U jiurnu di murti

calabrisando

https://inesfavorita.files.wordpress.com/2019/11/cr.jpg

“Scindi ca ti rumpi a catina du cullu! Picchini ti sini abbillicata supra a chjianta d’avulivi?”

Nanna gridavidi, mentri hijia acchjianava supra na vranca. Eradi chjiu forti i mijia, sajjia supri i chjianti mi facividi senta n’avucillu cu i scilli grossi

“Scinda t’ajiu dittu, a ttijia adduvi ti lassu a sira nun ti cci truvu a matina”

“Oji na’ stajiu bbona cca supra. Si scindu mi paliji di sicuru”

View original post 1.822 altre parole

Il sole

https://alessandriatoday.files.wordpress.com/2019/10/summerfield-336672_1920.jpg

https://alessandriatoday.files.wordpress.com/2019/10/sunset-1625073_1920.jpg

 

E’ bello stare seduti in riva al mare

guardando il sole che tramonta

guardandolo quando con uno sbadiglio

si tuffa nel magico mondo del mistero.

Sembra stanco della vita

annuncia  la fine di una

giornata lunga e buia.

E’ bello stare lì a guardare i suoi occhi

che fissano il mondo

con leggero spavento.

E’ bello guardare i suoi raggi

quando illuminano la strada

di ogni qualcuno che ha bisogno d’aiuto.

Il sole

il sole è un bellissimo ricordo

di una giornata triste e sofferente

di una giovinezza che tramonta

di una vita che finisce.

 

 

A cammisa d’u ‘mpisu

calabrisando

https://inesfavorita.files.wordpress.com/2019/10/p1050679.jpg

Na sporta e duji panari chjini chjini i cancarilli russi e abbivati cumu u fucu, eranu pusati supra u tavulinu allu friscu, sutta chilla bbella pirruwa d’uva fragula. Nanna ridindu suttu i mustazzi, ma fattu signu di m’assettani supra nu pisulu, propriu vicinu a hilla; ‘ndra na manu tenivadi duji curtilluzzi affilati

“Tena quatrare’ ca muni cumincia l’abballu”

View original post 1.553 altre parole

La nuvola e la rosa

https://alessandriatoday.files.wordpress.com/2019/10/nuvola.jpg

https://alessandriatoday.files.wordpress.com/2019/10/mamma.jpg

 

Nuvoletta capricciosa per il cielo veleggiava, quando udì una bella rosa che dal basso la chiamava
“Oh mia cara nuvoletta deh! ti fermi un momentino, son riarsa, ho tanta sete, dammi d’acqua un gocciolino”
Ma la nube spensierata aveva fretta e via passò. Guardò sol la bella rosa e rispose “tornerò”
Poi col vento pazzerello a giocare incominciò e per tutta la giornata della rosa si scordò.
Solamente verso sera, quando stanca si fermò, al bel fior che aveva sete nuvoletta ripensò
“Or gli mando un po’ di pioggia” disse “lo ristorerò”
Troppo tardi ohimè! la pioggia, ormai morto il fior trovò

(filastrocca recitata da mia mamma quando ero bambina)
la foto è di famiglia: la mia mamma

A caduta du Diavulu

calabrisando

https://inesfavorita.files.wordpress.com/2019/10/ballerina-3399534_1920.jpg

Nanna cuvernavidi i gallini dintra a zimba, nu sicchjiarillu i rami dintra na manu e cu l’avutra jettavidi u mijjiu spezzettatu all’animalelli

“Nannare’ mamma ti manda a dicia si tini duji ovicelle frichi di gallinelle”

“Sini fijjice’ l’e pijjiati propriu muni, sunu ‘ntra chillu panarillu”

“Ah minu mali! Stasira m’adda fani duji bbelle pitticelle i cucuzzilli”

View original post 1.228 altre parole

I segreti del cuore: aprile

https://alessandriatoday.files.wordpress.com/2019/10/i-segreti-del-cuore1-2.jpg

https://alessandriatoday.files.wordpress.com/2019/10/aprile.jpg

 

Quante cose vorrei dirti! Avevo deciso di cancellarmi, l’ho fatto, sono ritornata. E’ più forte di me, non riesco a staccarmi da te. Ho pianto, sto male, mi torturo da sola. La ragione mi dice di lasciare stare, di dimenticarti. Mi hai stregato, hai rubato il mio cuore.

