dalla Commissione europea – sottolinea la segretaria provinciale Paola Ferrari – nel 2021 le vittime della strada in Europa sono aumentate: quasi 20mila persone hanno perso la vita e il tasso è cresciuto del 6% rispetto al 2020, pur restando inferiore ai livelli pre-pandemia. Nello stesso periodo, gli incidenti stradali in Italia sono stati quasi 152mila. 416 al giorno. I feriti sono stati circa 205mila, pari a 561 al giorno. Le vittime registrate nel 2021 sono 2.875, 8 al giorno. SI tratta perciò di dati in aumento di oltre il 20% rispetto al 2020 e inferiori di circa il 10% rispetto ai livelli pre-pandemia. Un dato parzialmente confortante lo registra il nostro Piemonte: qui il tasso di mortalità è sceso più della media nazionale, secondo gli ultimi dati sempre riferiti al ‘21″

Tra i comportamenti errati alla i più frequenti si confermano la distrazione, il mancato rispetto delle precedenze e la velocità elevata. Condotte che possono avere ripercussioni non solo nei confronti di chi viaggia sui mezzi di locomozione ma anche sui pedoni e sui ciclisti, che sono le persone più vulnerabili. Sempre nel 2021 sono avvenuti oltre 17mila investimenti di pedoni – 47 al giorno, 2 all’ora – in cui hanno perso la vita 471 persone, 330 uomini e 141 donne. Un dato in aumento del 13% rispetto all’anno precedente. Nel 2002, prima dell’introduzione della “patente a punti” i morti furono 1.226. 

Preoccupa anche il numero di pedoni feriti, alcuni con danni permanenti, pari a 16mila e 700, 45 al giorno, con un aumento di oltre 3mila unità rispetto all’anno precedente.