The André, ThemagogiaTour nei Theatri al Laboratorio Sociale, di Lia Tommi

“10 anni dell’altro mondo” è la rassegna con cui si festeggiano i 10 anni di attività politica, sociale e culturale del Laboratorio Sociale di Alessandria.

THE ANDRE’
THEMAGOGIATOUR NEI THEATRI

Venerdi 22 marzo 2019 Laboratorio Sociale Alessandria
Posto unico a sedere
Ingresso 10 euro alla porta (no prevendita)
Apertura porte 21.00 Inizio concerto 22.00

Data zero del ThemagogiaTour nei Theatri per la presentazione live di THEMAGOGIA – Tradurre, Tradire, Trappare, il disco d’esordio del cantautore senza volto The André.

«Se la demagogia lusinga le irrealizzabili aspirazioni delle masse, la Themagogia compie l’identica operazione in terreno musicale accarezzando le fantasie di chi vorrebbe rediviva la nostra tradizione cantautoriale più valida e di chi vuole giustificare la sua indulgenza verso la musica contemporanea. – commenta The Andrè – Si dice che tradurre è sempre un po’ tradire. Ogni pezzo tradotto qui è un doppio tradimento: verso chi lo ha scritto e verso chi lo canterebbe.»

Con più di 4 milioni di visualizzazioni sul canale YouTube, The André è diventato presto un fenomeno del web musicale grazie alle straordinarie versioni di cover d’autore in cui omaggia il grande Maestro immaginando come si sarebbe cimentato ai giorni nostri cantando i testi del filone trap.

“Themagogia – Tradurre, tradire, trappare” testimonia la seconda fase di questo percorso dove il cantautore senza volto ha raccolto i frutti dell’interpretazione dei brani indie e trap ed ha imparato ad interpretarli creando delle vere e proprie nuove canzoni traducendone il linguaggio ma mantenendo il suo significato originale.

Attorno a questo nuovo concetto di traduzione musicale nasce la tracklist di “Themagogia – Tradurre, tradire, trappare” che annovera alcune traduzioni già presentate su YouTube, alcune traduzioni inedite, una traduzione letteraria di un brano di un cantautore spagnolo (Joaquin Sabina), una nuova versione della cover di Habibi e due inediti.

Il best seller ” La versione di Fenoglio ” di Gianrico Carofiglio; di Lia Tommi

Il vecchio carabiniere Pietro Fenoglio e il giovane studente Giulio s’incontrano tutti i giorni in tuta, sotto gli occhi vigili della fisioterapista Bruna: stanno rieducando il loro corpo, Pietro dopo un’operazione all’anca, Giulio dopo un incidente in macchina. Due esseri lontani, per età e per vita, alle prese con gli affondi in palestra e gli esercizi in giardino: sono loro i protagonisti de” La versione di Fenoglio” di Gianrico Carofiglio (Einaudi Stile Libero).

Così diversi, Pietro e Giulio condividono uno sgomento simile, che entrambi riconoscono nello sguardo dell’altro: Pietro, maresciallo, è a un passo dalla pensione, traguardo a cui non sa ancora dare un volto e un significato, Giulio si trova davanti a quelle scelte che alla sua vita devono dare una forma e lui non sa quale. È un ragazzo brillante e curioso, “interessante”, ma per difesa la sua è una sorta di anestesia psicologica: sta in disparte, tollerando la realtà delle cose a distanza.

Pietro invece nella vita si è immerso anche troppo, e come investigatore ha incontrato anime perse, spezzate, criminali e disperati. Ne ha viste tante, Pietro. Giulio chiede, vuole sapere, vuole capire come si fa: a svelare un crimine, a guardare un cadavere, a smascherare un bugiardo.Pietro racconta, una storia dietro l’altra, pescando nella memoria quelle indagini che più testimoniano il suo percorso. “Investigare è l’arte di osservare lentamente“, rivela al giovane che lo ascolta. Investigare è anche la costruzione di una storia: l’investigatore deve immaginare come sono andati i fatti, mettere insieme gli indizi. Questo è costruire una storia, e per farlo le parole sono importanti. Continua a leggere “Il best seller ” La versione di Fenoglio ” di Gianrico Carofiglio; di Lia Tommi”

Serata Benedicta ad ACSAL: “Esistere per resistere ” , di Tommi

Serata Benedicta: “Esistere per resistere”, all’Associazione Cultura e Sviluppo di Piazza De Andrè, ad Alessandria, giovedì 21 marzo 2019.

