L’imprenditore del futuro, di Lia Tommi

I-Profile è il test OSM (OPEN SOURCE MANAGEMENT) per scoprire il tuo potenziale e quello dei tuoi collaboratori.
Paolo Ruggeri e Andrea Condello sono ideatori e sviluppatori di una valutazione attitudinale che, prendendo le mosse dai più classici test psicoattitudinali Made in USA, li ha sviluppati al punto da essere divenuto il solo prodotto italiano validato e riconosciuto negli Stati Uniti, dove già alcune centinaia di aziende lo hanno adottato per la selezione del personale.

Inizia così l’articolo de il Sole 24 Ore che parla di di I-Profile ® :

” I-Profile ® misura i dieci ingredienti fondamentali che determinano la produttività di ogni persona offrendo una valutazione oggettiva del potenziale individuale.

Partendo da una approfondita analisi sulle idee dell’imprenditore e da una verifica sui parametri oggettivi dei principali asset aziendali, I-Profile ® ci permette di individuare un ristretto numero di azioni da intraprendere per cambiare drasticamente le aree di sofferenza aziendali.

Questo strumento riunisce i principi del problem solving più efficace all’applicazione pratica del principio 80/20: vale a dire “selezionando un 20% di azioni efficaci si riesce a migliorare sino a un 80% dei processi non soddisfacenti”.

In poche parole I-Profile ®:

1. Individua pregi e mancanze dell’azienda
2. Scopre se ci sono collaboratori che non sono più in grado di dare l’apporto necessario e ne verifica le motivazione
3. Comprende quanto ogni persona sia adatta alla posizione che occupa e scova i “campioni nascosti” che dovrebbero essere valorizzati.

Quindi, caro imprenditore, ora che hai chiaro la grande forza del nostro test I-Profile ®, cosa aspetti a scoprire le potenzialità dei tuoi collaboratori ed a trovare nuovi campioni per la tua impresa?

Per diventare i migliori ci vuole la squadra migliore. E per trovare la squadra migliore ci vuole il migliore “scout” del settore. Questo è I-Profile ®”.

Giovedì 27 settembre uno degli ideatori di questo test e socio fondatore di OPEN SOURCE MANAGEMENT , Andrea Condello, sarà relatore all’evento “L’imprenditore del futuro – L’equilibrio tra fatturato e tempo libero “, che si terrà ad Alessandria, dalle 16 alle 19,30 , a Palazzo Monferrato, in via San Lorenzo, 21.

Verranno illustrate le metodologie per organizzare al meglio i flussi lavorativi di un’azienda, al fine di ottenere i migliori risultati economici, avere collaboratori più motivati, e contemporaneamente garantire maggiore tempo libero all’imprenditore.

G.A.S.A. FESTIVAL ad Alessandria, di Lia Tommi

G.A.S.A. festival – Parco Pittaluga (AL)
Via Camillo Benso di Cavour, Alessandria
Dal 21 al 23 settembre

Il collettivo G.A.S.A. (Giovani Alessandrini Si Attivano) è ormai una grande famiglia che vive la città come una grande casa: si riunisce nei suoi angoli da rispolverare e li colora con eventi pieni di bellezza, musica e arte.

Questa volta la festa è in uno dei giardini dimenticati della nostra casa-città: il Parco Pittaluga come non l’abbiamo mai visto.

Un grazie al Comune di Alessandria che permette di dar vita al Festival, a coloro che lavorano per il Centro Giovani e alle Politiche Giovanili, supporto fondamentale nell’organizzazione della manifestazione. Anche grazie ad AMAG, che pulirà il parco, fornirà acqua potabile e bagni chimici.

In collaborazione e con il supporto dell’associazione Cultura e Sviluppo Alessandria e del bando IdealiTu/Re-generation si è lavorato per ridar luce e nuova vita a questo prezioso angolo urbano con un grande evento 100% made in AL.

Appuntamento per un weekend intero di arte, concerti, disegno dal vivo, workshop gratuiti, yoga, giocoleria e buona cucina piemontese sotto il cielo settembrino.