Ognuno di noi, ha un’anima gemella, la mia si è suicidata già da tempo, sapendo con chi avrebbe avuto a che fare. Effettivamente, pensando con un pizzico di razionalità, chi potrebbe innamorarsi di me? Solo un pazzo, un pazzo come me.

“Colorerò il mio mondo con i colori dell’arcobaleno,

curerò il mio angolo di paradiso con

bellissimi fiori e colorate farfalle.

Resterò in silenzio a scrutare il mio cuore.

Siederò alla fine del tempo,

aspettando le risposte che da sempre ho cercato” Continua a leggere “I segreti del cuore: aprile”

I segreti del cuore: marzo (parte 2)

https://alessandriatoday.files.wordpress.com/2019/10/i-segreti-del-cuore1-1.jpg

https://alessandriatoday.files.wordpress.com/2019/10/marzo1.jpg

 

Quando capita una tentazione che fare? Cedere o resistere? Dilemma! Domani vado in centro. Shopping? Forse! Sarò sempre come la coccinella portafortuna: meno bene mi vuoi, più te ne voglio. Verità? Dov’è la verità? Mille domande, nessuna risposta. E se un giorno ci incontreremo, sarà sicuramente nei nostri sogni, al di sopra del cielo e delle stelle. Continua a leggere “I segreti del cuore: marzo (parte 2)”

I segreti del cuore: marzo (parte 1)

https://alessandriatoday.files.wordpress.com/2019/10/marzo.jpg

 

Intrattabile come non lo sono mai stata. Sto per scoppiare! Perché sei insensibile al mio dolore? E questi sentimenti risvegliati, non era meglio se restavano sopiti per altri vent’anni? No! Assolutamente, dovevano venire a tormentarmi, a non lasciarmi in pace, a torturarmi. E se cambiassi orientamento sessuale? Visto che con gli uomini non ho successo? No, non con tutti gli uomini, solo con te. Impossibile! Non ho mai avuto di queste tendenze, neanche sopìte. Mi piacciono gli uomini, non tutti, ma mi piacciono gli uomini. La verità? Mi piaci solo tu.

Devo cambiare direzione ai miei pensieri, alle mie emozioni. Scommetto, anzi, ne sono sicura, se mi vedessi in strada per terra, neanche ti fermeresti a tendermi una mano. Che scrivo a fare? Figuriamoci se a te interessa quello che dico. Il problema a quanto pare, è solo mio.

Non ho crisi esistenziali, non sono stupida, non sono superficiale, non mi piace prendere in giro le persone, non amo giocare con i sentimenti. Sono dolce quando serve ma, so tirare fuori i cosiddetti attributi all’occorrenza. Non sono ipocrita, non mi è mai piaciuto nascondere la testa sotto la sabbia. Ho sempre combattuto per i miei ideali in prima fila, a carte scoperte, sempre pronta ad aiutare gli altri, anche a costo di rimetterci di persona. Continua a leggere “I segreti del cuore: marzo (parte 1)”

I segreti del cuore: febbraio

https://alessandriatoday.files.wordpress.com/2019/10/febbraio.jpg

 

Non ho deciso di conoscerti, non lo avevo neanche lontanamente desiderato. E’ successo, è successo tutto senza volerlo, senza aspettarlo. La mia vita più complicata di così non poteva essere. No, il fatto è che io sono semplicemente complicata. Stare al mio fianco, non è per niente facile.

“non nascondere il segreto del tuo cuore, amico mio!

Dillo a me, solo a me, in confidenza.

Tu che sorridi così gentilmente, dimmelo piano,

il mio cuore lo ascolterà, non le mie orecchie.

La notte è profonda, la casa silenziosa,

i nidi degli uccelli tacciono nel sonno.

Rivelami tra le lacrime esitanti,

tra sorrisi tremanti

tra dolore e dolce vergogna,

il segreto del tuo cuore.

(Tagore)

Possibile che devo trovare sempre dei muri? Prima o poi li abbatto, non è da me arrendermi. Nevica! I ricordi si fanno sentire, sempre più forti e prepotenti che mai, come la candida neve di questa sera d’inverno.

Passerà… passerà anche questo inverno gelido.

