Alessandria, post pubblicato a cura di Pier Carlo Lava 

Social Media Manager – https://alessandria.today/

ER CIMAROLO (vernacolo)

Ecchime…so’ er cimarolo er mejo

de tutti li carciofi co’ ‘a chioma arotonnata

de’ ‘na grannezza mai vista prima

co’ ‘na tinta fra er verde stantio

e er violetto che te se ‘nfila drento

l’occhio pe’ fallo godè da subbito.

Nun ciò gnente a che vedè co’

quei mei parenti striminziti

che si nun t’avvedi te bucheno er palato

cor pelo niscosto nel profonno

e fregatte mejo ‘n’do’ ‘o sguardo

nun ce po’ arivà.

Nun te poi mai sbaijà…come me

cucini so’ sempre prelibbato…

lesso, a la giudia, a spicchi o

come artro te pare.

Accompagnato cor limone

che me schiarisce ‘ a corolla

ce poi giurà so’ un ‘n piatto sopraffino.

In quer de Caere me piace d’esse

cortivato e lì mani robbuste

me raccojeno da dicembre a

aprile pe’ famme interpretà l’anteprima

ner mercato ove ‘ perzone se litigheno

pe’ potemmese accaparà….

@Silvia De Angelis

IL CIMAROLO (traduzione)

Eccomi, sono il cimarolo il

meglio di tutti i carciofi con la chioma arrotondata

di una grandezza mai vista prima

con una tinta fra il verde stantio

e il violetto che s’infila

dentro l’occhio per farlo godere da subito.

Non ho nulla a che vedere con

quei miei paranti striminziti

che se non fai attenzione ti bucano il palato

col pelo nascosto nel profondo

e fregarti meglio dove lo sugardo

non può arrivare.

Non ti puoi mai sbagliare come mi

cucini sono sempre prelibato…

lesso a la giudia, a spicchi

o come altro desideri.

Insieme al limone

che mi schiarisce la corolla

puoi giurarci sono un piatto sopraffino.

In quel di Caere (Cerveteri) mi piace di essere

coltivato e lì mani robuste

mi raccolgono da dicembre

https://ssilviadeangelis5.blogspot.com/