VENERDì 21/9 Grazie a OrtoZero Cafe’,
PIAZZA SANTA MARIA DI CASTELLO: WARMUP PRE-FESTIVAL con Origine Mediterranea DJ SET + Melt Dream VHS SET LIVE VISUAL + Lele Gastini LIVE PAINTING

SABATO 22/9 GIARDINI PITTALUGA:

Ore 14.30-18: UPO Play – esterna radiofonica con giochi, contest, premi a cura di Radio 6023 (Università del Piemonte Orientale)
Dalle ore 15: WORKSHOP ASSOCIAZIONE JADA
sull’alimentazione
Ore 16-17.30: YOGA SUL PRATO con Yoginiguess (Marta Guassardo)
Ore 16-19: WORKSHOP DI DISEGNO PER GENITORI E PICCOLI con Lele Gastini -> partecipazione libera
Ore 17-19: SKETCHBOOK vs. INSTAGRAM – Workshop di illustrazione per tutti con Andrea Musso
Ore 19: JUGGLING PERFORMANCE – Giocoleria intorno al parco con Michael Martinati
Ore 19: APE + Martino Maranzana DJ SET
ORE 20.30: Melt Dream + Eli Sa LIVE COLLAGE
ORE 21.30: Delysid LIVE
ORE 22.30: SLWJM LIVE
ORE 23.30: MARRA (Pietro Montanaro) AFTERPARTY DJ SET

DOMENICA 23/9 PARCO PITTALUGA:

ORE 15: IMMAGINARE FORME – Workshop di collage per i piccoli (4-10 anni) con Eli Sa
DALLE 15: Sistema Ottico EXHIBITION + ART MARKET
DALLE 15: MOSTRA ARTISTI G.A.S.A. + ART MARKET
DALLE 17: WORKSHOP DI DISEGNO PER GENITORI E PICCOLI con Lele Gastini
ORE 17-19: INCIDENTI: metodologie per un incontro scenico – WORKSHOP DI TEATRO con Michele Puleio
ORE 17-19: Cambia la mente, cambia tutto: tecniche pratiche per sviluppare la tua creatività – WORKSHOP DI EMPOWERMENT con Emilia Apetino
ORE 19-22: APE + DJ Daniele Duert Favata CLOSING PARTY DJ SET

Un nuovo Giardino Urbano a Spinetta Marengo, di Lia Tommi

C’è qualcosa di nuovo a Spinetta Marengo: un’area verde situata all’interno degli spazi della scuola primaria “A. Caretta”.

Alessandria: Uno spazio strutturato, sicuro e curato, nato dalla collaborazione tra il Comitato Genitori delle scuole di Spinetta di Marengo, Il Bianconiglio (Centro Gioco dell’ASM Costruire Insieme) e l’I.C. Caretta, dove realizzare attività aggregative e ricreative per famiglie con bambini da 0 a 11 anni.”Abbiamo rimesso a nuovo uno spazio inutilizzato e ora lo restituiamo alla comunità locale. Un giardino dove poter far giocare liberamente i propri bambini, in cui offrire delle attività di significato, che favoriscano un arricchimento relazionale e culturale”, ha dichiarato Gianni Porzio, presidente del Comitato Genitori di Spinetta.

20180919_225107-862675595.jpg

Il progetto “Spinetta Urban Garden: spazio verde strutturato per l’infanzia in Fraschetta”, realizzato grazie ai fondi messi a disposizione dal Bando Social 2017 della Fondazione SociAL, ha ristrutturato l’area verde grazie a processi di partecipazione “dal basso” con la comunità locale, coinvolta sin dalla fase di progettazione. Le famiglie sono state chiamate a proporre, insieme ai soggetti promotori del progetto, interventi di modifica al fine di realizzare un giardino progettato dai cittadini per i cittadini, allestito a misura di bambino sulla base delle esigenze rilevate e che potrà essere utilizzato anche dagli insegnanti delle scuole del posto (Nido, Infanzia e Primarie) come una vera e propria “aula all’aperto” per tenervi delle lezioni e realizzare laboratori ludici, didattici e scientifici. Continua a leggere “Un nuovo Giardino Urbano a Spinetta Marengo, di Lia Tommi”

Teatro al Chiostro di Santa Maria di Castello, di Lia Tommi

Sabato 22 settembre 2018.
Cortile de “Il Chiostro hostel and hotel”, Piazza Santa Maria di Castello 14, Alessandria
In caso di maltempo, gli spettacoli si terranno all’interno della Sala dell’Affresco, sempre nel Chiostro di Santa Maria di Castello.
Rassegna Chiostro in una notte di mezza estate – Progetto Borgo del Teatro

