Alessandria: Secondo ponte. Sì, ma dove e come?, di Dario Fornaro

secondo ponte sul tanaro@@0910201612233138

di Dario Fornaro

http://www.cittafutura.al.it

Il “secondo ponte” sulla Bormida riveste da tempo per  l’alessandrino – città e ampi dintorni –  caratteri di chiara necessità per la sicurezza e la fluidità dei traffici, ma, ad un tempo, l’argomento registra anche un andamento carsico:  ogni tanto se ne parla, poi lunghi silenzi, poi se ne riparla… Talora viene anche riesumata una vecchia immagine progettuale (rendering?) di ponticello minimale  per una strada, a due corsie, in servizio tra  la “zona Panorama” e Spinetta Marengo. Una proposta, per quanto se ne sa, priva di ogni consistenza decisionale, ma idonea a saltar fuori da qualche cassetto ove condizioni politiche, maritate opportunamente con la “somma urgenza”  che minimizza le discussioni, ne favorissero la reviviscenza. Continua a leggere “Alessandria: Secondo ponte. Sì, ma dove e come?, di Dario Fornaro”

Gli amici delle bici. Parte seconda

DSC_0388.JPG

Continuando la chiacchierata con il presidente FIAB abbiamo parlato di piste ciclabili in Alessandria e sobborghi: la situazione è frammentaria, mancano i collegamenti e le piste vanno fatte dove c’è traffico, per poterlo smaltire.

Il bike sharing, come era stato concepito, non serve a molto: occorrerebbe un servizio strutturato come in alcune città della Lombardia: “prendo e lascio dove sono più comodo.” Questo sistema funzionerebbe solo però con grande responsabilità e onestà di tutti i cittadini!

Gli amici delle bici hanno anche messo in servizio presso il Chiostro di Santa Maria di Castello e grazie a un contributo della Fondazione SociAL un progetto per poter recuperare vecchie bici, renderle funzionanti e ritirarle o donarle. Prossimamente partirà anche una ciclofficina mobile per le vie della città.

La speranza che Alessandria diventi una città a misura d’uomo c’è, ovviamente ci vogliono l’impegno e l’unione da parte di tutti quelli che aspirano a un cambiamento.

Le parole d’ordine sono: FARE RETE!

di Cristina Saracano

foto di Enrico Barbetti

Italiche contraddizioni, di Marcello Favareto

SMOG DI OGGI  29 01 2002
per Diego Colombo

(Foto: Yuri Colleoni)Italiche 1aaa

di Marcello Favareto

http://www.alessandrianews.it/

Polveri sottili, ius soli. Ma anche giovani laureati e trafficanti e immigrazione… sono solo alcune delle “italiche contraddizioni”….

OPINIONI – Polveri sottili. Dopo due giorni consecutivi, Natale e Santo Stefano, di traffico inesistente il tasso di polveri sottili a Torino è rimasto alto (e pure ad Alessandria). Un essere umano con normali capacità intellettive ne ricaverebbe la sensazione che, almeno in queste condizioni climatiche, il traffico automobilistico non abbia grandi effetti, o, almeno, che il NON traffico cambi piuttosto poco lo stato delle cose.

Cosa si decide, invece a Torino? Il blocco totale del traffico non solo nella ZTL, ma in tutta la città e pure nei comuni della cintura. E, visto che l’effetto sarà minimo, si bloccano anche i diesel EURO 5 per cercare di avere qualche non-effetto in più. E’ già successo più di una volta, anche di recente, che, emessa l’ordinanza di blocco, il tempo ha manifestato pietà verso gli automobilisti torinesi ed è cambiato. Continua a leggere “Italiche contraddizioni, di Marcello Favareto”