Nella prima parte della Serata Benedicta, alle 19 di giovedì 21 marzo, si farà un quadro della situazione sullo stato dei lavori per la realizzazione del Centro di documentazione (a cura dell’Ufficio Tecnico-Edilizia della Provincia), sul fondo documentario di don Gian Piero Armano (a cura di Luciana Ziruolo, direttrice Isral) e sulla collocazione della Benedicta nella “rete della memoria” (a cura di Massimo Carcione della Regione Piemonte).

Seguirà, dopo la pausa buffet, un ottimo esempio di come trasmettere memoria e insegnamento della Resistenza: il teatro canzone di Gian Piero Alloisio dedicato a don Gian Piero Armano. Alloisio è un cantautore che nel corso della sua carriera ha scritto canzoni per alcuni dei più importanti artisti italiani (Guccini, Gaber, Jannacci, Gianni Morandi). È anche autore e interprete teatrale e scrittore. Nella serata presenterà il suo ultimo lavoro: un cd+dvd che si intitola Resistenza Pop ed è al tempo stesso un prodotto artistico e uno strumento didattico. Ciò che serve tanto ad accompagnare anche emotivamente l’avvicinarsi a quel periodo peculiare della storia italiana che fu la Resistenza, quanto a conservarne e a tramandarne la memoria attraverso le testimonianze

Il cd contiene classici della canzone d’autore rivisitati in chiave rock, come Auschwitz di Francesco Guccini o La libertà di Giorgio Gaber; canzoni partigiane riscoperte, come Dalle belle città o La Badoglieide, e brani inediti su temi d’attualità. Tra questi, la comica e spietata Eia Eia Trallallà, che Alloisio ha dedicato ai rigurgiti dell’ideologia nazi fascista, la canzone-manifesto Tieni duro, o Jeans e Chador (con musica inedita di Umberto Bindi), che racconta la fatica e la speranza di una “nuova italiana”. Il dvd contiene, oltre a tre videoclips musicali, cinque storie partigiane, eroiche, commoventi, emozionanti, narrate dagli stessi protagonisti, su alcuni degli episodi più importanti della guerra di liberazione nel nostro territorio, tra le quali anche quella relativa alla Benedicta rievocata da Pasquale Cinefra e Giuseppe Merlo.

Racing Extinction al Cineforum PerlaNera, di Lia Tommi

Racing Extinction al Cineforum PerlaNera

Proiezione al Laboratorio Anarchico PerlaNera (via Tiziano Vecellio 2, AL)
Venerdì 22/03 alle ore 21.
INGRESSO GRATUITO

Racing Extinction:
Un documentario che mette in luce le conseguenze dell’inquinamento umano sulla salute del pianeta e delle specie animali che lo abitano.
Una squadra di attivisti cerca di dare al mondo immagini inedite e molto evocative: sono opere d’arte che stanno cambiando il modo in cui si guarda agli animali in via di estinzione e alle estinzioni di massa. Il regista, insieme ai suoi collaboratori, si è infiltrato all’interno dei mercati neri o lavorando con alcuni artisti per creare belle immagini con singolari soggetti animali.

Verso l’Udienza Papale con AIDO : le mie emozioni ; di Lia Tommi

Sono donatrice, una donatrice consapevole e convinta della necessità di rendersi disponibile a salvare vite umane. Sono orgogliosa del tesserino di AIDO che porto sempre con me.

Sono convinta dell’importanza dei progetti di AIDO, primo tra tutti quello che insegna a mantenere sani stili di vita, se desideriamo che un giorno il nostro corpo possa essere utile per un trapianto .

Come insegnante, ho frequentato un corso di formazione realizzato da AIDO , su donazione e solidarietà , due concetti molto importanti da diffondere nelle scuole, e abbiamo sviscerato il tema sotto l’aspetto sociale, psicologico e legislativo.

Ora, con grande gioia, mi appresto a vivere uno dei momenti culmine delle celebrazioni per i 40 anni di AIDO Alessandria: mercoledì 20 marzo una nostra delegazione parteciperà all’Udienza Generale di Papa Francesco in Vaticano , e io sarò con loro.

Porteremo in dono al Papa l’opera ” Con il cuore ” dell’ artista Fabio Gagliardi, mio caro amico, un’opera che è stata recentemente in mostra, sempre per AIDO, all’Ospedale civile di Alessandria , insieme ad altre opere dedicate ai cuori , di questo artista.