Ore 21.30
Il fosso senza vergogna
Liberamente tratto da un testo di Franco Zaffanella
Con Emma, Jacques, Laura, Leonardo, Paolo e Sara.
Compagnia I Tr’Attorini, compagnia teatrale amatoriale formata da ragazzini di Rivarone.
A cura dell’Associazione ARCA Rivarone

A seguire (ore 21.50 circa)
Favole napoletane
Di e con Luigi Mariano Di Carluccio
Con la partecipazione di Pietro Ariotti
Regia e tecnico luci Renza Borello
Consulenza artistica Teseo Di Carluccio
Compagnia Gli Illegali

Ingresso unico 7 euro
Per informazioni e prenotazioni
Tel. 3351340361 (Luigi Mariano Di Carluccio)
Email: info@illegali.it
Pagina Facebook: glillegali

Rassegna realizzata con il contributo della Fondazione SociAL

Prenota la cena prima o dopo lo spettacolo al Il Moscardo in Via Volturno 20, presenta il biglietto dello spettacolo e avrai uno sconto del 10%. L’offerta è valida anche per le serate dal lunedì al giovedì la settimana dopo lo spettacolo sempre presentando il nostro biglietto. Ricordati però di prenotare al numero 3755023734! A tal proposito la biglietteria al Chiostro sarà aperta dalle

Nell’ambito della rassegna “Chiostro in una notte di mezza estate” organizzata da Redazione Blogal con il contributo di Fondazione SociAL, presso Il Chiostro hostel and hotel, Piazza Santa Maria di Castello 14 Alessandria, la Compagnia Gli Illegali presenta lo spettacolo “Favole napoletane”, di e con Luigi Mariano Di Carluccio, con la partecipazione di Pietro Ariotti.

Regia e tecnico luci Renza Borello, consulenza artistica Teseo Di Carluccio.

C’era una volta un bambino.
Si era trasferito in una nuova città e per trasferirsi aveva fatto un viaggio in treno di 800 chilometri.
E quando arrivò a casa ad Alessandria, la prima cosa che fece fu andare sul balcone della cucina, e cominciare a urlare.
Chiamava quelli che aveva conosciuto nell’altra città, a 800 chilometri di distanza e li chiamava con un linguaggio che a molti, al Nord, pareva incomprensibile, ma che per loro, per i suoi parenti, sarebbe stato comprensibilissimo. Chiamava il nonno, la nonna, gli zii, ma in Napoletano …
Sono un immigrato di seconda generazione e questa è la mia storia, la mia favola napoletana.

Prima di “Favole napoletane”, alle 21.30 sarà possibile assistere allo spettacolo “Il fosso senza vergogna” della compagnia I Tr’Attorini.

I Tr’Attorini sono una compagnia teatrale amatoriale formata da ragazzini di Rivarone, piccolo comune della Bassa Valle Tanaro, tra i 10 e 14 anni.
Nonostante si siano costituiti solo due anni fa hanno già al loro attivo diverse partecipazioni a spettacoli teatrali e non. I Tr’Attorini presentano lo spettacolo “Il fosso senza vergogna”, liberamente tratto da un testo di Franco Zaffanella, in cui Emma, Jacques, Laura, Leonardo, Paolo e Sara impersoneranno dei rifiuti abbandonati in un fosso, dando vita a dialoghi sull’ecologia e sul riciclo, nella speranza di farci riflettere su questi temi per garantire un futuro al nostro pianeta.

La staffetta “Alessandria- Roma” : partenza simbolica il 20 settembre, di Lia Tommi

Giovedì sera, 20 settembre, è prevista la “partenza simbolica” della staffetta Alessandria-Roma per celebrare gli 850 anni della Città.
Preannunciato già lo scorso luglio, il progetto della staffetta “Alessandria-Roma” — per celebrare con particolare rilievo, anche sotto l’aspetto sportivo, l’850° anniversario della fondazione della Città di Alessandria (1168-2018) — si sta per concretizzare e gli atleti coordinati dall’Associazione “Stella Bianca-Laura Garavelli” si stanno già scaldando per la partenza ufficiale in programma domenica 23 settembre (alle ore 6).