Claudio Pasero: I ciclisti non sono cittadini di serie B, di Pier Carlo Lava

di Pier Carlo Lava

Serve un parcheggio per le bici alla stazione ferroviaria.
La mobilità ciclabile non inquina, rispetta l’ambiente e tutela la salute di tutti i cittadini.
Alessandria: Intervista a Claudio Pasero, Presidente dell’Associazione gli amici delle bici, che risponde alle seguenti domande:
Come si presenta la situazione delle piste ciclabili in Alessandria e sobborghi e qual’è la vostra opinione su quella realizzata nel viale Brigata Ravenna?
Il Bike Sharing è da ripristinare?
Alla stazione ferroviaria manca un parcheggio per le bici decente, un tema del quale si era parlato, ma che al momento non si è fatto nulla?
Ci vuoi parlare del progetto al chiostro di Santa Maria di Castello per poter recuperare o donare bici usate.
Secondo te c’è qualche speranza che Alessandria così come altre città italiane, possa diventare una città a misura di uomo e non solo di auto come ora?
Cosa occorre fare perchè questo si avveri?
link video: https://youtu.be/H1lUzvdRoGQ

La prima parte dell’intervista al seguente link: https://www.youtube.com/watch?v=XaMZJeMAdWw

Nodo idraulico di Alessandria: Finalmente si fa sul serio?, di Pier Luigi Cavalchini

di Pier Luigi Cavalchini 

Finalmente si entra nello specifico dei lavori “importanti” riguardanti il nodo idraulico di Alessandria. Nel suo intervento l’ing. Condorellidell’Agenzia Interregionale per il PO ha fatto una chiara disamina di ciò che è stato speso in questi anni nel territorio provinciale di Alessandria per i soli lavori inerenti i fiumi della provincia (specialmente Tanaro e Bormida). Il totale assomma a circa 140 milioni di euro a partire dal 1995.

A cui vanno aggiunti centinai di miliardi di lire spesi per altri lavori di risistemazione accessoria post alluvione (tipo rifacimento massicciata della stazione ferroviaria). Ha precisato quali sono i lavori ancora da fare (e attualmente solo in fase di progettazione…). E qui viene il bello…

Si scopre che per ricavare ulteriori margini di sicurezza (quindi per avere piene meno disastrose) bisognerà abbassare la soglia del ponte Cittadella di due metri (circa 12 milioni di euro di spesa) e, soprattutto, si dovranno realizzare diverse aree di laminazione controllata (in totale quattro) lungo l’asta del Tanaro. Continua a leggere “Nodo idraulico di Alessandria: Finalmente si fa sul serio?, di Pier Luigi Cavalchini”

Città di spazzatura, di Cristina Saracano

Risultati immagini per grattacieli

di Cristina Saracano

In una bella città tutto doveva essere perfetto.

Per questo le case erano colorate e ben tenute, gli abitanti sorridenti e vivaci, il traffico scorrevole, i bambini gioiosi.

Vennero costruiti un supermercato ogni dieci abitanti, più quattro centri commerciali nelle periferie dotati di negozi di scarpe, elettronica, abbigliamento, bar, gelaterie, gioiellerie e bancomat.

I centri commerciali erano aperti dalle sei del mattino alle dieci di sera, domenica e festivi compresi.

Mentre i genitori vagavano coi carrelli scrutando pile di merce accatastate fino a cinque metri di altezza, i bimbi si fermavano sulle giostrine, o aspettare il trenino che li conduceva in un’emozionante tour lungo tutto il perimetro dell’edificio. Continua a leggere “Città di spazzatura, di Cristina Saracano”

“Predatori del microcosmo”, di Emanuele Biggi e Francesco Tomasinelli

predatori_microcosmo_cover_med

http://www.isopoda.net/

La vita per insetti, ragni e piccoli rettili e anfibi può essere breve e terribilmente pericolosa, anche per quelli che tra loro sono predatori.

La necessità di nutrirsi di altri animali e di sopravvivere in ambienti molto competitivi ha costretto questi piccoli cacciatori a mettere a punto strategie di sopravvivenza molto varie e spesso più sorprendenti di quelle dei grandi predatori, come squali e felini.