“l’amore è un faro che è fisso

e sovrasta la tempesta

o forse è la tempesta stessa,

che ti sbatte, ti stordisce,

ti travolge e ti sconvolge,

ti sommerge fino a farti

arrivare al punto di credere

di morire soffocato dal sale

delle sue acque prima di farti

riemergere per inspirare

profondamente la dolce brezza marina

(William Shakespeare)

Tutto è iniziato con un messaggio, un augurio carino da un numero che non conosco affatto. Ho risposto per educazione, ricambiando gli auguri anche se non avevo idea di chi fosse. Ed io che avevo sperato in un ammiratore segreto, l’uomo dei miei sogni, il mio principe azzurro. Quanti treni sono passati nella mia vita ed io non sono mai salita su quello giusto.

Si dice: fai bene e scordatene. E’ vero. Ma chi è abituato ad adoperarsi per gli altri, continuerà a farlo, sempre. Non importa se verrà trattato male, non importa se verrà messo da parte, non importa se gli verranno attribuite colpe ingiustamente. Continuerà in ogni modo, con qualsiasi mezzo a dare conforto, a dare consigli. Un amico puro, gentile, sincero, non può cambiare, conserverà la sua sensibilità interiore, non cambierà, conserverà nel tempo il suo essere speciale. Continua a leggere “I segreti del cuore: febbraio”

A statua du purtu i Citraru

calabrisando

https://inesfavorita.files.wordpress.com/2019/09/porto.jpg

“Sumati oji Juri, t’e cujjiutu u sunnu stamatina, u gallu adi cantatu ggiani da nu bbellu pocu”

“Chi ura sunu?”

“I quattru, sbrigati s’ama jini a tajjiani l’acqua all’acquaru”

“Mu mi sumu, preparami na scutella i pani cuttu, attramenti ca mi lavu”

Sentivu i nonni mijia ca sbrajitavanu a prima matina, chilli grida m’avivanu cacciatu u sunnu. Mijjiu ca mi sumavu puru hijia, tantu u sunnu m’eradi passatu. Nanna stavadi cucinandu allu fucularu, na cunchetta nivura supra u tripunu

View original post 922 altre parole

I segreti del cuore: gennaio

https://alessandriatoday.files.wordpress.com/2019/09/gennaio.jpg

 

“l’amor che move il sole

e l’altre stelle”

(Dante Alighieri)

 

Questa sera spengo la luna e le stelle. Spengo il mio cuore e sogno il mio bel principe azzurro sul suo cavallo bianco venirmi incontro, cercando me, solo me. Ma tu non essere geloso, lo sai, il mio cuore appartiene solo a te. Sei nella mia anima e lì ti lascerò, per sempre.

Tutti mi vogliono, tutti mi cercano. E chi voglio io? Mi cercherà? Non lo farà mai! Non mi cerca e non mi pensa, forse però mi pensa e non vuole cercarmi. Forse è troppo impegnato per cercare me. Mettiti l’anima in pace: non ti cerca perché non ti pensa, non ti cerca perché non è te che vuole! Oh che dolore provo nel mio cuore!

Questa sera niente luna, niente stelle. Il cielo è coperto, ascolto musica per non pensare. E’ così difficile far tacere la mente e non ascoltare il cuore. Vorrei tornare indietro, a qualche mese fa per poter cancellare alcuni avvenimenti. Non si può. Il male è fatto. Resta solo chiudere quel libro per poter aprirne un altro.

Non ho nessuna vena poetica questa sera: stanca, triste, delusa, annoiata, gran mal di testa, praticamente con tutte le ruote a terra. Ho sonno, non riesco a dormire e devo svegliarmi all’alba. Paranoica, irascibile o come sono stata definita: una folle. I miei complimenti a tutte quelle persone che giudicano senza conoscere realmente le persone, fermandosi alle apparenze, a quello che vogliono vedere. A me non importa quello che pensano o dicono gli altri. A me interessa quello che credi tu. Fa molto male sapere che lo pensi anche tu Continua a leggere “I segreti del cuore: gennaio”

Sangineto: il paese dei ligustri

calabrisando

Sangineto

Sangineto si sviluppa in due nuclei: il lido in località Le Crete fa parte della Riviera deiCedri, e il paese racchiuso nel Parco Nazionale del Pollino. Il centro storico ha origini molto antiche, e secondo il parere di Stefano Bizantino il borgo coinciderebbe con Thyella, un’antica città degli Enotri e dove abitarono i Focesi. Ma il vero insediamento cittadino si verificò con alcuni abitanti di Civitas distrutta dai Longobardi nel 680 ca, i quali si rifugiarono nelle vicinanze del castello cercando protezione, e dove in seguito arrivarono i monaci basiliani dalla Sicilia.