L’evento è promosso e sostenuto dal Comitato Promotore “Alessandria 850” e dall’Amministrazione Comunale di Alessandria, insieme al giornale “Il Piccolo” di Alessandria e ad esso sono correlati sia un pellegrinaggio a Roma organizzato dalla Diocesi di Alessandria, sia un viaggio nella Capitale d’Italia organizzato grazie al coinvolgimento de “Il Piccolo” e tramite l’agenzia viaggi “StranalandiaViaggi” di Alessandria.

La valenza simbolica di questa “staffetta/pellegrinaggio/viaggio cultural-istituzionale” è tuttavia tale che, fin dall’inizio della elaborazione del progetto, i Soggetti coinvolti hanno convenuto sull’opportunità di prevedere una sorta di sua “partenza simbolica”.

Più propriamente, si è presa in considerazione la possibilità — sia per coloro che si recheranno a Roma prossimamente (o come protagonisti della staffetta o come pellegrini/viaggiatori), sia per gli alessandrini che non vivranno questa specifica esperienza — di vivere un momento insieme che accompagni i rappresentanti della comunità alessandrina che si recheranno a Roma e che contribuisca a enfatizzare l’importanza di celebrare “insieme” i diversi momenti del programma varato per “Alessandria 850”.

L’appuntamento è dunque per le ore 20.00 di giovedì 20 settembre al Campo Scuola comunale di Atletica (di viale Massobrio 28 – Alessandria).

Il giorno scelto (20 settembre) non è casuale essendo il giorno anniversario dell’ascesa al soglio pontificio del Papa senese Alessandro III il cui nome ispirò i padri fondatori nel dare il nome alla Città di Alessandria.

Sono invitati tutti — dalle società sportive ai semplici cittadini… — per partecipare all’evento che sarà declinato nel seguente modo:

ore 20.00: ritrovo presso il Campo Scuola
ore 20.30: saluto istituzionale e, per coloro che avranno calzature idonee (scarpe da ginnastica), possibilità di entrare direttamente sulla pista del Campo Scuola e di seguire gli atleti che vivranno in prima persona la staffetta
a seguire: avvio ufficiale della “partenza simbolica” con un giro di pista da parte dei convenuti
a seguire: uscita dal Campo Scuola e indirizzamento verso il centro cittadino
a seguire (presumibilmente attorno alle ore 21.30): ritrovo in piazza della Libertà sotto il Palazzo Comunale dove ci sarà il momento conclusivo, con i ringraziamenti istituzionali da parte dei Soggetti promotori e degli Sponsor e le premiazioni per i partecipanti al progetto.

L’Amministrazione Comunale insieme a “Il Piccolo”, giornale di Alessandria e provincia, all’associazione “Stella Bianca-Laura Garavelli” e d’intesa con la Diocesi di Alessandria, sono i promotori della staffetta che — composta da nove podisti, tre ciclisti e uno staff tecnico di quindici persone, il tutto scortato dalla pattuglia degli agenti della Polizia Municipale in Bicicletta — dopo una tappa a Siena, raggiungerà Roma il pomeriggio di martedì 25 settembre attorno alle 18.00.

Dopo aver percorso 600 chilometri, accompagnata da tutta la delegazione della Città di Alessandria, la staffetta farà ingresso nello Stadio dei Marmi di Roma dove, di fronte ai vertici del CONI e dei rappresentanti sia del mondo sportivo che di quello dell’Amministrazione Capitolina, invitati formalmente per l’occasione, porterà il proprio saluto e il segno del legame forte e da sempre presente tra Alessandria e la Capitale, anche sotto l’aspetto atletico e sportivo.

Questo aspetto sportivo, insieme a quello del pellegrinaggio diocesano e a quallo del viaggio laico-istituzionale, danno la cifra della straordinarietà dell’anno in corso con il riferimento al l’850° anniversario della fondazione della Città di Alessandria.

La “staffetta” e gli eventi ad esso correlati rappresentano dunque un ulteriore significativo momento celebrativo che pone al centro dell’attenzione la memoria della storia secolare di Alessandria con un peculiare accento, per un verso, sulla sua origine e sulla sua specifica denominazione e, per altro verso, sul suo essere correlata profondamente alla vicende del nostro Paese e ai suoi proficui rapporti con Roma.

