Succede – Francesca Noschese

Creazioni d’insieme
attorno al fuoco.
Cantando, danzando, sperando.
Un insieme di cuori con ali.
Sogni leggeri come piume.
Una candela rossa accesa.
Tenue calore abbagliante
nel manto ombroso.
Andando avanti a passi lenti.
L’assenza che insegna.
Nuovi incontri di anime antiche.
Sparute orme nel deserto.
Paradosso.
Solitudine materiale.
Arrivo in un campo.
Piccolo ma grande.
È mio.
Profumo di sogni.
Dolce gusto
dello scoprire il riflesso migliore.
Regalo del presente.
Un caffè speciale.
Un tè pregiato.
Consapevolezza.

PF JoyLotus

624440_S

Il canto del destino – Francesca Noschese

Oh mio Sole
Ci ritroviamo
Torni a parlare
Sotto una nuova veste.
Nuova luce.
Nuova speranza.
Anima antica
corpo giovane.
Cosa potrà
contro l’emorragia?
Torno a sentire
la musica del cuore
come un soffio dorato
come luce calda
acqua
fa sbocciare
un loto profumato.
Riemergere
dal freddo letargo.
Gli uccellini cantano
l’ode magica
del destino.
Bigotti mugugni
spazzati via
come foglie morte.
Niente può fermare
la primavera.

3087900_M.jpg

In fuga – Francesca Noschese

In fuga dal reale
in cerca del vero
sussulto di vita.
Non trovo spazio.
Fuggire ancora.
Riempire il vuoto.

Mi sento perduta
nel mondo vero.
Tutti ammalati.
Sazi del nulla
che offre la normalità.
Placidi.
Gotta dello spirito.
Innocui.

Io leggera
cerco la magia nascosta
nelle strade strette,
quelle meno battute,
negli edifici vuoti.

Spazi verdi selvaggi.
Fotografo con gli occhi.
Stampo nell’ anima.
Vivere liberi…
Che ne sanno?

20180818_112252.jpg

Trasformazione nella gioia – Francesca Noschese

La meraviglia.
La gioia.
Occhi che brillano.
Sogni belli.
Vita vissuta.
Nuovo sole.
Amore.

Parole di luce a caso…

Il mare delle emozioni
attende solo me.
Mi apro con gioia al cambiamento.
La mia forza nella fiamma
vivace e danzante.
Canzoni, vibrazioni.
Parole di luce a caso.
Non sono più io.

Torno a sentire
la musica del cuore
come un soffio dorato
come luce calda
acqua fresca
fa sbocciare
un loto profumato.

19830_L.jpg

Tappeto di cenere – Francesca Noschese

Morta.
In cerca
del primo respiro.
Nuovo
sentiero di montagna.
Inciampo
andando verso l’alto.
Sola
nel mio limbo.
Attesa
Accettazione.
Cresceranno ali nuove.
Amore.
Come sole freddo
nascosto dalle nuvole.
A piedi nudi inciampo.
Ancora cerco risposte.
Onorare il giusto.
Pagare il debito.
Pulire la polvere.
Purificare.
Bruciare tutto.
Ricominciare.
Lacrime che cadono
e penetrano nel
tappeto di cenere
sognando il verde vivo.

691449_M

Nuovi scenari sulla via dell’anima – Francesca Noschese

Luna blu
argento lucente
fiammella di speranza.
Acque scure e calme.
Siamo pronti ad andare
nell’ultimo viaggio
verso l’ignoto
una pace oscura
sconosciuta.

Melodioso
canto di dolore
passionale.
Amore.
Stella che guida.
Forza che smuove
ardor e sdegno.
Sommesso dolore.
Dolcezza.
Fragilità e tenacia.

Nuovi scenari.
Nuovi paesaggi.
Nuova bellezza
sulla strada
di ritorno verso casa.

PF JoyLotus

FB_IMG_1537390731755

Alchimista di parole – Francesca Noschese

Oh divo…
Alchimista di parole.
Creativo sognator
cortese e generoso
che si immagina
passeggiando vai
in frack
nella natura tra i fior
o in chiodo
per strade di città
Sempre sul pezzo
al passo
elegante e sicuro
consapevolmente perso
in pensieri in versi.
Sai fotografare
con occhio sapiente
e intanto disquisir
di vita ordinaria
o alto pensiero.
Tante menti e cuori
sai unir
leggendo in essi
come fossero sillogi.