Durante la dominazione angioina e normanna, la storia di Sangineto è legata alla famiglia dei Sangineto, e in seguito i possedimenti passarono ai Sanseverino, ai Maiorana e ai Firrao. Verso la metà del 1800, una piena del torrente Sangineto peggiorò la situazione economica del paese, compromettendo gravemente l’attività agricola. Ancora oggi l’evento viene…

View original post 549 altre parole

I segreti del cuore: dicembre

https://alessandriatoday.files.wordpress.com/2019/09/i-segreti-del-cuore1-1.jpg

https://alessandriatoday.files.wordpress.com/2019/09/dicembre.jpg

Innamorati del cielo, della luna e delle stelle.

Innamorati del mare, del sole e della sabbia.

Solo così sarai sicura di non soffrire.

Convinci te stessa a chiudere la porta del cuore.

Butta via la chiave negli abissi più profondi,

dove nessuno, mai, la troverà.

“è tutta colpa della luna,

quando si avvicina troppo alla terra

fa impazzire tutti”

(William Shakespeare)

“una singola parola ci libera

da tutto il peso e il dolore

della vita: quella parola è

Amore”

(Sofocle)

Raccoglierò i miei sogni a uno a uno, in una notte senza luna e senza stelle, li consegnerò nelle mani di chi saprà capire. Regalerò la mia anima e il mio cuore a chi sarà in grado di non farmi del male. Parlerò dei miei segreti e delle mie paure solo a chi saprà ascoltare con cuore sincero. Continua a leggere “I segreti del cuore: dicembre”

I segreti del cuore: novembre

https://alessandriatoday.files.wordpress.com/2019/09/i-segreti-del-cuore1-1.jpg

https://alessandriatoday.files.wordpress.com/2019/09/novembre.jpg

“ama chi ti ama,

non amar chi ti sfugge,

ama quel cuore che

per te si strugge”

(William Shakespeare)

Mi è sempre stato detto di mettere il cuore in qualsiasi cosa io faccia, alla fine, ho imparato che il cuore ci rimette sempre. Perché la sincerità, la verità, non tutti sono in grado di apprezzarla. A parole tutto è semplice, i fatti invece, richiedono un incredibile coraggio. Più si è sinceri, più si dice la verità e più la vita, le persone, ti penalizzano. Bisognerebbe fare “buon viso e cattivo gioco”, non ne sono capace, non è da me. Preferisco da sempre la verità, anche se in molti mi volteranno le spalle, anche se in molti diventeranno dei nemici. Preferisco avere nemici e affrontarli e non chi dice, di essermi amico e prontamente pugnala alle spalle. L’amicizia è come l’amore, richiede un incredibile coraggio per non tradire fisicamente, e soprattutto, per non tradire la fiducia che abbiamo riposto nell’altra persona. Il tradimento fisico  si può superare, ma il tradimento di un amico può anche uccidere, far morire dentro lentamente, ti strappa un pezzo di cuore che non si riesce più a ricucire.

Questa sera sono triste, ho ricevuto delle lettere che mi accusavano di alcune cose… sono delusa, amareggiata? Sì, lo sono, perché non ho mai sopportato l’ingiustizia. Essere accusati di qualcosa che non si è commesso, lascia l’amaro in bocca, ti lacera il cuore, l’anima. Bisognerebbe difendersi, appellarsi a tutte le forze che si dispone, per superare il periodo buio che ti circonda, che si è abbattuto come un fulmine nella propria vita. Eppure, nonostante tutto, si resta fermi, allibiti da tanta cattiveria, pensando che ciò che ti sta accadendo, non riguarda te, che è solo uno sbaglio, un fottutissimo sbaglio. Purtroppo, non è così, le accuse sono per te, pronte a farti sprofondare in un incubo senza uscita. Continua a leggere “I segreti del cuore: novembre”

I segreti del cuore: presentazione

https://alessandriatoday.files.wordpress.com/2019/09/i-segreti-del-cuore1.jpg

Ho reso omaggio ai seguenti autori: William Shakespeare, Sofocle, Agostino Degas, Dante Alighieri, Goethe, Catullo, Lao Tzu, Tagore, Casanova, Victor Hugo, rispettando i diritti d’autore degli stessi, in quanto trascorsi 70 anni dalla loro scomparsa.