Sarà un lungo viaggio notturno, in cui porterò nel cuore quello che ho espresso in quei pochi versi, che a mia volta donero’ al Papa: la speranza di un’umanità in cui i valori dell’amicizia , dell’amore, della comprensione e della solidarietà siano fondamentali , durante e oltre la vita. Sempre. Persone che si impegnano per le altre persone.

Con il cuore.

Avvio e prospettive del Progetto Mesotelioma; di Lia Tommi

“Il progetto mesotelioma. Avvio e prospettive ” è il titolo del Convegno che si terrà il 23 marzo, dalle 9,30 alle 12,30, nella Sala d’Onore del Castello dei Paleologi, in Piazza Castello a Casale Monferrato .

PROGRAMMA

APERTURA LAVORI
Concetta Palazzetti, Sindaco di Casale Monferrato; Presidente del Comitato
strategico regionale Amianto
Giuliana Busto, Presidente AFeVA

INTRODUZIONE DEL PROGETTO Bruno Pesce, Referente sanità AFeVA

TAVOLA ROTONDA
Lo stato della ricerca oggi
modera: Daniela Degiovanni, Vitas
Giovanni Apolone, Direttore Scientifico Fondazione IRCCS Istituto Nazionale dei
Tumori Milano
Federica Grosso, Responsabile SSD Mesotelioma ASO AL
Maurizio D’Incalci, Dipartimento Oncologia IRCCS Mario Negri, Milano
Corrado Magnani, Professore Associato di Statistica Medica Dipartimento di
Medicina Traslazionale Università del Piemonte Orientale – Responsabile SSDipDU
Epidemiologia dei Tumori AOU Maggiore della Carità di Novara e CPO Piemonte
Irma Dianzani, Professore Ordinario di Patologia Generale Dipartimento di
Scienze della Salute Università del Piemonte Orientale
Luisella Righi, Professore Associato di Anatomia Patologica – Università di Torino
Dipartimento di Oncologia
Angelo Delmonte, Responsabile gruppo di Patologia Toracica – Istituto Scientifico
Romagnolo per lo Studio e la Cura dei Tumori (I.R.S.T.) Meldola
Roberta Volpini, Direttore Amministrativo ASO AL
Massimo D’Angelo, Responsabile Centro Sanitario Amianto
Antonio Brambilla, Direttore Generale ASL AL
Giacomo Centini, Direttore Generale ASO AL

CONCLUSIONI
Antonio Saitta, Assessore alla Sanità Regione Piemonte

Mostra fotografica “Per mano nel vuoto” ; di Lia Tommi

Inaugurazione Mostra “Per mano nel vuoto” di Chiara Galliano

Venerdì 22 marzo 2019 alle ore 17:30

Salone di Rappresentanza della Basile
Via Tortona, 71, 15121 Alessandria

Un progetto fotografico emotivamente forte realizzato da Chiara Galliano, un viaggio attraverso la mente del malato di Alzheimer vissuto con grande intensità. L’artista ha realizzato gli scatti fotografici in pochi giorni, lasciandosi ispirare e guidare dalle esperienze e dal vissuto delle persone che ne sono realmente affette, ma soprattutto dai loro cari che li prendono per mano e li accompagnano giorno dopo giorno nel loro solitario vagabondare.

Chiara Galliano ha scelto di rappresentare con semplicità le tappe principali di questo viaggio senza ritorno, utilizzando oggetti di uso comune ed ambienti a noi tutti famigliari proprio per arrivare subito allo spettatore e dargli la
possibilità di vivere lo scatto, immedesimandosi nella quotidianità del malato e delle persone che lo accudiscono.

L’opera è composta da 13 scatti fotografici, uno dei quali montato su installazione. E’ stato esposto ad Art-Verona nel 2010, alla Biennale di Video e Fotografia Contemporanea di
Alessandria “Disturbi e Disordini” – da Aprile a Ottobre 2011, ad Arles – Francia durante la rassegna “Les rencontres d’Arles” nel 2013.

