Momenti di Poesia. L’ultimo abbraccio, di Donatella Barbieri

Momenti di Poesia. L’ultimo abbraccio, di Donatella Barbieri

64999862_393787731483346_2914698870174777344_n.jpg

L’ultimo abbraccio
del mio amore
fu così perfetto
che la gente
chiuse i balconi.
Sono innamorata
di un uomo che
per metà e neve
del nord.
Non ho potuto
baciarlo con
piacere.
La luce si
spegneva e
lui si dissolveva
nella bottiglia
di whisky.
Immaginate
il mio dolore.
Una notte
cominciammo
a discutere,
mi feci un graffio
e lui, con grande
abilita aprì
il cristallo della
sua guancia.
Fu allora che
ci abbracciamo
e fu l’ultima volta
che lo vidi.

@ Barbieri Donatella
20 Giugno 2019

Momenti di Poesia. IL PROFUMO DEI TUOI CAPELLI, di Taddei Emanuela

Momenti di Poesia. IL PROFUMO DEI TUOI CAPELLI, di Taddei Emanuela

64501684_596150450874716_7995289974662496256_n

IL PROFUMO DEI TUOI CAPELLI

Il profumo dei tuoi capelli

M’ubriaca

Il tocco delle tue mani

Mi porta altrove

Più lontano del lontano

Dove esiste solo la musica

Suonata da ciocche nel vento

odorose

E il nostro amore… (LA DANZA DELLA VITA 2018 Emanuela Taddei)

Copyright © Emanuela Taddei
Tutti di diritti riservati all’autore.

Fabrizio PRIANO è stato nominato ieri Responsabile Regionale per il PIEMONTE del Dipartimento Cultura di Fratelli D’Italia. 

Fabrizio PRIANO è stato nominato ieri Responsabile Regionale per il PIEMONTE del Dipartimento Cultura di Fratelli D’Italia. 

Il Coordinatore Regionale Fabrizio COMBA nella lettera di nomina ha scritto:  

“Caro Fabrizio, competenza, grinta, tenacia e passione hanno da sempre caratterizzato il Tuo operato a beneficio dell’intera comunità alessandrina: anni di politica attiva nella difesa dei valori liberali ne sono la conferma. In virtù di quanto asserito, con la presente, sono onorato di comunicarti in via ufficiale che a far data dal 19 c.m. La Tua persona fa parte di questo Coordinamento Regionale in qualità di Responsabile Regionale del Dipartimento Cultura”.

unnamedunnamed-1

Fabrizio PRIANO dopo aver ringraziato  Il Coordinatore Regionale COMBA per la nomina e il Coordinatore Provinciale RIBOLDI per la stima e la fiducia ricevute, ha dichiarato:  “Mi metterò subito al lavoro nell’organizzare una struttura regionale per poter elaborare un programma di incontri culturali con presentazione di libri o dibattiti, per promuovere la cultura identitaria che in questi ultimi anni è stata molto minacciata e per cercare di collaborare a difendere il bello come elemento peculiare delle nostre città e del nostro territorio, promuovere il nostro immenso patrimonio artistico. Valorizzare il nostro patrimonio storico e archeologico, la tradizione del teatro, della musica, delle tradizioni popolari in genere. Un occhio di riguardo sarà dedicato anche agli incontri di formazione sui temi che comunemente un amministratore pubblico si trova ad affrontare nel lavoro quotidiano perché credo che in questi ultimi anni la formazione politica all’interno dei partiti in generale sia stata molto trascurata ed invece è di vitale importanza soprattutto per i giovani e per chi vuole avvicinarsi al mondo della politica”

Di Maio M5S: serve una legge sul salario minimo e una legge per combattere la grande evasione fiscale.

Di Maio M5S: serve una legge sul salario minimo e una legge per combattere la grande evasione fiscale.

Premesso che concordiamo sul salario minimo, prendiamo atto che anche Luigi di Maio esterna la necessità di fare una legge per combattere uno dei cancri più importanti che non ci consentono di avere risorse da investire per la crescita dell’Italia, cioè l’evasione fiscale.