Disagio mentale e inclusione, di Lia Tommi

Skill me Up!La correlazione tra disagio mentale e accoglienza/inclusione di RTP

La correlazione tra disagio mentale e accoglienza/inclusione
di RTP è un’area non ancora sufficientemente investigata. In Provincia di Alessandria, come del resto negli altri territori, non vi sono
dati che permettano di quantificare e descrivere il fenomeno dei RTP con disagio mentale accolti nei progetti CAS e SPRAR. Disagi (depressione, ansia, disturbi del sonno, abuso di sostanze, comportamenti autolesivi, disturbi dell’attenzione e concentrazione, disturbi dell’identità e della coscienza, disturbi comportamentali, disturbi psicosomatici, disturbi cognitivi) che comportano gravi conseguenze sulla loro salute fisica e psichica, con un impatto economico significativo sulle già limitate risorse pubbliche socio-sanitarie e ripercussioni sul benessere sociale della collettività.

Le Linee Guida del Ministero della Salute sono ad oggi un documento poco conosciuto, per il quale non sono ancora previsti metodi e protocolli attuativi. I sistemi sanitario, socio-assistenziale e dell’accoglienza operano in maniera settoriale e non sinergica. Il mondo associativo, formativo e aziendale ha un limitato coinvolgimento nel settore dell’accoglienza che diventa pressoché nullo in tema di disagio mentale. La letteratura scientifica si concentra sul trattamento dei disturbi legati ai traumi, con interventi spot di etnopsichiatria e mediazione linguistica e cultural.

In questo delicato contesto nazionale e territoriale, Skill Me UP! si inserisce come modello sostenibile che permette di ottimizzare le risorse pubbliche dedicate ai servizi socio-assistenziali, sanitari e di accoglienza, posizionando gli enti gestori dell’accoglienza come referenti qualificati per dare risposta al bisogno specifico a supporto delle istituzioni e quale ponte tra i propri utenti, il tessuto sociale e il mondo aziendale. I RTP si posizionano al centro degli interventi di assistenza e riabilitazione psicosociale e non come meri “pazienti”.

Previa una miglior conoscenza del fenomeno a livello territoriale, in termini qualitativi, quantitativi e di servizi disponibili, Skill Me UP!, promosso dall’Associazione di promozione sociale Camabalache e sostenuto salla Fondazione SociAL nell’ambito del Bando 2017, propone interventi innovativi utili a riorientare il sistema socio-sanitario nazionale e gli enti gestori dell’accoglienza CAS e SPRAR verso la prevenzione del disagio e la sua acutizzazione, a partire dall’individuazione precoce fino alla riabilitazione. Il progetto estrapola dati ed elabora informazioni e prodotti di valenza tecnico-scientifica ma offre anche servizi di counseling e di “ascolto attivo” agli operatori dell’accoglienza, sperimenta sul campo percorsi di riabilitazione psicosociale, stimola il confronto tra tutti gli attori sanitari, assistenziali e istituzionali e quelli del tessuto socio-economico-culturale del territorio, coinvolgendoli nella presa in carico di RTP. Lunedì 17 Settembre 2018, dalle ore 10.30 alle 11.30, presso la sede dell’Associazione in P.zza Santa Maria di Castello 30 ad Alessandria, si terrà la presentazione del “Report di analisi del contesto locale rispetto ai richiedenti asilo e rifugiati con disagio mentale, accolti in provincia di Alessandria”, frutto della prima fase del progetto Skill Me UP!.

Seguirà un rinfresco con i prodotti di Bee My Job e dell’Az. Agricola Elilù. Sarà inoltre presentata l’attività di Sportello di ascolto rivolto agli operatori dell’accoglienza e gestito dai professionisti dell’équipe multidisciplinare. Per partecipare si richiede l’iscrizione scrivendo all’indirizzo skillmeup@cambalache.it In linea con quanto richiesto dal Ministero della Salute, Skill Me UP! promuove un approccio multidisciplinare e di sistema, fornendo informazioni, competenze e strumenti operativi standard sia agli addetti ai lavori, sia a tutte le realtà sociali e non del territorio, stimolando l’attenzione a questi bisogni emergenti e la prossimità ai gruppi a rischio di marginalità.