20180324_150551.png

L’aurora – Francesca Noschese

Il manto di neve bianca è soffice,
forse fin troppo.
Si abbassa e si deforma sotto i nostri passi.
Proseguiamo mano nella mano.
Il freddo polare non è poi così terribile quando siamo insieme.
In due così in alto ma ancora così
in basso.
Sta per iniziare lo spettacolo.
È il sogno di una vita.
E tu sei qui con me come sempre.
Ci prepariamo a contemplare nel presente e col futuro incerto,
uno splendore senza eguali.
In arrivo da altri mondi
offerto da un Maestro senza tempo.

20180212_212836.png

Bambino per sempre 🥀

Cosa faccio qui?
Cosa vogliono da me?
Un velo spinato
mi separa dal mondo.
Girotondo.
Passi incerti
a piedi nudi sulla neve.
Coltre bianca.
Da lontano
i pochi temerari fiori
sembrano più belli.
Corpi fragili tutt’intorno
sembriamo tutti bambini
anche gli adulti.
Lo saremo per sempre
comunque vada.
Qualcuno sa la verità?
Perché siamo qui?
Chi è questo fuhrer
che tutti nominano?
Quasi nessuno l’ha mai visto.
Dicono sia
poco più grande di noi
fisicamente.
Attorno a me vedo soldati
grandi e forti.
I loro corpi statuari
fasciati nelle divise.
I loro sguardi
più glaciali del clima
e più vuoti
del mio stomaco.
Non sembrano neanche
umani.
L’umanità fuori di qui
addormentata.
Forse un incantesimo.
Che ne sarà di noi?
Prigionieri senza un perché.

Francesca (PF JoyLotus)

2063348_s

 

Tra le pieghe dell’acqua – Francesca Noschese

Tra le pieghe dell’acqua
c’è verità.
Tra le pieghe dell’acqua
Ci sono storie di mondi
senza tempo.
Tra le pieghe dell’acqua
ci sono leggi di natura.
Tra le pieghe dell’acqua
mi perdo.
Tra le pieghe dell’acqua
il sole si specchia
si prodiga già
in tiepidi e splendenti
giochi di luce
scintillanti.
È metà gennaio
aria di primavera in anticipo.
Comincia già
il lento risveglio della natura.
Il lento risveglio dal letargo.
Nuovi sguardi verso l’amore.
Attesa.

PF JoyLotus

20190116_133755.jpg

Notti che nessuno sa -Francesca Noschese

Ci sono notti passate fuori
altre vissute dentro.
La notte è mia complice
a volte la aspetto.
Quando il giorno si fa pesante
e dentro notte è già
ma soli non si può stare.
Momento davvero mio.
Il letto, il silenzio.
I miei film più fantasiosi.
Segreti confessati alle stelle
con la mente.
Dormire è quasi peccato a volte.
Altre chi lo sa…
Forse
la conversazione continua in sogno.

3308563_s

Ringraziamenti + Poesia di Francesca Noschese (PF JoyLotus)

20190119_130039

Grazie di cuore a chi sta rendendo bellissima e con risultati inaspettati questa avventura di blogger altrettanto inaspettata e bellissima.

Pagina Facebook > PF JoyLotus

Poesia: Arcobaleno di speranza in amore

Il presente è unico.
La vita è importante.
Le risposte sono
dentro di te.
Insieme io e te
una danza intrecciata
di gesti e di parole
di speranze e paure.
Amare l’imperfezione
è amare le cose vere
la vita per quello che è.
Cogliere l’essenza
nel piacere
della contemplazione.
Ritorno nel corpo.
Straniero allo specchio
d’acqua d’argento
il riflesso che cambia
si intravede tra la foschia
un arcobaleno di speranze
nella promessa d’amore.

1342988_S.jpg

Scintille allo specchio – Francesca Noschese

Corpo sotto
il mio angolo di cielo
sguardo che scruta in alto
l’oscuro manto.
Anima in prigione
in attesa
di una luce di passaggio
che le tenda la mano
e l’afferri prima che sfugga.
Vorrei essere come una stella cadente.
Che si fa attendere e agognare.
Da occhi sognanti
da cuori dolenti
trepidanti di speranza.
Vorrei brillare così
anche solo un istante
per poi lasciare dietro
il ricordo…
Sulla terra
tutti dentro nelle proprie case.
Il futuro è di chi guarda in alto.
Desideri d’amore e felicità
per noi e per il mondo
ma paura di vedere.
Quella scintilla
che cerchiamo lontano
nella volta notturna
è già dentro di noi.
L’universo è uno specchio.