In questo mondo in miniatura ci sono mantidi in grado di imitare un fiore in ogni dettaglio, ragni capaci di immergersi e pescare pesci, e rane che planano da un albero all’altro, usando i piedi come ali.

Continua a leggere ““Predatori del microcosmo”, di Emanuele Biggi e Francesco Tomasinelli”

Francesco Tomasinelli, fotogiornalista, il fascino della natura

Francesco Tommaselli

Francesco Tomasinelli (Genova 1971), laureato in Scienze Ambientali Marine presso l’Università di Genova, è stato da sempre affascinato dalla natura, soprattutto dalle sue espressioni più insolite.

Ha lavorato in Italia e negli Stati Uniti in grandi acquari, per poi dedicarsi all’editoria, alla divulgazione scientifica e alle consulenze ecologiche e ambientali per aziende e studi professionali.

Come fotogiornalista collabora con molte case editrici e riviste, soprattutto nel settore scienza e turismo (Touring, Focus, Rivista della Natura), oltre che con alcune agenzie fotografiche in Italia e all’estero. È specializzato in fotografia scientifica, di natura, lavoro e viaggio. Continua a leggere “Francesco Tomasinelli, fotogiornalista, il fascino della natura”

La cultura dell’accoglienza turistica: gli incontri di Confagricoltura Donna Alessandria

conf accoglienza turistica-4

Nove appuntamenti dal 30 gennaio al 22 febbraio ad Acqui Terme, Novi Ligure e Casale

“La cultura dell’accoglienza turistica: accogliere, comunicare e fare rete”. È questo il tema di un ciclo di incontri che Confagricoltura Donna Alessandria organizza, con il patrocinio dei Comuni coinvolti, dal 30 gennaio al 22 febbraio tra Acqui Terme, Novi Ligure e Casale Monferrato. Nove appuntamenti, tre per zona, rivolti principalmente a chi si occupa di accoglienza turistica ma anche a chi ha interesse a essere informato su vino, cibo e ristorazione, nuove forme e opportunità di comunicazione.

“L’ospitalità nell’Alessandrino avviene soprattutto in strutture mediamente piccole – dice la presidente di Confagricoltura Donna Michela Marenco, viticoltrice e donna del vino – agriturismi, b&b, affittacamere, hotel di charme, dimore familiari e di campagna. La caratteristica è l’essere autentiche: per questo piacciono soprattutto al turismo in crescita degli stranieri”. Spiega la Presidente: “È necessario essere sempre più preparati all’accoglienza e alla cultura dell’accogliere, a essere informati e aggiornati su quel che la nostra provincia offre come attrattiva, luoghi ed eventi. Il vino, il cibo, la bellezza del paesaggio sono sicuramente importanti richiami per il turista, in particolare dall’estero. Devono diventare forza di comunicazione: abbiamo tante cose belle, è ora di cominciare a dirlo anche sfruttando le nuove opportunità che ci danno, per esempio, i social network. Questi saranno gli argomenti che tratteremo nei nostri incontri”. Continua a leggere “La cultura dell’accoglienza turistica: gli incontri di Confagricoltura Donna Alessandria”

Ursula Stor “Agrichef” per Eataly a Roma

urs agrichef

E’ Ursula Stor, titolare dell’agriturismo Punto Verde (a Ponti) insieme allo chef Pier Carlo Vomeri, una degli 11 “Agrichef” scelti per festeggiare l’11mo compleanno di Eataly del primo negozio di Torino Lingotto e lo fa con un evento a Roma, in svolgimento il prossimo 25 gennaio nello store di Ostiense.

L’iniziativa Cia, in partenariato con Eataly e SlowFood, propone tanti chef selezionati in tutta Italia, quanti sono gli anni festeggiati per l’occasione, che porteranno un piatto tipico del territorio.