I misteri della civiltà Assira, di Lia Tommi

Il Centro Studi e Ricerche Urbano Rattazzi di Alessandria organizza la conferenza:

“I misteri della civiltà Assira”

Sabato 22 Settembre 2018 ore 17:00
Museo della Gambarina
Piazza della Gambarina 1, Alessandria

INTERVENGONO:

Avv. Fabrizio Grossi
Presidente On. Centro Studi e Ricerche Urbano Rattazzi – presenta il libro “Gli Assiri e la Bibbia”

Dott. Marco Rolandi

Dottore di ricerca in scienze storiche dell’antichità Università di Genova

Modera: Avv. Marco Mensi
Presidente Centro Studi e Ricerche Urbano Rattazzi

Presentazione del libro “Grand’Italia ” di Quaglieni, di Lia Tommi

L’Associazione Culturale Libera Mente Laboratorio di Idee, organizza la presentazione del libro “Grand’Italia” di Pier Franco Quaglieni, venerdì 21 settembre nel Salone di Rappresentanza della “Basile” in Alessandria, Via Tortona n.71.
Moderatore il Presidente dell’Associazione Fabrizio Priano.
Seguirà aperitivo con l’autore.

25 anni fa l’assassinio di padre Pino Puglisi, di Lia Tommi

Il 15 settembre 1993, 25 anni fa, padre Pino Puglisi veniva brutalmente assassinato nel quartiere di Brancaccio, a Palermo, nel giorno del suo 56esimo compleanno. Proclamato beato vent’anni dopo, il 25 maggio 2013, è il primo martire della Chiesa per mano mafiosa, ucciso con un colpo alla nuca in odium fidei. Due mesi prima della tragica sera nella quale fu eliminato davanti al portone di casa sua, in piazzale Anita Garibaldi, aveva subito un’intimidazione di chiaro stampo mafiosa: di notte ignoti avevano parzialmente bruciato la porta della

Nel quartiere, feudo della famiglia Graviano, da alcuni anni era parroco della Chiesa di San Gaetano. E in quel quartiere, il sacerdote che amava ripetere che «se ognuno fa qualcosa si può fare molto», nel gennaio 1993 aveva inaugurato il Centro Padre Nostro: un luogo di incontro diventato presto punto di riferimento per giovani e famiglie.
Fu assassinato per il suo impegno in nome della giustizia e contro soprusi e illegalità. Per la sua costante predicazione antimafiosa; per il suo limpido apostolato contro i trafficanti e per il recupero dei giovani e delle fasce sociali marginali.
I pentiti hanno rivelato che a ordinare il delitto furono i boss del quartiere, Giuseppe e Filippo Graviano. Ma a sparare fu un commando guidato dal killer Salvatore Grigoli che, dopo essersi pentito, accusò come suoi complici Gaspare Spatuzza, Cosimo Lo Nigro, Luigi Giacalone. E il reggente della cosca, Nino Mangano. Grigoli ha anche raccontato che, quando don Pino Puglisi capì che stava per essere ammazzato, sussurrò «me l’aspettavo», sorridendo al suo assassino.
Dal 2013 padre Puglisi è riconosciuto dalla Chiesa beato e martire a causa della sua limpida testimonianza evangelica. E antimafiosa.

Aveva grandi orecchie, grandi mani, grandi piedi. E sapeva essere allegro e scherzare anche su se stesso. Padre Pino Puglisi spiegava ai suoi giovani che le orecchie grandi gli servivano ad ascoltare meglio, le mani grandi per accarezzare con più tenerezza, i piedi grandi per camminare velocemente e soddisfare subito le richieste di aiuto.

Era un prete senza conto in banca, con le tasche vuote e la casa (popolare) piena di libri di filosofia e psicologia. Donava tutto il suo tempo agli altri e aveva lo scaldabagno rotto e i rubinetti che schizzavano acqua dappertutto. Gli proposero gli incarichi più gravosi, scartati da tutti, e lui li accettò. Infatti arrivò a Brancaccio nel 1990 dopo che sei confratelli avevano detto di no.
Al contrario, quando gli offrirono chiese ricche, posti di prestigio, lui li rifiutò: «Non sono all’altezza, rimango qui tra i poveri», rispondeva. Andava alle riunioni ecclesiali e si sedeva in ultima fila. Era un intellettuale raffinato, ma non lo faceva capire a nessuno. Invece di esibirsi in dotte citazioni ai convegni, lui parlava in dialetto con gli operai.