Mostra in onore di Costante Girardengo; di Lia Tommi

La Volata del XX Secolo

LA BICICLETTA NELLA SOCIETÀ: UNA STORIA PER IMMAGINI

Tra i numerosi eventi in programma per il centenario di Coppi, anche una mostra in memoria dell’altro Campionissimo di Novi Ligure: Costante Girardengo.
Novi Ligure e il Museo dei Campionissimi omaggeranno l’Omino di Novi il 23 marzo, per i 126 anni dalla sua nascita.
Infatti, in occasione del passaggio in città della Classicissima di Primavera, nella mattinata del 23 marzo 2019, alle ore 10,30, il Museo dei Campionissimi inaugurerà una mostra in suo onore dal titolo “La Volata del XX Secolo. La bicicletta nella società: una storia per immagini”.
È frutto di un importante lavoro di ricerca sulle immagini relative all’utilizzo della bicicletta nel corso del ‘900, a cura della Fondazione Vera Nocentini partner del progetto omonimo. Grande Guerra, emancipazione femminile, ecosostenibilità, Resistenza e integrazione, saranno alcuni dei temi affrontati, con una specifica sezione dedicata proprio a Girardengo, uomo del ‘900.
L’esposizione sarà visitabile dal 23 al marzo al 28 aprile 2019, durante gli orari di apertura del Museo.

La mostra, cui verrà affiancata un’importante selezione di brani tratti dalla letteratura novecentesca dedicata, s’inserisce all’interno del progetto La Volata del XX secolo, voluto dal Comune di Novi Ligure con il Museo dei Campionissimi, in partenariato con la Fondazione Vera Nocentini e sostenuto dalla Compagnia di San Paolo nell’ambito del “Bando Polo del ‘900”, destinato ad azioni che promuovono il dialogo tra Novecento e contemporaneità, utilizzando la partecipazione culturale come leva di innovazione civica.

In memoria del primo Campionissimo di Novi, sabato 23 marzo, dalle ore 10 alle 19, il Museo dei Campionissimi proporrà l’ingresso ridotto per tutti.

” …E allora concerto ” per NeMO con Nando e Lenny De Luca

Nando e Lenny De Luca in concerto
Parte dell’incasso devoluto a NeMO

Venerdì 29 marzo alle ore 21,15 al Teatro Municipale di Casale Monferrato si terrà lo spettacolo “…E allora concerto” con il celebre Nando De Luca e suo figlio Lenny al pianoforte.

Parte dell’incasso della serata sarà devoluto, attraverso il Fondo Marco e Marcello Sonaglia e in collaborazione con il Comune, al Centro Clinico NeMO di Milano, altamente specializzato nella diagnosi, nella presa in carico, nell’assistenza, nella cura e nella ricerca scientifica a favore di pazienti affetti da malattie neuromuscolari come la distrofia muscolare, di cui i fratelli monferrini Marco e Marcello Sonaglia soffrivano.

In “…E allora concerto” Nando e Lenny De Luca, in uno show emozionante, esplosivo e di grande intensità, eseguiranno brani di grandi compositori (Gershwin, Porter, Piazzolla, Enzo Jannacci) ma anche musiche originali. Loro ospite sarà Ramona Wess alla voce, importante interprete di evergreen.

I biglietti per lo spettacolo (15 euro) potranno essere acquistati la sera stessa a partire dalle 19,30 alla Biglietteria del Teatro.
«Si tratta di un appuntamento all’insegna della festa – spiega l’assessore a Cultura e Manifestazioni Daria Carmi -. L’occasione è doppia, il ritorno di due grandi artisti che hanno dato moltissimo al nostro territorio; avere Lenny e Nando De Luca sul palco in un concerto Jazz con due pianoforti è un regalo, un regalo anche perché hanno sposato un’importante causa di solidarietà. Bianca Sonaglia è una donna forte, che ha combattuto per tutta la sua vita e che va sostenuta. Ringrazio lei per l’esempio che dà a tutti noi e padre e figlio De Luca per aver messo la bellezza e l’armonia al servizio della bontà».

