L’apparire di sparsi movimenti

del sole, delle strisce lunari

poi nella loro luce gli animali

tra foglie tutte nuove

disegni, come i gesti delle fate

e dei maghi

discendere da loro

in un destino

nel fumo

negli spazi

essere stati il futuro di qualcuno.

SILVIA BRE

Questa poesia, priva di rime, fa parte della raccolta “Le campane”, pubblicata da Einaudi nel 2022. E’ disposta in: distico, quartina, distico, distico, verso irrelato. I versi sono 11; ho contato 3 endecasillabi, 1 decasillabo, 2 settenari, 2 quaternari, 1 quinario, 1 trisillabo, 1 doppio senario. La poetessa esprime un desiderio, che non può attuarsi nella realtà, ma solo nel sogno. Vorrebbe essere stata il futuro di qualcuno, in un paesaggio personificato, con la comparsa dei raggi del sole e della luna; tra gli animali, le foglie nuove, disegni, come i gesti delle fate e dei maghi; vorrebbe discendere da loro, e vivere il loro stesso destino, nel fumo e negli spazi.