Purtroppo per gli italiani onesti che pagano regolarmente le tasse, sinora, nonostante le tante promesse che ci sono state fatte dai politici di tutti i governi che hanno preceduto quello attuale nessuno ci è mai riuscito, vedremo se questa volta sarà diverso oppure sarà la solita promessa non mantenuta, non ci resta che attendere e incrociare le dita…

Pier Carlo Lava

Luigi Di Maio

da profilo facebook di Luigi Di Maio

Questa mattina, durante una simpatica intervista su Radio KissKiss, mi hanno ad un certo punto chiesto quali fossero, almeno per me, i tre provvedimenti simbolo del mio primo anno da ministro. Io ho risposto: taglio dei vitalizi, reddito di cittadinanza e decreto dignità. Il taglio dei vitalizi è stata una doverosa operazione-credibilità che questo governo doveva ai cittadini, il miglior modo per iniziare. È stato un po’ come quando ingrani la prima per far partire la macchina. E pensare che nella scorsa legislatura ci dicevano che era una cosa impossibile da fare, mentre noi, con i risparmi ottenuti dal taglio di questi privilegi, abbiamo finanziato la pensione di cittadinanza per rialzarla a chi ancora percepiva 500 euro al mese dopo aver lavorato una vita. Poi c’è il decreto dignità. Hanno sbraitato ai quattro venti che sarebbe stato un fallimento, mentre i nuovi dati sull’occupazione ci dicono che i contratti stabili stanno aumentando. Ma ciononostante sono consapevole del fatto che dobbiamo fare sempre di più. Infine, per quanto riguarda il reddito di cittadinanza, siamo già a oltre 1 milione di domande accettate, con una platea di 2,5 milioni di beneficiari. Voglio dirlo ancora una volta: sono davvero felice per queste persone.

Pensando invece al futuro, quindi alle cose da fare, ho ribadito chiaramente che entro la fine dell’anno serve una legge sul salario minimo e una legge per combattere la grande evasione fiscale.

Io ce la sto mettendo tutta per portare avanti questo mandato che mi onora, ma che è anche costellato di oneri e per questo darò sempre il massimo per tutelare i cittadini italiani.

Giuseppe Conte alla Ue, il mio Paese non può cero essere accusato di voler compromettere il progetto europeo

Giuseppe Conte alla Ue, il mio Paese non può cero essere accusato di voler compromettere il progetto europeo

Pier Carlo Lava

Il Presidente del Consiglio Giuseppe Conte scrive ai 27 Paesi membri Ue, al Presidente della Commissione Ue, Jean Claude Juncker, e al Presidente del Consiglio europeo, Donald Tusk.

L’obiettivo è quello di evitare la procedura di infrazione all’Italia ventilata dalla Ue, vedremo se ci riuscirà… il Presidente del Consiglio Giuseppe Conte ha inviato la seguente lettera:

Giuseppe Conte

dal profilo facebook di Giuseppe Conte

Come anticipato nei giorni scorsi, ieri sera ho inviato una lettera agli altri 27 Paesi membri Ue, al Presidente della Commissione Ue, Jean Claude Juncker, e al Presidente del Consiglio europeo, Donald Tusk. Qui di seguito il testo integrale.

Siamo all’inizio di una nuova legislatura europea e dobbiamo approfittare di questa preziosa occasione per raccogliere le nuove sfide, lavorando al rinnovamento delle regole comuni e alla introduzione di strumenti che possano soddisfare più efficacemente i bisogni dei cittadini. L’Italia vuole cogliere questa opportunità di cambiamento.

Il processo di integrazione, che nei primi decenni successivi alla seconda guerra mondiale ha rappresentato l’orizzonte ideale per le nostre democrazie avanzate, sembra aver perso la sua originaria forza propulsiva, con il risultato che si moltiplicano gli interrogativi e le perplessità sul futuro dell’Unione europea, quando invece proprio l’attuale congiuntura storica dovrebbe suggerire maggiore unità e più condivise strategie per consentire agli Stati membri di sostenere il peso della competizione globale.
Lo scenario geostrategico appare mutato. L’avanzamento tecnologico pone questioni non ancora esplorate, che rischiano di porre in discussione gli stessi fondamenti antropologici. Si prospettano nuove traiettorie demografiche, suscettibili di indirizzare il continente europeo verso una stagnazione secolare.
I nostri popoli ci richiamano alla responsabilità, ricordandoci che la politica, se asservita alle ragioni dell’economia e, in particolare, della finanza e se orientata esclusivamente a contenere i debiti sovrani, abdica alla propria missione, finendo per perdere la propria legittimazione.