Questa è un’opera di fantasia. Qualsiasi riferimento a fatti o persone della vita reale è puramente casuale.

 

e se davvero esiste un legame indissolubile,

neanche gli eventi, la lontananza

riusciranno a separarci.

Ci incontreremo là dove finisce il tempo…

per non perderci ancora…

per non perderci di nuovo…

 

 

a volte, quando pensiamo di aver trovato la nostra anima gemella,

questa è già impegnata in un’altra relazione sentimentale,

o semplicemente, non si ricorda più di noi

e ci lascia andare via, per sempre Continua a leggere “I segreti del cuore: presentazione”

I fijji i marita’

calabrisando

https://inesfavorita.files.wordpress.com/2019/09/abito-sposa.jpg

Nanna chjicata ‘ntra l’urtu, nu panaru ‘nterra, stavadi cujjindu duji mulingianelle, senza sumani a capu da chillu ca stavadi facindu si misi a parlani

“Vini fijjia! Staju cujjindu duji muwangiani, nonnitu tena u gulìu di purpetti”

“Oji na’, sempri ‘ngignandu tindi stani”

“A matina fadi a jurnata fijjice’. Mi signu sumata prima di gallini hijia, ajiu adacquatu tuttu l’urtu, u sani ca chissi cosi s’anna fani a prima matina”

“Tini arraggiuni sempri tuni, l’e sempri dittu ca sini na vutta i sapiri”

View original post 1.365 altre parole

A casa da chjiazza i Cimalonga e u trillu du Diavulu

calabrisando

https://inesfavorita.files.wordpress.com/2019/09/casa.jpg

“Oji na’ i cujjimu duji juri i cucuzzilli? A vistu quantu cindi sunu?”

“I ‘mbishcamu chi dici? Juri i cucuzza e juri i cucuzzilli”

“Sini oji na’, tutt’e duji tenunu nu sapuri bbunu. Ma nun ci cacciani u piruzzulillu, chillu edi cchjiu sapuritu di juri”

“Noni noni, nun u cacciu. Jamu a cojjia i juri ca u suli edi punutu”

Mentri jivamu ‘ntra l’urtu, guardavu a nannarella mijia, vascia vascia e sicca sicca, ma l’ucchji arzilli e a vucca ca ridivadi sempri.

View original post 843 altre parole

Calabbria mmijia

https://alessandriatoday.files.wordpress.com/2019/09/calabria.jpg

https://alessandriatoday.files.wordpress.com/2019/09/calabrese.jpg

 

Signu calabbrisi ma sulu i nascita

picchì sta terra haju abbandunatu.

Quanti ricurdi dintra sta capu

i mia piccirilla

i mia quatrarella.

Ma vugliu turnare Calabbria mijia,

picchì ‘ntu core si sempri ccu mia!

 

Calabria mia

Sono calabrese ma solo di nascita

perchè la mia terra ho abbandonato.

Quanti ricordi nella mia testa

di me piccolina

di me bambina.

Ma voglio tornare Calabria mia

perchè  sei sempre nel mio cuore!

 

 

Cercami

https://alessandriatoday.files.wordpress.com/2019/09/cercami-lc3a0.jpg

https://alessandriatoday.files.wordpress.com/2019/09/cercami.jpg

 

Cercami là

dove finisce il blu

starò in silenzio

ascoltando le tue parole

piene di vane promesse

piene d’amore mai detto.

Cercami là

dove non esistono confini

dove l’odio si sposa con l’amore

dove la speranza non ha fine.

Cercami là

in fondo a un sogno

dove la finzione diviene realtà

dove un cuore infranto

non provi dolore.

Cercami là

alla fine del mondo

sarò lì

seduta ad aspettare

un sogno svanito

corroso dal tempo.

Cercami là

in fondo al tuo cuore

io sono proprio lì

nascosta dentro il tuo amore.

Cuore in tormento

https://alessandriatoday.files.wordpress.com/2019/09/cuore.jpg

https://alessandriatoday.files.wordpress.com/2019/09/cuore-in-tormento.jpg

 

Se volessi appartenere al tuo mondo

dimmi

cosa dovrei fare?

