Che cos’è l’anima? È davvero altra cosa rispetto al corpo e riesce a vivere oltre a esso? O corpo e anima costituiscono un tutt’uno con cui nasciamo e da cui separarsi è impossibile?

Sono domande che da sempre hanno incuriosito gli uomini, non a caso tra i topoi più affrontati dalla filosofia di tutti i tempi.

Immateriale, invisibile eppure così sostanzialmente presente nella vita e nelle scelte di ogni giorno, a volte non ci curiamo dell’anima per quanto ne avremmo bisogno.

C’è chi dice che amici, amori, passioni sono le cose che, giorno dopo giorno, mantengono vivo il rapporto con la nostra stessa anima. Attraverso le cose che leggiamo, che ascoltiamo, che vediamo, attraverso le idee in cui crediamo e le persone di cui ci circondiamo, insomma, lasceremmo la nostra anima libera di esprimersi e di crescere.

Se siete religiosi o se avete una forte spiritualità è probabile, poi, che la vostra anima sia la parte di voi che tendete a curare di più: qualcuno dice in vista di una vita eterna in cui non ci servirà null’altro, qualcuno più realisticamente nella prospettiva in cui non si vive bene se non si è in pace almeno con la propria anima.