Racconti: La Gola, di Tiziana Valori

Racconti: La Gola, di Tiziana Valori

tumblr_psbp37RWv71sqwt7zo1_540.jpg

LA GOLA (racconto breve)

“La regola che non c’è più, per noi vige sempre” cantilenò scherzoso a tavola alla vista di tanta bella carne ingurgitata con gusto dagli altri commensali.

Fra’ Marco era felicissimo di passare la vigilia di Natale fra i suoi, e che ci poteva fare se quell’anno era capitata di venerdì?

“Ma dai” gli fecero in tanti. “Chi vuoi che ti veda? Se non è non più peccato mangiare la carne il venerdì…”

Come faceva il fraticello a dire di piantarla? Che era già difficile restare a guardare mentre gli altri si strafocavano?

Il priore, nel dargli il permesso di trascorrere una giornata lontano dal convento, lo sapeva bene. E infatti:

“Fratello Marco, tu sarai sottoposto a grosse tentazioni. Ma ricordati che Gesù proprio di venerdì patì le sofferenze mortali della croce. Noi, in ricordo di tale misfatto perpetrato da tutta l’umanità passata, presente e futura, continuamo a ritenere vincolante il divieto di mangiare carne il venerdì.”

Finito il pasto, la mamma fece un cenno al monaco ed entrambi si avviarono in cucina. E là, lontano da occhi indiscreti, Marco potè affondare i denti nello zampone, nelle fette di cotechino piene di quei bei pezzetti di grasso e nello stufato di coniglio mentre la mamma si beava di tanta ingordigia mormorando:

“Solo una mamma conosce il figlio.”

Tiziana Valori

Replica di Bardone sui soldi stanziati a bilancio per la pedociclabile per Viguzzolo

Replica di Bardone sui soldi stanziati a bilancio per la pedociclabile per Viguzzolo

Nei giorni scorsi il Comitato Smart Land ha dato la notizia dell’incontro avuto con la Provincia e i Comuni di Tortona e Viguzzolo in cui è emerso che i fondi per la realizzazione della pista pedo/ciclabile per Viguzzolo, non risultano nel bilancio d’esercizio 2019 del comune di Tortona.

Gianluca Bardone Sindaco Tortona

Come cittadino, prima ancora che come membro del Comitato Smart Land, mi sono preso la briga di sentire l’ex sindaco di Tortona Gianluca Bardone, che mi ha spiegato come i soldi vadano stanziati nell’annualità in cui ne è prevista la spesa, quindi non nel 2019.

Ecco cosa mi ha risposto:

Per la pista ciclabile Tortona-Viguzzolo, durante le fasi di convenzioni per la progettazione, le cifre erano state iscritte nel programma triennale dei lavori pubblici 2018/2020 – bilancio di esercizio 2018, per partecipare al bando.

Nel 2019 si sono poi definite le varie fasi di progetto e quella esecutiva di realizzazione dell’opera è stata programmata nel 2020.
Nel 2019 con l’aggiornamento del programma triennale lavori pubblici l’opera è stata quindi correttamente inserita nell’esercizio 2020 anni in cui occorrerà finanziare i lavori.
Nelle fasi successive si è proceduto a partecipare alle riunioni con gli enti superiori per lavorare e perfezionale il cronoprogramma richiesto dalla regione, che nel frattempo ha garantito un finanziamento di 600mila euro che non possiamo permetterci di perdere.
Ripeto, dal cronoprogramma è risultato che la fase esecutiva sarebbe stata nell’aprile 2020 per cui non è stata stanziata la cifra per il 2019, non avrebbe avuto senso alla luce di un’esigenza fissata per il 2020. La voce di spesa è stata nuovamente iscritta nel piano triennale 2019/2020/2021.
Sarà da finanziare, certo, e toccherà a chi dovrà predisporre il bilancio 2020, ovvero alla giunta attuale. Trecentomila euro a fronte di un bilancio che cuba complessivamente 30 milioni non è un’impresa, è una questione di scelte e priorità. Per noi la pista ciclabile Tortona Viguzzolo è stata una priorità e la avremmo portata a termine, ora vedremo se sarà così anche per la giunta Chiodi.”