Continua a leggere “Giuseppe Conte alla Ue, il mio Paese non può cero essere accusato di voler compromettere il progetto europeo”

Momenti di poesia. SE D’AMOR È COSTELLATO, di IRIS VIGNOLA

Momenti di poesia. SE D’AMOR È COSTELLATO, di IRIS VIGNOLA

SE D’AMOR È COSTELLATO

Dedalo di tombe, sì squallide e penose,
abbandonate, nel correre del tempo che l’ha inasprite.
Colgo espressioni vive,
da immagini ingiallite di volti antichi.
Sguardi sfocati,
che celan l’incognito movente d’esser vivi.

Immaginarie salme sconosciute, cinte in sepolcri
testé pregnati sol di cenere sbiadita.
L’essenza, invero, s’è dipartita,
dall’ultimo sospiro della vita.
Quesiti sorgon, in veste di pensieri,
pur privi di sentenze giuste, ma sol di presupposti.

Colei… Colui che fu materia, tessuta d’impeto d’amore,
lo alimentò in vita? Ne fece la sua Bibbia, il suo volere?
Tal labbra, ormai più rimembrate,
ch’han gli angoli ch’atteggiano sorrisi,
quant’amore allor hanno donato?
Di quanto, altresì parlato?

Il vento del silenzio cela storie,
che narran di vissuto e di rimpianto, per quel che non è stato,
di morte e di rancore, di gioia e di dolore,
seppur, innanzi tutto, dissolva il velo nero da quel canto,
che s’alza dalla terra in ogni dove,
circuendo ogni cuore solitario
per riversarci amore, sgombrando l’ombra nera del livore.

Bene sempiterno e imperituro male,
in lotta solitaria senza scampo.
Leggendario, il lor fluire antagonista nella gara del potere,
di cui saggi son i tumuli
che ognor san quel ch’è vero,
ciò ch’era stato scritto, dal principio.
Peccare, al pari di sbagliare scelte esistenziali.

Debole, la carne, si flagella infine,
tuttavia divien, perdono, l’essenziale,
se d’amor è costellato,
qual prospetto di ricchezza universale,
che non lascia nulla al caso, ma s’è fuso,
nel plasmare l’entità quale fulcro del concetto d’esistenza,
coniugata alla luce dell’Eterno.

Ingiunge, la coscienza, nell’attuar le scelte,
sian esse grame o giuste, al suo parere,
falsato talune volte al cuore,
che, di rimando, brama affrancarsi dall’assoggettarsi,
s’è posto in discussione,
cosicché ribellarsi, ponendosi al comando, onorando l’amore.

Momenti di poesia. TEMPIO D’ORACOLO, di IRIS VIGNOLA

Momenti di poesia. TEMPIO D’ORACOLO, di IRIS VIGNOLA

TEMPIO D’ORACOLO

Spore di secondi, di minuti e d’ore,
perpetuan il divenir di giorni, di mesi e d’anni,
in un preludio di verdi colori;
frasche di speranza nasciture.
Campi Elisi verdeggianti,
eternamente da Zefiro carezzati.

Oh, Speme d’Albore,
che tu possa squarciar l’ombra del buio,
nell’avvento d’ogni nuovo giorno;
sgravar costei dal giogo infame
d’obbrobriose colpe d’avvenire,
vestendoti e riflettendo fanciullesca condizione.

Vergin Sibilla,
ch’atteggi, di profetica virtù, parola,
inversamente all’immutabile propender tuo oscuro,
palese parvenza,
indossando sol vesti di savia coscienza,
sii alla magione la beneamata benvenuta.

Seppur fosti fonte d’ambigue predizioni
pel dedalo d’accadimenti,
oh, Tempio d’Oracolo,
nel ricoprir tue chiome di chiaror di luna,
ometti di svelar l’inenarrabile responso
e, viceversa, fa sì d’esser benevola ispirata.

Nella freschezza di note musicali,
di risa gaudenti e di schiamazzi infantili,
altresì di fredde acque cristalline,
scroscianti da rupi scoscese e da rocciosi anfratti,
rupestre paesaggio all’Eden riportante,
nel coltivar l’epilogo, che non sia chimera, lusingo me stessa.

