Alessandria, post pubblicato a cura di Pier Carlo Lava 

Social Media Manager – https://alessandria.today/

alessandriatoday@yahoo.com

Langa di fumo e di profumo.

Rose gialle nella curva

di Bossolasco per finire

ferme nella luce di tela

in Menzio, Paulucci e Chessa.

Vigne a ragnatela sulle schiene

di Dogliani che si incottano

nel merletto superstite

dello Schellino.

Nebbia che riprende

quel profumo e quel fumo

che si alza dalla terra

friata dall’acqua

e dall’arsura di una tenerezza

che pesa il tempo

sull’aprile della mano.

NICO ORENGO

Questa poesia è tratta da “Langhe. Memorie, testimonianze, racconti”, Einaudi, Torino 1991. Strofa lunga di 16 versi. Ho contato: 5 novenari, 3 ottonari, 2 endecasillabi, 1 quinario, 3 senari, 2 settenari. Parafrasi. ‘Langa’: le Langhe sono le colline tra Asti e Cuneo, quelle intorno ad Alba furono descritte da Fenoglio; ‘fumo’: la nebbia che sale dal terreno; ‘Bossolasco’: paese delle Langhe; ‘tela’: quella dei quadri; ‘Menzio, Paulucci e Chessa’: tre pittori torinesi; Dogliani: paese delle Langhe con vigneti sterminati, celebre per il dolcetto e il barbera; ‘incottano’: la cotta viene indossata dai chierichetti quando servono la messa; ‘Schellino’: il suo “Ritiro della Sacra Famiglia” fu realizzato con traforo e antichi merletti, a Dogliani; ‘friata’: resa friabile. Poesia visiva e colorata che descrive, in modo accurato e preciso, il paesaggio delle Langhe. La tenerezza è l’affetto che sente Orengo quando va nelle Langhe, e che provano coloro che amano queste colline.