L’ex sindaco ha le idee molto chiare riguardo alla pedo/ciclabile per Viguzzolo e continua:

“Ribadisco ancora che questa è un’opportunità da non perdere perché i 600.000€ messi a disposizione dalla Regione se non li prendiamo noi li prende qualcun altro.
Grazie alla pista ciclabile che costruirà il Gruppo Gavio per il Palazzetto, che collegherà Rivalta Scrivia a corso Alessandria, e questa che dalla stazione ferroviaria raggiungerà Viguzzolo e quindi le valli, potremmo presto disporre di una pista ciclabile che attraversa longitudinalmente la città di Tortona, e due nuovi ponti pedonali, quello sullo Scrivia e quello sul Grue. Sarebbe proprio un grande risultato.

Salone di Rappresentanza della Basile: Presentazione del libro di Pier Franco Quaglieni

Presentazione del libro di Pier Franco Quaglieni

Alessandria, organizzato da Libera Mente – Laboratorio di Idee, venerdì 27 settembre 2019 alle ore 18,00 presso il Salone di Rappresentanza della Basile, in via Tortona n. 71, Alessandria si terrà la presentazione del libro di

Pier Franco QUAGLIENI dal titolo

“MARIO SOLDATI – LA GIOIA DI VIVERE”

Modera Fabrizio PRIANO Presidente dell’Associazione Culturale Libera Mente Laboratorio di Idee

“Un gradito ritorno, Per Franco Quaglieni è ospite per la terza volta della nostra associazione ed in questo incontro presenta il suo ultimo lavoro dedicato all’amico Mario Soldati con il quale, insieme ad Arrigo Olivetti, aveva fondato il Centro Pannunzio ”.

 Pier Franco Quaglieni.jpg

“Mario Soldati – La gioia di vivere”

Il libro esce nel ventennale della morte dello scrittore e regista torinese e – curato da Pier Franco Quaglieni, che gli dedica un corposo saggio iniziale – contiene testimonianze autorevoli sull’attività poliedrica di Soldati nella letteratura, nel cinema, nel giornalismo, nella TV, nel campo enogastronomico…

Un’appendice raccoglie degli inediti di Soldati ed interviste con lui di

particolare significato e interesse. Il libro consente di ripercorrere la vita e l’opera di Soldati in modo organico e rapido contemporaneamente.

Pier Franco Quaglieni docente e saggista di storia risorgimentale e contemporanea, è giornalista dal 1968 a 21 anni appena compiuti. È direttore dalla sua fondazione del Centro di studi e ricerche “Mario Pannunzio”. Ha vinto, tra gli altri, i premi “Voltaire”, “Tocqueville”, “Popper” e “Venezia”.

Ha scritto di lui Aldo Cazzullo: “È un cavaliere solitario che da decenni tiene viva la memoria di una grande tradizione culturale spesso misconosciuta”. Autore di numerosi saggi, con Golem Edizioni ha già pubblicato Figure dell’Italia civile (2017) e Grand’Italia (2018).

Momenti di poesia. Cosa resterà, di Silvana Fulcini

Momenti di poesia. Cosa resterà, di Silvana Fulcini

Sivana Fucini

Cosa resterà

Capirò, forse un giorno,
perché mi sento come una trottola
che gira in tondo,
come il mondo
che gira dentro al tempo.
Vivo e rivivo,
vedo e rivedo,
mi perdo nelle solite stanze,
mi trovo negli stessi occhi
che dallo specchio mi guardano,
senza risposte.
Però, non son più quella che ero,
ho seguito il tempo,
lasciando scie di pensieri.
Forse, ho perso qualcosa,
o forse, non l’ho mai avuto.
In fondo,
chi ero? Chi sono? Chi sarò?
E poi,
cosa resterà
di un mio pensiero scritto,
al ritmo del cuore che batte?