Forse dovrei venirti a cercare

in una notte buia e turbolenta

dove la pioggia non fa’ sentire

il battito del mio cuore

o forse in una giornata limpida

e piena di sole

dove i raggi ti facciano vedere

il mio amore.

Se dovessi venirmi a cercare

fallo solo senza rumore

vieni piano

lentamente

non sciupare questo momento.

Se volessi venire da te

lo farei allegramente

il sorriso pieno di vita

e il mio cuore fra le dita.

Non sciupare il momento

il mio cuore è un tormento!

L’uomo imperfetto

https://alessandriatoday.files.wordpress.com/2019/08/luomo-imperfetto.jpg

 

https://alessandriatoday.files.wordpress.com/2019/08/cigni.jpg
“Amore che da sempre fuggi
nascondendo il tuo calore
nei paesi di tutto il mondo.
Dimmi!
Perché non ti fermi un momento?
Non sei stanco di girare tutto in tondo?”
“Sono stanco e tanto!
Ma voglio nascondermi lontano, lontano
dove le persone non meritevoli
non assaggino il mio mistero
“Sei cattivo e orgoglioso!
Cosa avrà mai fatto questa povera gente?”
“Mille cose abominevoli!
Avere l’amore è davvero un dono.
Non tradire se ami davvero
il tuo cuore deve essere sincero.
Non fare promesse se non puoi mantenerle
fare soffrire è questione di poco.
Non mentire se ti è possibile
la sincerità dev’essere vera!
Non tradire il tuo essere folle
è l’amore che ti fa correre forte”
“Tradire, vane promesse, mentire
sono cose davvero meschine.
Ma oramai è il mondo che va così
e dell’amore che è un dono
non importa proprio a nessuno”
“Non direi affatto così
importa davvero
e tanto lo sai!
Ma è l’uomo imperfetto
che rovina il tutto
e dell’amor non se ne prende cura!”

Cara Luna

https://alessandriatoday.files.wordpress.com/2019/08/luna-1.jpg

 

https://alessandriatoday.files.wordpress.com/2019/08/luna1.jpg

 

Mia cara amica Luna

quante pene ho da confidarti questa sera!

Da quando è andato via

ha lasciato un vuoto incolmabile nel mio cuore

è uscito dalla mia vita per sempre

senza dire il perchè.

Soffro per lui!

I miei pensieri sono solo per lui.

Cara amica mia

in questa sera splendente

vieni in mio aiuto con un tuo consiglio.

Dimmi cosa devo fare

perchè da sola

senza lui

non so più stare.

Regalami un pò della tua fatale luce.

Illumina la mia vita

Illumina il mio cuore

Ti prego!

Scrivi adesso

lassù nel cielo

con le tue belle e luminose stelle

un piccolo

un misero grande consiglio.

Aiutami mia cara e dolce amica Luna

dimmi cosa devo fare

perchè senza di lui

non so più stare.

 

 

Clown disperato

https://alessandriatoday.files.wordpress.com/2019/08/clown-1799681_1920.jpg

https://alessandriatoday.files.wordpress.com/2019/08/flower-887443_1920.jpg

 

Ecco cosa sono: un clown.

Nascondo sotto falsi sorrisi la tristezza

gli occhi sono lucidi

sembrano due stelle cadenti

che versano lacrime

di un colore mai esistito.

La bocca socchiusa

segna l’inizio di un discorso senza senso.

La gente mi guarda e ride

ed io con gli occhi spalancati

mi accorgo di quanto sia finta questa vita.

Sono un clown disperato

che si affaccia alla finestra del mondo con occhi diversi

simili alla paura.

Salto

gioco

faccio ridere la gente

ma nessuno conosce

le ferite che segnano il mio cuore

le ferite che segnano la mia vita.

Notte di San Lorenzo, di Ines Favorita

https://alessandriatoday.files.wordpress.com/2019/08/stella2.jpg

https://alessandriatoday.files.wordpress.com/2019/07/stella1.jpg

Il sentimento che provo non ha logica

non ha un filo conduttore di razionalità

è tutto racchiuso nel cuore

nel segreto del mio cuore.

E per quanto io voglia dar retta alla ragione

c’è sempre lui

incalzante

prepotente

che mi porta a te!