Il C.I.S.S.A.C.A incontra la Comunità, di Lia Tommi

locandina 21 settembre 2018-1-784929427..jpg

Alessandria: Il C.I.S.S.A.C.A. desidera promuovere sul territorio momenti di incontro, di confronto e di dialogo con la Comunità, per sostenere iniziative di benessere sociale.Si parte con Alessandria e si continuerà nei prossimi mesi negli altri comuni del Consorzio.

Questi incontri saranno anche l’occasione di presentare e di donare alla cittadinanza la carta dei servizi, redatta proprio in questi giorni. Il nostro territorio vive tante situazioni di disagio, fatte di solitudine, isolamento, carenza di autonomia fisica ed economica, di frammentazione e disgregazione del senso di appartenenza alla Comunità.

I bisogni crescono e mutano in modo repentino. Il contesto sociale in cui si muovono i servizi è labile e pieno di precarietà, anche a causa della contrazione di risorse e della proliferazione di norme e adempimenti amministrativi.

Le Istituzioni spesso si ritrovano a rincorrere l’emergenza del momento, offrendo servizi e interventi frammentari ed hanno difficoltà a progettare e programmare attività a lungo termine. Nonostante tutto, nei nostri territori e nei servizi esistono progetti innovativi, esperienze virtuose, competenze e tante energie, che hanno bisogno di essere valorizzati e messi a sistema. Continua a leggere “Il C.I.S.S.A.C.A incontra la Comunità, di Lia Tommi”

“FACCIAMO TEATRO!” con Massimo Bagliani, di Lia Tommi

“Facciamo Teatro! ” è il titolo del corso di recitazione, che si terrà per la stagione 2018/ 2019 al Cine Teatro Kristalli di Alessandria, da novembre a maggio.

Il Corso di recitazione è aperto a tutti. E’ pensato per chi per lavoro è abituato a stare a contatto con gli altri, per chi è timido, per chi è curioso e vuole mettersi in gioco, per chi vuole conoscere meglio se stesso, per chi è appassionato di teatro, per chi ha e per chi non ha pratica di palcoscenico.
I partecipanti saranno guidati attraverso un percorso appassionante durante il quale verranno apprese le basi necessarie di lettura ad alta voce, recitazione e dizione attraverso l’interpretazione di alcuni brani tratti dalle opere di autori classici e contemporanei. Recitare è un gioco che libera l’immaginazione. E allora, forza, vi aspettiamo per essere protagonisti del gioco più bello del mondo, un gioco alla portata di tutti!
Al termine del Corso si terrà un saggio-spettacolo in teatro interpretato dai partecipanti, con il pubblico presente in sala. Nello spettacolo finale, momento unico ed emozionante, si metterà in pratica quanto appreso durante il Corso.

Il corso è diretto dall’attore professionista MASSIMO BAGLIANI diplomato alla “Scuola Piccolo Teatro di Milano” diretta da Giorgio Strehler e alla “Bottega teatrale di Firenze” diretta da Vittorio Gassman.

DOCENTI:

Massimo Bagliani (Recitazione)
Isabella Cazzola (Storia del Teatro)
Martina Pasino (movimenti del corpo)

FREQUENZA
Da novembre 2018 a maggio 2019
al Cine Teatro Kristalli – piazza Ceriana – Alessandria (AL)

ORARIO
Tre incontri al mese nella giornata di mercoledì – dalle 20,30 alle 23

Età minima di partecipazione: 15 anni
Età massima: nessuna.

Gianluca D’Aquino presenta “Traiano ‘ a Castellazzo Bormida, di Lia Tommi

Gianluca D’Aquino, questa sera, alle ore 21, sarà impegnato in una nuova presentazione del suo ultimo romanzo “Traiano- il sogno immortale di Roma “: una coinvolgente biografia romanzata del grande imperatore, che ne ripercorre la vita dall’infanzia ai grandi successi militari.

Appuntamento a Castellazzo Bormida: la presentazione avverrà nel cortile del Comune , presso la Biblioteca, nell’ambito di una serie di eventi di vario tipo dedicati a ROMA.