Nando de Luca ricercato arrangiatore, dimostra una tecnica pianistica originale e versatile. Valorizza ogni esecuzione con raffinata e sapiente armonizzazione, con un tocco nel contempo delicato e aggressivo, che avvince per la colorita ed incessante creatività. Ha avuto l’opportunità di esprimersi con molte soddisfazioni in vari settori musicali. Dopo gli studi, al Conservatorio G. Verdi di Milano, suona con formazioni swing in tutta Europa. Si é dedicato agli arrangiamenti. Ha composto molti brani di musica leggera che sono ormai gli evergreen della musica italiana: “Carezza in un pugno”, “Viola”, “Storia d’amore”, “Straordinariamente”, “Chi non lavora non fa l’amore”. Si é dedicato anche alle colonne sonore per il grande schermo, tra cui “Romanzo popolare” di M.Monicelli, “Pasqualino Sette Bellezze”, “Fatto di sangue a causa di una vedova”, di L.Wertmuller. Nelle sue jazz performance ha accompagnato Joe Venuti, Stephane Grappelli, Toots Thielemans, Astor Piazzolla (con il quale ha registrato una trasmissione per la TSI), Lee Konitz, Tony Scott, Caterina Valente. Ha lavorato come arrangiatore per Enzo Jannacci che ha accompagnato in diverse tournée, inoltre per Mina nei suoi ultimi concerti alla Bussola dove é stato registrato il disco “Mina Live”. Come direttore d’orchestra ha rappresentato l’Italia a un importante rassegna in Venezuela, accanto a Frank Pourcel, Burt Bacharach, Leonard Bernstein. Ha pubblicato per la BMG Ricordi un metodo in due volumi “Il Pianoforte Moderno” e nel’ottobre 2004 ha diretto l’orchestra sinfonica “Simon Bolivar” di Caracas, in occasione del “Premio Aldemaro Romero”. Ha poi tenuto tre concerti in trio all’Università Centrale e al Teatro Rosalia De Castro con Tullio De Piscopo alla batteria e Paolo Palella al contrabbasso.

Lenny de Luca si dedica agli studi classici di pianoforte con la grande insegnante Anita Porrini (Conservatorio Giuseppe Verdi di Milano) a sua volta allieva prediletta del Maestro Arturo Benedetti Michelangeli. Sviluppa così le sue doti tecniche e il suo spiccato tocco pianistico, qualità fondamentali che contraddistinguono nel mondo questo esclusivo metodo di insegnamento. Terminati gli studi classici continua la sua ricerca artistica dedicandosi alla composizione e il suo percorso musicale punta ad un repertorio jazz e d’autore che affronta con il suo stile unico, rivisitando i più grandi evergreen dedicandosi costantemente a rendere originali le sue interpretazioni. Autore di canzoni per concorrenti di talent “X Factor “ e “Ti lascio una canzone” è famoso anche per la sua attività di direttore artistico e autore che lo ha portato alla ribalta accanto a big della musica italiana come Morgan, Tricarico, Irene Grandi, Ivana Spagna ed Eros Ramazzotti. Oggi è impegnato nella produzione e nella conduzione di un nuovo talent musicale per la TV che lui stesso ha ideato, dedicato agli autori.

Ramona Wess è una voce affascinante nelle sue interpretazioni; con la sua rimarcabile versatilità ha raggiunto un grande livello artistico, molteplici concerti tenuti in Svizzera, Francia e Italia, seguendo sempre una ricerca in nuove forme musicali. Compositrice e autrice, il suo cuore ha iniziato a battere per il jazz all’età di 17 anni. Durante il suo percorso musicale si é formata all’Accademia di Stresa in danza, teatro e canto, ha partecipato a numerose trasmissioni televisive (Rete4 con “Fornelli d’Italia con Davide Mengacci”, TSI con la trasmissione “Storie”, DRS ospite durante la trasmissione “Tour de Suisse”). Con “Brivido”, ottiene il secondo posto in Svizzera ad Eurosong Contest nel 2007. Entra a far parte del musical “Donna e Musica” e più tardi del circo delle Fontane Danzanti. Due album alle spalle “Shara” e “Le parole più semplici” la portano a ritrovare, con l’incontro di Tony Scott, il suo primo amore, il Jazz. Inizia così anche una collaborazione con Peter Soave, virtuoso concertista di bandoneon e fisarmonica, inserendo così nella sua voglia di approfondimento artistico anche il tango argentino. Nando de Luca porta invece una nuova visione di esibizione e composizione sulla strada di Ramona componendo il brano “Argentina mi amor”, di cui lei é l’autrice del testo: nasce un‘intesa artistica molto interessante così da portare in scena uno spettacolo che riscuote tutt’ora grande successo.

Il Fondo Sonaglia, istituito presso l’Anffas di Casale Monferrato, è intitolato ai fratelli casalesi Marco e Marcello Sonaglia (affetti da distrofia muscolare di Duchenne) e ha consegnato in dieci anni circa 50 mila euro al centro “NeMO”.
Il Centro Clinico NeMO (NeuroMuscolar Omnicentre) è un centro clinico ad alta specializzazione, pensato per rispondere in modo specifico alle necessità di chi è affetto da malattie neuromuscolari come la Sclerosi Laterale Amiotrofica (SLA), le distrofie muscolari e l’Atrofia Muscolare Spinale (SMA). Si tratta di patologie altamente invalidanti con un grave impatto sociale, caratterizzate da lunghi e complessi percorsi di cura e assistenziali, per le quali, purtroppo, al momento non c’è possibilità di guarigione. Queste malattie interessano attualmente circa 40.000 persone in tutto il Paese. Il Centro Clinico NeMO ha quattro sedi sul territorio nazionale: Milano, Roma, Messina e Arenzano (Genova).