Anche questa sera voglio sognare:

io e te a guardare le stelle

abbracciati teneramente in silenzio.

Sogni da adolescente immatura…

Ma non riesco a far tacere il mio cuore.

Amore?

Che sia amore acerbo?

La devo smettere se non voglio farmi del male

la devo smettere di pensare a te!

Sempre puntuale è il tuo pensiero

il tuo nome è da sempre marchiato sul mio cuore…

e il tuo viso…

il tuo viso lo rivedo ogni sera nel cielo stellato.

Chimera!

Illusione!

Ti vado cercando in mezzo la gente

sperando di incontrare il tuo sguardo

di leggere nei tuoi occhi

una scintilla d’amore!

Vorrei che i miei pensieri arrivassero a te

sfiorando le tue labbra con il mio amore.

Che in questa notte magica e misteriosa

tu

finalmente

t’innamorassi di me!

Che la stella più bella che non ho visto cadere

venisse a cercarti

per dirti

che questa sera sto pensando a te!

 

 

Non lasciarmi, ti prego

https://alessandriatoday.files.wordpress.com/2019/08/solitudine.jpg

https://alessandriatoday.files.wordpress.com/2019/08/innamorati.jpg

 

Non abbandonarmi proprio adesso

ho paura di quello che mi aspetta.

Restami accanto

consolami

stringimi forte

non lasciare che il vento mi porti via.

Non lasciarmi

non lasciarmi proprio adesso

ho bisogno del tuo affetto

del tuo amore.

Restami accanto

dimmi che mi vuoi bene

non lasciarmi naufragare in una bufera di illusioni.

Non lasciarmi sola

in questa notte buia e fredda.

Non lasciarmi

resta qui con me

ancora un poco

ti prego.

 

 

Granelli di sabbia

https://alessandriatoday.files.wordpress.com/2019/08/shell-3533882_1920.jpg

https://alessandriatoday.files.wordpress.com/2019/08/beach-908279_1920.jpg

 

Camminando a piedi nudi

sulla sabbia bagnata

cerco appena di socchiudere gli occhi

e penso a tantissimi

granelli di sabbia.

Li conto piano: uno… due… tre…

Sono i giorni

gli attimi

che ho trascorso con te.

Rappresentano le lunghe ore felici

del nostro amore.

Riapro con leggerezza gli occhi

guardo il cielo

e vedo dei gabbiani in volo:

“Beati loro”, sussurro

e poi guardo il mare

il sole

la spiaggia

e ricomincio ancora una volta

a contare quei piccoli

granelli di sabbia: uno… due… tre…

e ancora penso

ma capisco che è finita.

Resto lo stesso

a contare i miei bellissimi

granelli di sabbia: uno… due… tre…

restando sospesa a contemplare il mare

restando sospesa in una giornata

che via via finisce

con un velo di malinconia.

 

 

Ho cercato

https://alessandriatoday.files.wordpress.com/2019/08/cuore-2.jpg

https://alessandriatoday.files.wordpress.com/2019/08/sposi.jpg

 

Ho cercato di capire

cosa mi stesse accadendo

ho trovato da sola la risposta:

mi stavo innamorando di te.

Ho urlato al vento

la mia disperazione

per soffocare questo sentimento

ma lui si è infuriato

e mi ha detto di aspettare.

Ho parlato di te al mio cuore

e lui da povero essere mi ha detto:

“abbandonati, sarai felice”.

Ho cercato di capire

cosa mi stesse accadendo

ho trovato da sola la risposta:

“mi sono inamorata di te”.

 

 

A fijjia du conti e u marinaru

calabrisando

a fijjia du conti e u marinaru

Supra a costa da Scalìa edi arrivatu nu marinaru, stancu i sindi stani dintru u mari. Edi riccu, a stiva chjina i ricchizzi, ma edi sulu e bbellu cumu u suli. Sindi vadi passijiandu ppi i strati du pajisi, ppi truvani a paci dintru u cori sua; edi riccu ma tantu poviru, senza na fimmina ca sindi pijjiadi cura!

