La rosa è il fiore più amato e ammirato di tutti i tempi, ma è anche il più ricco di significati e di simboli e per questo, nel corso del tempo, sono nate tante leggende e teorie che si sforzano di dare un significato alle diverse varietà di rose spontanee e di rose ibride ottenute tramite innesti ed esperimenti di laboratorio ma l’unica rosa che non è stato possibile ottenere, né dalla natura e nemmeno in laboratorio, è quella di colore blu.
Le rose blu che troviamo in commercio sono in realtà rose bianche leggermente tinte di blu.
Vi racconto la favola della Rosa Blu.

Tanti anni fa, nel Regno delle Rose, viveva una Principessa di nome Rosa Fiore, era bellissima, mora con gli occhi scuri, con la pelle levigata e che emanava un buonissimo profumo di rosa appena colta.
Con lei viveva il vecchio padre, Re Rosario e una sorellastra, perfida e cattiva di nome Rosa Nera, figlia di seconde nozze del Re.
La legge del regno prevedeva che avrebbe ereditato il potere e tutte le ricchezze la Principessa sposata e al momento la futura erede era Rosa Nera che si era sposata mentre Rosa Fiore era ancora in attesa del suo grande amore.
Il vecchio Re voleva come sua erede la Principessa Rosa Fiore e le metteva fretta nel scegliere il suo sposo e un giorno le chiese che si sarebbe dovuta decidere scegliendo tra i vari pretendenti che avrebbe invitati a corte.
Rosa Fiore per accontentare il padre acconsenti’ alla sua richiesta. Questa richiesta era stata ascoltata anche da un servo che riporto’ tutto a Rosa Nera.
La perfida Rosa Nera si rivolse allora ad una strega malefica e le chiese di fare un sortilegio contro la Principessa Rosa Fiore, per non farla sposare e rimanere lei l’unica erede.
La strega acconsenti’ e trasformatesi in una mendicante si reco’ al castello e disse a Rosa Fiore:
Se mi dai un po’ di cibo e un po’ di acqua, ti svelero’ cosa devi chiedere ai tuoi pretendenti, per trovare quello che ti amera’ veramente e diventare un giorno la regina, pero’ devi giurare di chiedere quello che ti diro’ io, se chiederai qualcosa di diverso, tuo padre morira’ subito e tu rimarrai zitella per sempre…
Rosa Fiore acconsentì con entusiasmo.
La mendicante allora le disse:
Il tuo prescelto sara’ colui che ti portera’ in dono una rosa blu!
La principessa Rosa Fiore scoppio’ in lacrime dicendo che le rose blu non esistono e che non si potra’ mai sposare rimanendo zitella per tutta la vita…e scappo’ via tra le lacrime.
Il primo di maggio, giorno del suo compleanno il Re organizzo’ una bellissima festa e la principessa ricevette i pretendenti e chiese loro tra le lacrime di portarle in dono una “rosa blu”.
Tutti i principi della zona uscirono dal castello alla ricerca dello strano fiore, al ritorno nessuno era riuscito a portarle una Rosa Blu come era suo desiderio.
Fra questi pretendenti ce n’era uno che era cosi tanto innamorato di Rosa Fiore che al solo sentire il profumo che essa emanava, si emozionava cosi tanto che il cuore gli batteva
fortissimo. Egli prima di andarsene disse: Rosa Fiore, ti giuro che un giorno ti regalero’ una Rosa Blu , come tu tanto desideri!
Il giorno dopo il principe Innamorato ando’ a chiedere consiglio al un mago , gli chiese di trasformare la rosa bianca che aveva con se’ in una rosa blu.
Il mago con suo dispiacere gli disse che non poteva farlo perche’ la principessa era vittima di un sortilegio e non poteva trasformare la rosa bianca in Rosa Blu perche’ la strega aveva dei poteri molto piu’ grandi dei suoi.
Il mago pero’ ebbe un’idea e disse al principe:
Tu sei un principe, nelle tue vene scorre sangue blu, potresti dunque colorare questa rosa bianca con il tuo sangue blu ma ne occorrera’ cosi tanto che se lo farai rischierai di morire.
Il principe innamorato non ci penso’ due volte, prese la sua spada, si feri’ ad una mano e con il suo sangue blu coloro’ tutta la rosa bianca ma aveva perso tanto sangue che si accascio’ a terra
tenendo stretta la rosa blu. Con un filo di voce riusci’ a dire al mago di trasformarsi in una rondine e portare la rosa blu al castello seguito dal suo cavallo. Dopo queste parole il principe innamorato perse i sensi.
Il mago si trasformo’ in una rondine, prese con il becco la rosa blu e la porto’ alla principessa Rosa Fiore, che quando la vide, ebbe un sussulto al cuore.
La principessa sali sul cavallo del principe e segui la rondine , fino al luogo dove era il Principe Innamorato morente.
Il cuore del principe non batteva quasi piu’ e la principessa gli si avvicino’ piangendo e gli accarezzo’ la fronte, la mano di lei profumava cosi’ tanto di rosa che il principe ne ricordò il profumo intenso e il suo cuore ricomincio’ a battere cosi forte che subito riprese i sensi.
Fu portato al castello e curato con amore da Rosa Fiore.
Il sortilegio era stato sconfitto perche’ il Principe innamorato aveva donato alla Principessa quello che lei aveva chiesto.
Rosa Fiore sposo’ il suo Principe e i loro bambini giocarono felici nel giardino del castello dove furono coltivate tante bellissime rose blu.


Che bella favola… quante di noi vorrebbero una rosa blu come il principe e la principessa.
Ecco perché per tanti secoli questa rosa blu ha ispirato poeti… scrittori e anche un noto cantante di musica leggera, Michele Zarrillo che ha scritto un noto brano intitolato proprio
“ Una rosa blu”. Il testo, di natura melodica e sentimentale, parla di un tatuaggio raffigurante proprio una rosa blu, tatuaggio appartenente alla donna amata, considerata unica e speciale dal suo innamorato. Influenzata dal testo di questa canzone, la simbologia moderna attribuisce alla rosa blu il significato di unicità e originalità di una persona. Chi ama le rose blu, ma soprattutto chi le riceve in regalo, viene considerato “unico”, “speciale” ed “inimitabile.
Non si regala facilmente..a me è stata regalata una sola volta..e nemmeno al naturale… in fotografia ma l’effetto è stato sempre bellissimo ed emozionante perché è raro che qualcuno la regali.
Giuseppina