Silvana Fulcini

20/09/2019

Diritti riservati

Miriam Maria Santucci poetessa e scrittrice presenta Gora alla biblioteca di Alessandria

Miriam Maria Santucci poetessa e scrittrice presenta Gora alla biblioteca di Alessandria

Gora 1.png

di Pier Carlo Lava

Alessandria, ieri 19 settembre 2019 ho finalmente avuto il piacere di incontrare e conoscere di persona Miriam Maria Santucci, una cara amica prima ancora che splendida poetessa e brava scrittrice.

Miriam nel contesto di un evento organizzato dall’Associazione Liberamente Laboratorio di Idee di Fabrizio Priano, ha presentato alla biblioteca di Alessandria il suo libro autobiografico “GORA” che avevo avuto il piacere di leggere in anteprima rispetto all’uscita.

La mia recensione su “GORA”:

«L’Autrice, che conosco e apprezzo da tempo, con “Gora” ha dimostrato di essere non solo una splendida poetessa, autrice di diversi libri di poesie, ma anche una grande scrittrice. Uno spaccato di vita del secondo dopoguerra, nel quale si racconta la storia di “Gora” sugli Appennini, con un finale a sorpresa…

Gora 2.png

Leggere “Gora” è piacevole, scorrevole e per quelli della mia generazione fa rivivere i tempi difficili ma pieni di entusiasmo e speranze nel futuro, del primo decennio dopo la fine della seconda guerra mondiale.

La lettura di “Gora” è consigliata anche alle generazioni successive sino a quella attuale, perché dà modo di comprendere, quasi come lo si stesse vivendo, un periodo importante della storia del nostro Paese. “Occorre ricordare chi eravamo per capire dove dobbiamo andare”. La lettura di “Gora” è un’oasi di serenità e relax in un’epoca di grande stress come la nostra.»

leggi anche: https://alessandria.today/2019/09/19/gora-per-il-progetto-letture-in-biblio

leggi anche: https://alessandria.today/2019/09/15/151178/

leggi anche: https://alessandria.today/2019/08/23/ho-letto-gora-romanzo-autobiografico-di-miriam-maria-santucci/

Per una legge elettorale che introduca il doppio turno a livello nazionale, coniugando finalmente rappresentatività e governabilità, di Andrea Zoanni

Per una legge elettorale che introduca il doppio turno a livello nazionale, coniugando finalmente rappresentatività e governabilità

Andrea Zoanni  https://appuntialessandrini.wordpress.com

Anche chi scrive si può annoverare tra chi ritiene non sia prioritaria la definizione di una nuova legge elettorale, seppure una parte della maggioranza, senza nominarla, continui a spingere per la riduzione dei parlamentari, accompagnata da un’altra parte della maggioranza per il contemporaneo ridisegno dei collegi territoriali.

Ma il problema si pone, pur rispettando i dettami costituzionali le capriole politiche hanno superato ultimamente ogni precedente limite. In questo esercizio molti han dato il meglio e il peggio di sé, che l’Italia sia il luogo del trasformismo consolidato è risaputo, la pratica è antica di cento e più anni, ma davvero negli ultimi tempi l’utilizzo di tale metodo è diventato complessivamente stanziale nei partiti e quotidiano nei politici.

Dunque la definizione di una legge elettorale è un esercizio sicuramente sovrapponibile agli interventi più urgenti e di maggior bisogno (per esempio la manovra finanziaria, un nuovo sistema europeo di accoglienza migratoria, le numerose vertenze nel mondo del lavoro); a questi temi vorrei aggiungere altre croniche necessità, come la lotta all’evasione fiscale, avere norme e regole più semplici e trasparenti a contrasto della corruzione, la questione meridionale ovvero lo sviluppo di una delle zone più povere dell’Unione Europea. Continua a leggere “Per una legge elettorale che introduca il doppio turno a livello nazionale, coniugando finalmente rappresentatività e governabilità, di Andrea Zoanni”

Momenti di poesia. Per me, di Grazia Torriglia

Momenti di poesia. Per me, di Grazia Torriglia

Per me.jpg

Per me

Ho attraversato i silenzi della tua assenza ,
galleggiando in inutili speranze
ho raggiunto la conoscenza
del tuo ostinato tacere.