Festa dell’agricoltura a Sale, di Lia Tommi

GLI AMICI DELLA FESTA DELL’ AGRICOLTURA ORGANIZZANO A SALE (AL) :

◐ SABATO 22 SETTEMBRE 2018 ◑

ASPETTANDO LA FESTA DELL’AGRICOLTURA
◆ ore 20:00 Bar Gamon – APERICENA E MUSICA con “ALEX THE KING OF THE NIGHT”
◆ ore 21:30 Caffè del Mercato CONCERTO dei “CLAN BANLIEU”

◐ DOMENICA 23 SETTEMBRE 2018 ◑

△ QUINTA EDIZIONE DELLA FESTA DELL’AGRICOLTURA ▽

per le vie del paese dalle 9.00 alle 20:00

◆ ESPOSIZIONE nuove macchine agricole e mezzi tecnici per l’agricoltura.
◆ Quinto raduno trattori d’epoca “LA DOMENICA DELLE TESTE CALDE”

◆ dimostrazione di ARATURA e TREBBIATURA con mezzi d’epoca.
◆ la focaccia solidale dei panificatori alessandrini.

◆ MERCATO DELLA TERRA, DELL’ARTIGIANATO E DEL TERRITORIO

◆ MADONNARI DI BERGAMO E ARTIGIANI all’opera.

◆ GIOCHI per BAMBINI con “LUDOBUS”

◆ MOSTRE D’ARTE FOTOGRAFIA E MODELLISMO

◆ AGROTRENINO DELL’AVIS

◆ “Mangià par la strà” – STREET FOOD contadino a Km zero.

◆ BIRRIFICI ARTIGIANALI

◆ Musica con il corpo musicale banda “LA CITTADINA” di Meda (MB)

◆ visite guidate della chiesa di Santa Maria e San Siro.

◆ ore 17:00 – area Trianon TEATRO CON I GRANI DI SALE

◆ ore 19:00 Bar Roma – SERATA IN MUSICA in collaborazione con L’Agnolotto Tortona.

◆ ore 19:30 APERICENA IN MUSICA al Cannone D’Oro

◆RASSEGNA DELLE SAGRE E DELLA BIRRA ARTIGIANALE DI QUALITÁ

TERRA ☆ TRADIZIONE ☆ TALENTO ☆ TERRITORIO

Si ringraziano il Gruppo Comunale di Protezione Civile per la collaborazione e l’ASD “I Diavoli” per il supporto logistico.

Giornata Nazionale AIDO, di Lia Tommi

La Giornata Nazionale AIDO si terrà il 29 settembre,dalle ore 08:00, al 30 setttembre alle ore 20:00.
A.I.D.O. è Associazione Italiana per la Donazione di Organi Tessuti e Cellule.

I volontari dell’A.I.D.O. saranno presenti in numerose piazze per incontrare i cittadini, dare loro informazioni sull’importanza della donazione come valore sociale e come opportunità per salvare la vita a chi non ha altre possibilità di sopravvivenza, offrire una piantina di Anthurium andreanum.
Le offerte ricevute sono finalizzate a ulteriori campagne informative e alla ricerca sui trapianti.

La responsabilità sociale, che è la chiave di volta della donazione, va supportata non solo attraverso un sistema sanitario che assicuri risultati , ma anche attraverso la diffusione di un’informazione continua e trasparente per chiarire soprattutto gli aspetti più controversi come, per esempio, le modalità di accertamento della morte cerebrale, le garanzie di rispetto delle volontà del potenziale donatore e dei familiari, la trasparenza delle liste d’attesa.

In 45 anni di attività dell’associazione è spesso stata percepita resistenza da parte della gente ad affrontare l’argomento della donazione, con giustificazioni quali “non ci voglio pensare”, “è un argomento imbarazzante”, “perché devo pensare alla morte adesso?”. Molto spesso, inoltre, si guarda alla donazione solo sull’onda dell’emozione di un fatto di cronaca.

Obiettivo dell’A.I.D.O. è smussare questa resistenza psicologica ed eliminare pregiudizi e disinformazione che rischiano il più delle volte di incrinare il sistema delle donazioni.

É necessario generare un cambiamento culturale nell’opinione pubblica: gli incontri con la popolazione nelle piazze, possono aiutare ad avvicinarsi in maniera cosciente e razionale alla realtà dei trapianti.

Nel 2018 la Giornata Nazionale A.I.D.O. di informazione e autofinanziamento giungerà alla sua diciassettesima edizione.