PF JoyLotus

569319_s

Il mondo non ha bisogno – Francesca Noschese

Il mondo non ha bisogno
di artisti e poeti.
Non ha bisogno
occhi che vedono
di cuori che credono.
Non ha bisogno di cose futili.
Di speranze che creano fiori.
Il mondo non ha bisogno di fiori
come non ha bisogno
di ossigeno.
Non ha bisogno di alberi.
Non ha bisogno di colori.
Il mondo non ha bisogno
delle stagioni.
Il mondo non ha bisogno
di architetti.
Non ha bisogno di ponti.
Non ha bisogno di musica,
o di energia e vibrazioni.
Non ha bisogno d’amore.
Il mondo non ha bisogno di pace.
Il mondo non ha bisogno
di venerare il sole che sorge.

PF JoyLotus

343674_m

La strana quiete – Francesca Noschese

Strana quiete.
Gola secca.
No segni di tempesta
ma qualcosa arriverà
lo sento…
Qualcosa di nuovo…
Nuovo amore.
È finito un ciclo.
Non siamo più gli stessi
nessuno lo è.                                              La mente viaggia
leggera e soave
dal fango al cielo
in cerca di
quell’ultimo sussulto
o sussurro d’amore.
L’ultimo desiderio…
Una boccata d’aria
Pensieri oscuri.
Malsana adrenalina
della leggiadra
danza sul ciglio.
Sedersi poi
ancora
sull’erba umida
e respirare
ancora.

PF JoyLotus

20180523_135638.jpg

 

Nel viaggio – Francesca Noschese

E rieccoci qua
nel mezzo del viaggio.
Il vascello ormai consumato
dalla salsedine.
Il vento sciupa e strappa le vele.
Un cielo elettrico sopra di noi.
Io e la mia coscienza.
Io e la mia parte oscura.
Io e te.
Danziamo bloccati
tra elettrizzanti note basse.
Cantiamo insieme
del cuore spezzato,
della stanchezza.
Del remo che scivola dalle mani
e affonda nel mare
di anime perse
senza speranza.
Giovani spettri
tra gusci vuoti
di cui è pieno il mondo.
Annegheremo tra le emozioni.
Ci rialzeremo alla fine.
Scuoteremo la terra.
Ella tremerà.
Si risveglierà
in un fuoco di passione.
Si risveglierà
assieme ai dimenticati,
coloro che da sempre sapevano
che tutto cambia,
ruota su se stesso,
gli ultimi saranno i primi.

PF JoyLotus

1046381_m

Nostalgia – Francesca Noschese

Ascolto musica
come faccio sempre
quando voglio celebrare
sola con me stessa
non so bene cosa.
Relax tra note
che scavano dentro
mi cullano
tra sogni e vecchi incubi.
Mi riporta indietro
negli anni innocenti.
Tante cose sono cambiate
tranne le mie fragilità.
Atmosfere
tetre e tragiche
in cui ho sempre
amato crogiolarmi.
Giocare
ad appartenere
alla notte.
A mio agio nell’oscurità
ballando tra
elettrizzanti note basse.

PF JoyLotus

fb_img_1512484593391

Amore giovanile – Francesca Noschese

Un amore giovanile
è soffio di vita
ma può togliere
il fiato quando finisce.
Maturità soffocante
di piacevole nostalgia.
Prove che formano
il carattere per
la selvaggia e insidiosa
vita adulta.
Amore…
A volte resta dentro
e diventa corrosivo
come gocce d’acqua
che bucano le rocce
e scavano nuovi percorsi
tortuosi e affascinanti
che comunque
conducono poi alla foce.

PF JoyLotus

fb_img_1547284527872

Ampolla d’amore – Francesca Noschese

Cuore mio
è un po’ che non ti sento.
Chissà se anche tu
Starai rimirando
la notte.
Vorrei che fossi qui
accanto a me
sdraiato sull’erba
a guardar le stelle.
Un momento da custodire
come in un’ampolla
da portare in tasca
sempre con me.
A cui attingere
un po’ di dolce luce
nei giorni più grigi.
Sola tra sguardi spenti e
cuori freddi.
Un pensiero che va lontano
io mi abbraccio al sicuro
dentro la mia nuvola.
Il mio tappeto volante
fatto di carta.
Le tue parole
sono carezze di luce
che avvolgono dolcemente
come ali angeliche
e col loro
tenue calore
proteggono dal gelo
della giungla
di schermi e asfalto.