Un lungo passo oltre quel tempo
mi riporta alle cose belle
e senza il peso delle tristezze
riassaporo il profumo della magnolia.

Ascolto il canto dell usignolo mentre assetata di purezza
bevo alla fonte dei miei più dolci pensieri
guardando un nuovo orizzonte.

Grazia Torriglia@

“Come farfalle sull’acqua” – di Monica Tedeschi

Una parola tira l'altra...

farfalla acqua

Si posa delicato, timido, timoroso di far del male sfiorando,

quel raggio di sole sul bordo dell’acqua stagna.

Si posa leggero, infilandosi sulle sfumature perlacee delle ali delle farfalle.

Delicate loro, delicato lui.

Filigrane in intreccio, come fili di un rocchetto dorato, che si appoggiano dolcemente l’uno sull’altro, mescolandosi, quasi unendosi dentro una fusione cosmica.

Ma d’improvviso, carico di spazio, può cambiare la luce un temporale estivo.

Possono giungere sferzate di un vento impetuoso; l’acqua può entrare in guerra, agitandosi.

La fragilità può rompersi, scheggiarsi, frangersi come prezioso cristallo che va in mille pezzi.

Saprà trovare, in tempo, riparo la farfalla?

Saprà gridare la sua paura? Si sentirà prigioniera dentro una teca in cui manca ossigeno? Avrà la forza di aspettare la quiete?

Tutto quasi d’improvviso: i voli pindarici fra fiori e bellezza e il fuggire caotico…

Il libro che ho terminato da poco parla di realtà, non di parole…

View original post 321 altre parole

Recensione: “Mia nonna saluta e chiede scusa” di Fredrik Backman

Una parola tira l'altra...

Fredrik Backman, Mia nonna saluta e chiede scusa, libro, Mondadori

“Mia nonna saluta e chiede scusa”, edito con Mondadori nel 2016, è il secondo romanzo di Fredrik Backman, scrittore, giornalista e blogger
di successo (cliccando sopra il suo nome potrete accedere al suo blog). Dal suo primo libro”L’uomo che metteva in ordine il mondo“(Mondadori,
2014) è stato tratto un film. In seguito ha pubblicato i romanzi “Mia nonna saluta e chiede scusa” (2016),”Britt-Marie è stata qui” (2017),”Cose che mio figlio deve sapere sul mondo“(2017) e”La città degli orsi“(2018), tutti bestseller.

Mi è capitato di leggere una citazione – riportata da mia cugina sui social – tratta da questo libro e, subito, la musicalità di questo titolo si è fatta per me miele. Non convenite con me? Non è uno dei più bei titoli che vi siano mai capitati sotto gli occhi?

Mia nonna (e già la mia mente…

View original post 1.665 altre parole

Emily Dickinson, Alfons Mucha e io.

Una parola tira l'altra...

Alfons Mucha, Art Nouveau, autunno, le quattro stagioni

Mentre l’estate ci sta volgendo le spalle, ho scelto una poesia diEmily Dickinson per guardare l’autunno de visu.

La bravura della Dickinson poteva, di certo, bastarmi ma no, dovevo cercare qualche cosa che potesse spalleggiarla – lo sapete: amo accostare pennellate e inchiostro, parole e colori, scritti e tele; amo intrecciare qualsiasi cosa, trama e ordito costante– così ho scelto un pannello decorativo, in stile Art Nouveau, di Alfons Mucha (esponente di spicco di questa corrente artistica meravigliosa!). Il pannello che ho scelto appartiene alla serie “Le quattro stagioni” (Mucha Museum Praga, mucha.cz).