“Finalmenti signu turnatu ‘ntra terra mijia, anni e anni a navigari supra ssu bbarcuni, e muni puzzu sbarcani. Hajiu accumulatu tanti ricchizzi, ma cchi mindi fazzu si nun tignu u tesoru cchjiu grandi: na famijjia, na mujjiri e tanti figghji. Scalìa mijia, cumu sini cangiata, nun t’arricurdavu accussini bbella! L’ucchji mijia sunu chjini i chiantu, e u cori mijiu zumbadi forti da cuntentizza”

View original post 1.634 altre parole

Profumi di Calabria, alla scoperta della lavanda di Campotenese

https://alessandriatoday.files.wordpress.com/2019/07/lavanda1.jpg

https://alessandriatoday.files.wordpress.com/2019/07/lavenda2.jpg

 

Un’idea del tutto originale nata nel 2007, Selene, imprenditrice calabrese realizza a Morano Calabro in provincia di Cosenza, nella contrada di Campotenese a circa mille metri di altezza, immerso nel Parco Nazionale del Pollino, il Parco della lavanda.

La particolarità del progetto risiede nella varietà di questa pianta antica: l’autoctona (lavanda loricata) battezzata “Loricanda“, la quale nasce spontanea nel Parco del Pollino.

Amore e dedizione verso la propria terra, hanno fatto sì che Selene assieme alla sua famiglia, portasse avanti vecchie tradizioni giunte dal passato, quando la popolazione calabrese raccoglieva la lavanda, la bolliva e ottenuto un ottimo distillato, lo vendeva alle varie case farmaceutiche.

Insomma, far rivivere il passato per far conoscere alle nuove generazioni le proprie radici.

Attualmente, nel Parco della lavanda, Selene estrae dai fiori di lavanda l’olio essenziale destinato per curare il mal di testa, l’insonnia e  le punture d’insetti; crea candele e produce marmellata e miele di lavanda per soddisfare i palati più raffinati.

Ogni anno, l’imprenditrice e la sua famiglia, accolgono centinaia di turisti giunti da ogni parte d’Italia, per visitare il Parco  e il giardino botanico, dotato di laboratori didattici per far conoscere le varie tipologie di lavanda, all’incirca sessanta specie che crescono spontaneamente nel Parco del Pollino.

La fioritura della lavanda avviene dal trenta giugno al dieci agosto, periodo dove si può accedere, passeggiando nei filari per inebriarsi del profumo particolare di questa pianta e ammirare l’intera collina che si tinge di un bel colore viola.

fonte: calabrianews

Il giorno più bello

https://alessandriatoday.files.wordpress.com/2019/07/people-2586426_1920.jpg

https://alessandriatoday.files.wordpress.com/2019/07/dreamcatcher-1030769_1920.jpg

E’ il giorno più bello della mia vita:

“Oggi mi sposo”

ma tu, caro papà, non sei con me.

Son diventata grande

di colpo son cresciuta

ma tu, oggi, non sei con me.

Son diventata grande

di colpo son cresciuta

ma tu non sei al mio fianco

a tendermi il braccio.

Tentenno

barcollo

sorrido

poi piango

pensando a te

sognando che ci sei tu

a tendermi il braccio.

Mi aggrappo a te

nell’illusione che anche da lassù

mi puoi vedere.

Sorrido

poi rido

ti ho visto

sei lì.

Mi guardi.

Accompagnandomi

mi tieni per mano.

Avanti

son pronta

possiamo andare

adesso ci sei tu a tendermi il braccio.

 

 

Tra storia e leggenda il frutto degli dei

calabrisando

Museo del Cedro Palazzo Gabriele Marino Santa Maria del Cedro CS

Il frutto più bello

Le origini del cedro sono avvolte nel mistero di molte leggende, ma si ipotizza sia arrivato in Calabria dopo il 70 d.C. a seguito della distruzione di Gerusalemme da parte di Tito. Gli ebrei ellenizzati nel corso del loro esodo avrebbero portato in Italia la pianta del cedro, soprattutto, nelle città di Sibari e di Laos.

Questo frutto viene citato nell’Antico Testamento per ben settanta volte e denominato come “il frutto più bello” e come “il pomo proibito del Giardino dell’Eden”, infatti, per la cultura ebraica questo agrume ha un significato molto importante.

Per questo motivo, gli ebrei, i quali furono allontanati dalla Calabria agli inizi del 1500, oggi, provenienti da ogni parte del mondo, si recano a Santa Maria del Cedro tra luglio e agosto per selezionare i frutti migliori da destinare al Sukkot

View original post 978 altre parole