La scrittrice Iris Vignola su Alessandria today

La scrittrice Iris Vignola su Alessandria today

di Pier Carlo lava

Alessandria today è lieta di presentare ai lettori del blog la biografia e le opere della scrittrice Iris Vignola.

Irisa vignola

BIO-BIBLIOGRAFIA, PREMI E RICONOSCIMENTI AI VARI CONCORSI LETTERARI

L’autrice Iris Vignola è nata a La Spezia, dove vive attualmente.

Nel fantastico mondo delle fiabe è la sua raccolta di dodici racconti per bambini e per chi ama ancora sognare, pubblicata in due differenti edizioni, con diverse illustrazioni. La prima fiaba, la Principessa velata, è stata il tema della prima rappresentazione teatrale dell’Accademia di Danza “La Maison de la Danse” di La Spezia, fondata e diretta da sua figlia Emmanuelle Ricco.

La terza e ultima edizione, “Into the fantastic world of the fairy tales – Nel fantastico mondo delle fiabe, arricchita di nuove illustrazioni create dall’autrice in collaborazione con le sue nipotine Irene e Veronica e in doppia versione italiana e inglese – by Boulevard Books, Staten Island, N. Y.,  si trova sui maggiori canali Web.

La sua prima poesia “A mia madre” è inserita nell’antologia di vari poeti Poesie per una mamma, edito dalla casa editrice Il Tigullio.

I suoi libri di poesia, editi da Irda Edizioni, sono pubblicati su vari canali Web: “Unico Amore” (il primo, scritto a quattro mani con il poeta Horion Enky),  “Non sogno e non realtà” – “Dinanzi a me, c’è solo il mondo” – “Mi voltai… e vidi quel fiore”. Continua a leggere “La scrittrice Iris Vignola su Alessandria today”

Cittadella di Alessandria: le chiavi nelle mani di una Pro loco, le autorizzazioni (quando esistono) sono datate e la Soprintendenza è in attesa del nuovo responsabile

Cittadella di Alessandria: le chiavi nelle mani di una Pro loco, le autorizzazioni (quando esistono) sono datate e la Soprintendenza è in attesa del nuovo responsabile

Date: 19 giugno 2019 Author: Enrico Sozzetti https://160caratteri.wordpress.com

Nella Cittadella di Alessandria c’è qualcosa che non va. E non da poco tempo. Ma evidentemente, secondo la classica regola italiana del “tanto si è sempre fatto in questo modo” che trasforma la consuetudine in legge, va bene così, almeno fino a quando qualcuno non se ne accorge una volta per tutte.

cittadella.jpg

È accaduto durante la Commissione Consiliare Affari Istituzionali e Partecipazione convocata per discutere due punti all’ordine del giorno: il primo, tecnico, relativo alla discussione e al parere sulla «Conferma degli organismi collegiali di competenza del Consiglio Comunale» e il secondo alla mozione “Regolamento comunale per l’utilizzo temporaneo e continuativo della Cittadella di Alessandria”, presentata dal Movimento 5 Stelle (illustrata da Michelangelo Serra) e sottoscritta da Maurizio Sciaudone di Forza Italia.

Ed è qui che si è acceso lo scontro politico fra Sciaudone ed Enrico Mazzoni del Pd e si è scoperto che diverse cose non vanno. La prima che non torna è la tempistica del tanto auspicato regolamento per gestire la Cittadella in modo corretto e con regole uguali per tutti: è ‘solo’ dal novembre 2017 che se ne parla. Continua a leggere “Cittadella di Alessandria: le chiavi nelle mani di una Pro loco, le autorizzazioni (quando esistono) sono datate e la Soprintendenza è in attesa del nuovo responsabile”

COLDIRETTI ospita Fuga di Sapori: una partnership “gastronomica” per la riqualificazione urbana di Alessandria

COLDIRETTI ospita Fuga di Sapori: una partnership “gastronomica” per la riqualificazione urbana di Alessandria

Coldiretti e Fuga di Sapori (marchio di Associazione ISES nato per promuovere ad Alessandria l’economia carceraria e circolare e raccogliere fondi per progetti di pubblica utilità) insieme per promuovere progetti ad alto impatto sociale, partendo dalla gente e diffondendo il valore dei prodotti di qualità a favore del bene comune.

