Dal 7 aprile IL SEQUESTRO vi sequestrerà...

Il cast, tra cui i “nostri” Ciufoli, Formicola e Biacchi,

rapirà il pubblico trascinandolo in una delirante,

spassosa e sgangherata lotta all’ingiustizia.

Sul palco del Martinitt con la primavera arriva voglia di libertà, a tutti i costi. Anche a costo di toglierla a qualcuno, in nome della causa… e delle risate. La pièce di Fran Nortes, interpretata con naturalezza e tanto divertimento da un quintetto d’eccezione, sposa perfettamente la filosofia del tempio milanese della commedia: affrontare –e in questo caso denunciare- temi anche forti, con il buonumore. Quello su cui si accenderanno i riflettori è un racconto di lotta e di esasperazione, che vuole scuotere la coscienza scuotendo il diaframma. Perché ridere fa bene e fa anche pensare. In scena fino al 23 aprile.

Una commedia brillante, dalla penna del drammaturgo spagnolo Fran Nortes, inedita in Italia fino al debutto la scorsa estate al Festival Teatrale di Borgio Verezzi, irrompe con la sua rocambolesca trama nella primavera del Martinitt. IL SEQUESTRO, in scena dal 7 al 23 aprile, cammina sul filo degli opposti, a partire dal tema drammatico e il modo esilarante di trattarlo. Cinque i bravissimi interpreti, alcuni dei quali ben noti al pubblico di via Pitteri: Nino Formicola (Paolo, il sequestratore), Roberto Ciufoli (Mauro, il cognato), Sarah Biacchi (Monica, la sorella), Daniele Marmi (Angelo, il sequestrato) e Alessandra Frabetti (Ministra, madre di Angelo). A coordinarli, il regista Rosario Lisma, che sottolinea: “Credo fortemente che la risata sia da sempre –dall’origine del teatro e quindi dell’umanità, da Aristofane a Chapli, fino ai giorni nostri- la forza più dirompente per spostare la mente di chi guarda”. In perfetto stile Martinitt, questa pièce attribuisce alla risata intelligente il superpotere di condividere temi forti anche con chi tende a sentirsene oppresso. Il dramma che va in scena può essere il dramma di tutti e riderne aiuta a umanizzarlo. I protagonisti sul palco, come molti nella vita, sono schiacciati da una grave ingiustizia, da poteri più grandi di loro, da disonestà e cinismo che minacciano diritti, proprietà, libertà… ma soprattutto dignità. Temi seri come la coscienza e il vivere civile non riescono a inceppare un meccanismo comico preciso come un orologio. E in sala esplode si l’indignazione, ma anche e soprattutto la risata. 

IL SEQUESTRO aderisce alle promozioni

#MERCOLEDIATEATRO 16 euro anziché 26 euro

MARTEDI’ 2×1 26 euro anziché 52 euro per due persone

Solo chiamando la biglietteria!!!

IL SEQUESTRO – di Fran Nortes, tradotto da Piero Pasqua, diretto da Rosario Lisma. Con Nino Formicola, Roberto Ciufoli, Sarah Biacchi, Daniele Marmi e Alessandra Frabetti. Produzione La Bilancia e PipaMar.

Il mercato rionale non può chiudere! Per sventare la speculazione edilizia che metterebbe sulla strada decine di famiglie, fra cui la sua, il buon Paolo pensa bene di sequestrare il giovane Angelo, figlio del ministro che si accinge a firmare il decreto. Ma non ha fatto i conti con l’intraprendenza della vulcanica sorella Monica. E ancor meno con la ingenua sventatezza del cognato Mauro, che garantisce un’inarrestabile serie di esilaranti equivoci e fraintendimenti. E se la ministra è sicuramente una cinica farabutta, c’è chi è anche peggio di lei. Questa commedia, inedita in Italia, con il suo meccanismo comico coinvolge il pubblico, sempre con ironia e mai con volgarità, nei sempre attuali temi del potere, della burocrazia, della corruzione e del lavoro.

IL SEQUESTRO rientra nell’abbonamento Invito A Teatro

TEATRO/CINEMA MARTINITT Via Pitteri 58, Milano.

Telefono 02/36580010, Whatsapp 338.8663577, info@teatromartinitt.it, www.teatromartinitt.it.

Orari biglietteria: lunedì-sabato, 10.30-21; domenica 14-2. Parcheggio interno gratuito.

Biglietti prosa: intero 26 euro; 18 euro over 65 e 16 euro under 26.

Spettacoli: prima settimana venerdì-sabato ore 21, domenica ore 18; seconda e terza settimana martedì-sabato ore 21, domenica ore 18.