Come spesso mi accade, mi sono lasciata intrappolare dalle pennellate dell’artista e ho provato a giocare un po’, dando, con la mia immaginazione, voce alla vista.

L’ESTATE È FINITA

Emily Dickinson

Sono più miti le mattine
e più scure diventano le noci
e le bacche hanno un viso più rotondo.
La…

View original post 280 altre parole

“La sensualità del libro”, di Angelo Floramo — LUOGHI D’AUTORE

Una parola tira l'altra...

É in uscita il 19 Settembre, per la casa editrice Ediciclo (collana Piccola filosofia di viaggio), il prezioso volume La sensualità del libro. Piccole erranze sensoriali tra manoscritti e libri antichi, di Angelo Floramo. «Le antiche carte e le pergamene svelano i loro segreti a coloro che ne sanno cogliere i sussurrati enigmi. Ma bisogna […]

“La sensualità del libro”, di Angelo Floramo — LUOGHI D’AUTORE

View original post

“Bambino” di Alda Merini

Una parola tira l'altra...

Bambino, poesia, Alda Merini, aquilone

Ieri Facebook mi ha riproposto un ricordo di qualche anno fa, una poesia di quella Gran Donna che era – e che sempre, immortale grazie ai suoi versi, rimarrà – Alda Merini. Rileggerla è stato un rinnovarsi emotivo.

Quanta delicata potenza, dentro 11 versi, un mondo!

Queste parole sono quelle che, in loop, non smetterei mai di pronunciare ai miei nipoti o ai figli delle mie amiche, o ai bambini tutti! Ricopierei questa poesia, scrivendola sulla tela di un aquilone gigante, capace di sorvolare i confini del visibile per giungere all’invisibile racchiuso dentro ogni cuore, anche al cuore degli adulti… certo. Certo, perché tutti hanno bisogno di poter avere un cuore con le ali, un cuore intelligente e saggio di fantasia.

Serve la razionalità, per vivere serve la ragione e la consapevolezza del suolo che si calpesta; serve la consistenza di un terreno roccioso, delle volte. Una base…

View original post 249 altre parole

A.R.I. Alessandria – 11° Edizione Mercatino Radioamatori a Castellazzo Bormida

A.R.I. Alessandria – 11° Edizione Mercatino Radioamatori a Castellazzo Bormida

11esima Edizione del Mercatino Radioamatori che si terrà a Castellazzo Bormida (AL) via Milite Ignoto (al coperto) il 22 settembre 20

Manifestazione “Mercato Europeo”

Manifestazione “Mercato Europeo”

Provvedimenti a tutela pubblica incolumità e sicurezza urbana

Dal 26 al 29 settembre 2019 si svolgerà ad Alessandria la manifestazione denominata “Mercato Europeo”.

L’evento coinvolgerà molteplici esercizi commerciali e operatori di commercio itinerante per street food, posizionati sul suolo pubblico nell’area compresa tra Viale Repubblica e Via Savona.

In tale occasione si prevede una notevole affluenza di pubblico nella zona della manifestazione e tale affluenza potrebbe comportare l’insorgere di problematiche di sicurezza meritevoli della massima attenzione sotto il profilo dell’incolumità pubblica, in particolare legate al consumo di bevande in vetro. 

Al contempo, l’abbandono incontrollato al suolo di bottiglie e contenitori di vetro in genere, specialmente quelli frantumati, potrebbe creare un potenziale pericolo per i partecipanti causando lesioni personali, oltre a costituire un oggettivo e grave elemento di degrado rendendo difficoltosa la pulizia dell’area dopo la manifestazione.

Pertanto, a tutela della pubblica incolumità e della sicurezza urbana, il Sindaco (con Ordinanza 543 del 18/09/2019) ha disposto come misura precauzionale, l’adozione di specifici divieti e prescrizioni nel periodo compreso: Continua a leggere “Manifestazione “Mercato Europeo””