THE WAIT

Sitting under the wisteria I think of you.
I feel that breath in the pure air
that feeds this hour in pure light:
What could I tell you if you were here?

Nothing more than what you already know,
you bear me and adore me in silence
I’m reborn a thousand times if you live me,
this makes me feel more important.

On a whim the sun is already declining,
and it’s like I’m on the high seas,
in the heart is a morning thought
even if it still cradles itself in torpor.

You will feel my caress in the wind
it will be a late flight of a butterfly,
the bittersweet goal and unconsciousness,
for this sweet worry which is waiting.
*

L’ ATTESA

Seduta sotto il glicine penso a te.
Sento nell’aria pura quel respiro
che alimenta quest’ora in pura luce:
cosa potrei dirti se tu fossi qui?

Nulla di più di quello che già sai,
tu mi sopporti e adori in silenzio
rinasco mille volte se mi vivi,
questo mi fa sentire più importante.

Per capriccio già declina il sole,
ed è come fossi in alto mare,
nel cuore c’è un pensiero mattiniero
seppure ancor si culla nel torpore.

Sentirai la mia carezza nel vento
sarà un volo tardivo di farfalla,
la meta dolceamara e incoscienza,
per questo dolce cruccio ch’è l’attesa.

@Mirella Ester Pennone Masi. 2016