Ises

Fuga

Il 25 giugno dalle 8:00 alle 14:00, presso i nuovo Mercato Coperto in Via Guasco, si terrà una degustazione dei prodotti FUGA DI SAPORI (disponibili presso la Bottega Solidale di SocialWood in Piazza Don Soria ad Alessandria) come anteprima della Festa della Sbirra in programma il 29 e 30 giugno per raccogliere fondi per la riqualificazione della Piazza Don Soria.

“Coldiretti ha creduto fortemente in SocialWood commissionando i tavoli del nuovo mercato coperto” dice Andrea Ferrari presidente di Associazione ISES capofila del progetto SocialWood. “Con la degustazione del 25 giugno si consoliderà questo rapporto volto a creare valore sociale in città e proporre prodotti di alta qualità. Sarà un momento in cui far conoscere alla cittadinanza i nostri prodotti Made in Carcere. Fuga di Sapori è un marchio nato per raccogliere fondi e permettere al Progetti di continuare ad investire nella formazione e nel lavoro interno agli Istituti di Pena di Alessandria, ma vuole anche aprirsi a progetti che permettano di migliorare la città, proprio come stiamo cercando di fare con Piazza Don Soria”. Continua a leggere “COLDIRETTI ospita Fuga di Sapori: una partnership “gastronomica” per la riqualificazione urbana di Alessandria”

Momenti di poesia. Ancora piove tra le ciglia… di Maria Strazzi

Momenti di poesia. Ancora piove tra le ciglia… di Maria Strazzi

Nu sciusc’e viento

Ancora.jpg

Ancora piove tra le ciglia
dei tuoi occhi
da bambino hai giocato
con un sentimento
troppo denso di significato
ti aveva servito il mare
in un bicchiere
la luna in un piatto prelibato
hai pagato il suo silenzio
scuotendo un cuore
ancora piove mentre
bussi in una storia
chiusa a chiave.
@MariaStrazzi

Momenti di poesia. È colpa mia?, di Cesare Moceo

Momenti di poesia. È colpa mia?, di Cesare Moceo

è colpa mia.jpg

È colpa mia?

Attimi trascorsi a pensare

d’aver dato più del dovuto
nel ricambio di nulla

con i pensieri a sembrarmi
ognuno una vita già vissuta

tempo speso a riflettere
su ciò che

al contrario

avrei dovuto fare
o non fare

dare o non dare

su ciò che ho perso
e che ancora perderò

E potrebbe essere dolce

guardarmi
nel fotogramma del trapasso

quell’istante preciso
in cui si manifesta agli occhi

il volo dell’interiorità

con l’anima finalmente libera
di raggiungere il suo Cielo

a non sentire più rimproveri
per la sua manifesta bontà

nella grazia che intona
musiche celestiali e non solo

E pianger ancora d’occhi asciutti
con le ciglia

purtroppo

aggrottate d’approvazione
.
Cesare Moceo poeta di Cefalù
destrierodoc @ Tutti i diritti riservati

Momenti di poesia. Edifico maestosi silenzi… di Sabyr Poetry

Momenti di poesia. Edifico maestosi silenzi… di Sabyr Poetry

Foto dipinto di Niki Taverna, pittrice alessandrina “SOTTO L’ACQUA acrilic”Taverna

La musa folle

SOTTO L'ACQUA acrilico di Niki Taverna.jpg

Edifico maestosi silenzi
nella cattedrale del nulla.
Il tempo e le sue solenni litanie
non mi incutono più timore
al cospetto d’un sentore d’eterno.
Le statue si sgretolano
eppure non perdono affatto
la natura della pietra.
La corruzione della materia
mai intacca lo spirito.
Per questo certamente sopravviverò alla mia carne,
fugace sogno sanguigno.

Sabyr

Momenti di poesia. LA FELICITA’ NON E’ L’AMORE, di Roberto Busembai Errebi

Momenti di poesia. LA FELICITA’ NON E’ L’AMORE, di Roberto Busembai Errebi

La felicità

LA FELICITA’ NON E’ L’AMORE

Perchè la felicità
non è l’amore
ma è il sentirlo addosso
in ogni dove,
saperlo costruire
e mantenere,
riconoscere e apprezzare,
e poi lasciarsi baciare.
Perchè la felicità
non è l’amore
ma quel qualcosa
che ti assorbe dentro
e smania nel farla
conoscere fuori,
e dirsi anche t’amo
soprattutto senza parole.

Roberto Busembai (errebi)

Immagine web