ANTARES

Resterai,

nelle pieghe dell’anima

avvolto e amato

come un fiore appena colto.

Ricordi che asciugheranno

lacrime e renderanno

luminosi i cammini

in solitaria che si prospettano

alla fine di qualcosa

che credevamo eterna.

Mani tese

ad afferrare gomitoli

di parole, di voli

a volte.. precipitati al suolo

lasceranno scie di vento

che impalpabile disperderà

la polvere di antiche ferite riaperte

richiuse , nuovamente sanguinanti.

Restano sprazzi di rosso che

come ANTARES, coloreranno

cioè che resta della VITA!

©copyright legge 633/1941

Paola Varotto