Alla UIL convegno “Dall’ identità digitale alla fatturazione elettronica , come cambia il Paese”; di Lia Tommi

CONVEGNO DALL’IDENTITA’ DIGITALE ALLA FATTURAZIONE ELETTRONICA COME CAMBIA IL PAESE
“Un aiuto per districarsi nel labirinto dell’Italia digitale”

Tavola rotonda Martedì 19 marzo 2019 ore 15,00
Salone UIL Via Fiume 10 15121 Alessandria

Programma

Ore 15,00 Introduzione Aldo Gregori Segretario UIL Alessandria

Ore 15,30 Il rapporto tra cittadino e PA Arturo TOSON

Ore15,45 Spid,CNS l’identità digitale del cittadino e GDPR privacy. Vincenzo BRONTI Presidente ADOC Alessandria

0re 16,30 La fatturazione elettronica, la pec e la tracciabilità dei
flussi. Vincenzo BRONTI Presidente ADOC Alessandria

Ore 17,00 Tavola rotonda

Gli studenti dell’UPO leggono Umberto Eco; di Lia Tommi

Gli studenti dell’UPO leggono Umberto Eco

giovedì 21 marzo 2019 – ore 17.00
Palazzo Cuttica, via Parma 1 – Alessandria

L’evento – promosso dall’Università del Piemonte Orientale, in sinergia con l’Amministrazione Comunale – si inserisce nell’ambito del programma celebrativo per l’850° anniversario fondativo della Città di Alessandria (3 maggio 2018-3 maggio 2019)

Dopo i saluti introduttivi – con l’intervento del Sindaco di Alessandria Gianfranco Cuttica di Revigliasco e del Prorettore dell’UPO, prof. Roberto Barbato – verranno proposte letture di scritti di Umberto Eco (Alessandria, 5 gennaio 1932-Milano, 19 febbraio 2016) da parte di sette Studentesse e Studenti del Dipartimento di Studi Umanistici dell’UPO-sedi di Alessandria e di Vercelli, con il raccordo tra un testo e
l’altro da parte della loro docente Stefania Irene Sini, Professore Associato di Letterature comparate e Letteratura italiana del Dipartimento di Studi Umanistici dell’UPO.

Si tratta di:
Nicoletta Gioia
Umberto Lorini
Federica Luppi
Gianluca Minetto
Massimo Pazzelli
Tobia Quagliotto
Gloria Vignelli

Parteciperà Gianni Coscia, amico da sempre di Umberto Eco e fisarmonicista alessandrino di fama internazionale.

Modera l’incontro Sandro Marenco
L’ingresso all’evento è libero e gratuito

Nel borgo di Voltaggio per le Giornate FAI di Primavera; di Lia Tommi

Giornate FAI di Primavera 2019 | Il borgo di Voltaggio
Evento di Delegazione FAI – Novi Ligure e FAI Giovani – Novi Ligure

23 mar alle ore 10:00 – 24 mar alle ore 18,30

“Un borgo e le sue memorie: Voltaggio ‘fonte’ di storia, cultura e tradizioni” è il titolo del programma organizzato dalla Delegazione FAI di Novi Ligure, in collaborazione con il FAI Giovani, per le Giornate FAI di Primavera 2019.

“L’Europa tra nostalgie e nuovi sogni “: conferenza di Libera Mente; di Lia Tommi

Alessandria: L’Associazione Culturale Libera Mente Laboratorio di Idee con l’Associazione Rinascimento Europeo e l’Associazione Nazione Futura organizza in Alessandria, Via Tortona n.71, presso il Salone di Rappresentanza della Basile, la conferenza dal titolo “L’Europa tra nostalgie e nuovi sogni: gli antichi valori alla prova dell’oggi”.
All’interno della conferenza verrà presentato il libro di Marcello Veneziani dal titolo “Nostalgia degli Dei”.
La conferenza sarà aperta da Stefano Commodo Portavoce di Rinascimento Europeo e Fabrizio Priano Presidente di Libera Mente Laboratorio di Idee e vedrà gli interventi di Marcello Veneziani, Giornalista, Scrittore e Filosofo, Ferrante de Benedictis di Nazione Futura e Gianluca Segre Docente di Storia e Filosofia.