PF JoyLotus

2840743_s

Cambiare – Francesca Noschese

Cambiare se stessi
per cambiare il mondo.
Scuote…
A volte si cade.
Fa male…
Ma alla fine è necessario.
Fa bene…
È una danza di vita.
È naturale.
Una danza di gioia.
Tremi ma poi passa.
Una danza che…
Fa bene al corpo, al cuore, allo spirito.
Facciamolo per il mondo
e portiamoci dietro l’esperienza
anche nei mondi dopo i mondi.
Tutto si trasforma.

2254711_s

Peccato mortale – Francesca Noschese

Cercai l’impossibile
sempre fuori portata.
Persi certezze
divenni bulimica
di conoscenza, di ricerca, di libri.
Mi riempii
ma sentii sempre di più
il vuoto.
Poi fu una luce
un sole abbagliante
meraviglioso.
Viaggi tra cieli azzurri
e nuvole rosa.
Fu poi l’oscurità.
Incontri.
Aprii la scatola
della coscienza
e allora scoprii…
ero nulla.
Il mio nome è nessuno
dissi allo specchio nero.
Allora tornai indietro.
Mi svuotai del nulla.
Meraviglioso deserto notturno
del non senso.
Un luogo segreto
tra il respiro e l’apnea.
Quale cambiamento?
Il cammino verso l’Amore
millantai.
Superbia.
Peccato mortale.
Si cerca l’Amore o
quel che si desidera
dall’Amore?
O anima
che cercando Amore vai…
È amore vero ciò che cerchi
o solo vuoi riempire
il vuoto come
un drogato o un ubriaco
lo riempie con
il suo velenoso nettare?
Lungi da me giudicare
solo comprendere
e cercare perdono.

PF JoyLotus

20190110_233604

Un tempo… – Francesca Noschese

Una volta ballavo.
Cos’è successo?
Sognavo in grande
cerco di rallentare
il tempo
ma sembra impossibile.
Inesorabile.
Un bagaglio ricco o
un fardello di
ricordi andati
che mai più ritorneranno.

Ora sto qui nella nebbia.
Disegno bozze di sogni e
speranze flebili.
Pulsante brama
difficile pretesa
di vivere a modo mio
nel mondo dei modi giusti,
dei falsi miti e dei falsi bisogni.

PF JoyLotus

2449970_m

La musica è ferita – Francesca Noschese

La musica è ferita
colpa della modernità
usa e getta.
Che ne sanno i ragazzini
dell’emozione
di crescere insieme
ai propri idoli?
Delle canzoni che
scandiscono e accompagnano
ogni momento della vita.
Giorni di pioggia chiusi in casa.
Una serata romantica.
La musica che si espande
tra le pareti, un bicchiere di vino,
una birra, una bevanda calda.
Da soli a leggere il libretto o in compagnia
a parlare degli aneddoti
degli artisti.
Che ne sanno dei libretti?
Di quando gli artisti li vedevi, dell’ascoltare le canzoni
e intanto leggere i testi.
Ma che ne sanno…
Di artisti che non si sono fatti
in un solo giorno.
Pure Dio ha avuto bisogno di sei giorni
per creare la Terra
o forse di più…
Di persone vere che scrivono
col sangue sullo spartito e
piangono in studio o sul palco.
La bellezza del guardare la propria
collezione di cd e vinili.
Un pizzico di orgoglio
nel sapere di aver in parte
contribuito concretamente
alla crescita
della carriera di un artista
e alla costruzione della
storia della musica.
Album fisici sugli scaffali
come mattoncini.
Mani nostalgiche
ancora lì stringono.
La musica è ferita
ma non morta.
Pochi sentono il grido.
Piattezza.
Uniformità.
Dove sono finite le chitarre?
Quelle incendiarie.
Dov’è finito il fuoco
nei riff e nelle voci?
Dov’è l’onda d’urto
che ti colpisce e
ti fa alzare dal divano?
Gli sguardi al cielo
sono urla silenziose.
Jam sessions da sogno
nell’aldilà.

20181030_141257

Paradiso di carta – Francesca Noschese

Il pensiero vola
libero
come al solito
da te
senza pudore
ma non può
farne a meno.

Il corpo sta fermo
insieme all’anima
che cerca di epandersi
bloccata
in una gabbia.
I sogni sono
respiri.

Persa in un
paradiso di carta
stretto ma che
non spaventa quanto
il vasto mondo libero
che somiglia
a quell’ inferno
che è casa per
i perbenisti

Morti nella loro
pace finta
io viva nel mio
tormento reale.

PF JoyLotus

20190108_164251

 

Ispirazione – Francesca Noschese

Io non cerco ispirazione
lei cerca me
mi trova
sta in una nota
che tocca il cuore
o le viscere.
Essa sta nella scintilla
al momento del tocco,
in un pensiero
lasciato in volo.
In un sorso di ricordi.
Nell’istante
del passo sul cammino.
Nell’occhiata fugace,
nel desiderio sfuggente.
Negli istanti
di bellezza inaspettata.
Nel morso a una mela
rossa e succosa.
Nella notte buia
dell’anima.
In un raggio di sole
che sbuca tra le nuvole.

PF JoyLotus

3237961_m

Bianco e nero – Francesca Noschese

Cos’ha mosso
la tua mano?
Cos’ha fermato
il tuo cuore?
Vorrei guardar
negli occhi tuoi.
Mostrami il vuoto,
la vista perduta.

Annegare nell’oscurità.
Andiamo insieme
all’inferno.
Ormai siamo parte
l’uno dell’altra.
Yin e Yang.
Luce e buio.
Dio e il demonio.

Non importa più
il bianco o il nero,
il giusto o sbagliato.
Ora serve
il complementare.
Integrazione.
Parte di una cosa sola
ma cosciente della propria
unicità.

PF JoyLotus

20190106_142215

Spettri – Francesca Noschese

Spettri di fumo.
Solite ombre
familiari.
Ombre amiche
mi fanno ciao.
Le mie sigarette
scadenti.
Spengo l’ultima del pacchetto.
Cosa mi distrarrà ora?
Cosa mi annebbierà i sensi?
Nessun velo che separa
dalla chiarezza.
Finito il ciclo
di sogni.
La vegetazione muore.
Il tempo passa in fretta.
Il controllo che ingabbia
è un’illusione.
Paura di svelare
i segreti del cuore.
Paura di tornare
a non respirare.

PF JoyLotus

2048727_m

 

I Greta Van Fleet e i problemi del Rock moderno – Francesca Noschese

Premesso che a me piacciono molto, personalmente non capisco questo accanimento contro i Greta Van Fleet (giovane band Hard Rock formata da quattro ragazzi provenienti dal Michigan USA emersa nell’ultimo anno) per via della loro somiglianza con i leggendari Led Zeppelin.

Parliamoci chiaro il rock ormai è a un punto di stallo. NON è assolutamente morto ma è chiaramente in difficoltà. Ultimamente mi sono spesso incavolata per via del catastrofismo e della nostalgia ormai stucchevole che aleggiano tra gli appassionati del genere. Fin dagli inizi e per tutta l’epoca d’oro del rock fino a fine anni 90 a mio parere la vera forza di questo genere musicale stava nella rivoluzione culturale che portava con sé e nei suoi pionieri ( Elvis, Jimi Hendrix, The Doors, ecc). Quelle leggende che oggigiorno rimpiangiamo. Da allora TUTTE le band venute dopo nessuna esclusa ha preso qualcosa, chi più chi meno da quei pionieri. Inoltre come tutte le cose il rock n roll, nascendo dal blues, ha avuto la sua evoluzione e le varie ramificazioni (blues, rock n roll, hard rock, metal, punk…) e ognuna di queste a sua volta si è frammentata in altre ramificazioni fino ad intrecciarsi in maniera confusa fino a contaminarsi con altri generi. Qui secondo me c’è uno dei principali problemi del rock moderno.

Sempre per parlarci chiaro: di nuovi pionieri attualmente ahimè non c’è traccia. Come dice qualcuno: È già stato inventato tutto e ormai non si fa altro che rifare e copiare. Concordo in pieno.

Ricordate che tutto va a cicli.

C’è da mettersi le mani nei capelli nel vedere cosa viene considerato rock al giorno d’oggi nel mainstream e come viene trattato quello vero in certi canali o eventi. (Tralasciando le circostanze quali i cambiamenti del mercato discografico e tutti i discorsi correlati).

Fino a più o meno 8 o 10 anni fa c’erano comunque molte band che riuscivano a emozionare e far muovere i culi. Poi è cominciato il declino fino ad oggi.

La soluzione per ora secondo me sta proprio nel ristudiare il passato senza impantanarsi nella nostalgia e nel mozzare tutti questi rami inutili tornando al rock n roll puro basilare e al blues per poi semplicemente ricominciare finché non arriverà un nuovo colpo di genio.

I Greta Van Fleet hanno per lo meno avuto il coraggio di andare ad attingere (a piene mani) dove nessuno aveva mai osato prima. E a parer mio sono stra meritate le quattro nomination ai Grammy Awards. Il tempo dirà se saranno solo una meteora. Io dico intanto godiamoceli nella speranza di una rinascita.

Francesca

PF JoyLotus

834843_m1377501122