La proposta di Ursula e Pier Carlo è “Ravioli al plin”.  Commenta la titolare: “Porto la ricetta tipica del Piemonte che è anche la prima che mi hanno insegnato quando mi sono trasferita dalla Svizzera e ho aperto l’attività a Ponti. Mi hanno detto che dovevo imparare a farla per dimostrare la mia integrazione sul territorio, quindi è un simbolo del mio legame con la zona e la prova del mio impegno in Italia!”. Continua a leggere “Ursula Stor “Agrichef” per Eataly a Roma”

Treni, Piemonte: dopo l’emorragia di pendolari si vedono i primi timidi segnali di ripresa 

Legambiente

Legambiente presenta Pendolaria: per la prima volta dopo sei anni cresce il numero di coloro che prendono il treno in Piemonte. Ma pesano ancora i tagli degli anni scorsi.

L’emorragia di pendolari in Piemonte si è fermata e l’anno appena concluso, per la prima volta dopo sei anni, ha visto per i treni regionali un timido segno più. Nel 2017 sono state in media 167.556 le persone che ogni giorno hanno preso un treno nella nostra regione, in lieve crescita rispetto al 2016 quando si fermavano a quota 165.000 mila. Numeri ancora molto lontani dai 205.400 viaggiatori del 2011, anno in cui sono state cancellate 14 linee cosiddette “minori”, con un taglio complessivo del servizio dal 2010 al 2017 del 4,9% e un contemporaneo aumento delle tariffe del 47,3%. Si attestano invece ad un misero 0,05% del bilancio regionale gli stanziamenti per il servizio ferroviario, appena 5,09 euro per abitante all’anno, contro una media nazionale dello 0,35%.  Continua a leggere “Treni, Piemonte: dopo l’emorragia di pendolari si vedono i primi timidi segnali di ripresa “

INQUINAMENTO ACUSTICO DEI TRENI: UNA MOZIONE IN COMUNE

download

Di Maria Luisa Pirrone

L’11 gennaio i consiglieri di maggioranza Maurizio Sciaudone per Forza Italia e Giuseppe Bianchini per SiAmo Alessandria hanno presentato in Consiglio comunale una mozione per l’istallazione di barriere anti-rumore nelle aree cittadine attraversate dai binari ferroviari.

“I treni delle linee Alessandria-Piacenza e Torino-Genova attraversano tratti all’interno del concentrico di Alessandria dove sono presenti zone residenziali”, si legge nella mozione. “Esiste un fastidio per la popolazione residente legato al rumore prodotto dal traffico ferroviario. All’interno della Legge quadro sulla prevenzione dell’inquinamento acustico n. 447 del 26/10/1997 sono previste iniziative per l’abbattimento dell’inquinamento acustico anche della specie di cui trattasi”. La legge esiste quindi da oltre 20 anni ma non è mai stata applicata nella nostra città per far fronte a questo tipo di problema, nonostante i disagi più volte espressi dai cittadini dei quartieri Cristo, Pista ed Europa.

Continua a leggere “INQUINAMENTO ACUSTICO DEI TRENI: UNA MOZIONE IN COMUNE”

Da “GEO” (Rai3) alla scoperta dei predatori del microcosmo, con Emanuele Biggi! 

da Geo 26_gennaio_predatori_micro

L’Ente-Parco organizza una serata “avventurosa” in compagnia di Emanuele Biggi, autore assieme a Francesco Tomasinelli del libro “Predatori del microcosmo”.

Venerdì 26 gennaio, dalle ore 21.00, presso la sede operativa di Casale Monferrato – in viale Lungo Po Gramsci, 10 – inizierà un viaggio alla scoperta di ragni, millepiedi, crostacei e altri piccoli animali che costituiscono oltre il novanta per cento degli animali che vivono sulla terraferma.

Sono forme di vita di dimensioni spesso modeste ma che hanno un impatto profondo su tutti gli ecosistemi oltre ad essere stati, dopo le piante, i primi abitanti della Terra.

Emanuele ci racconterà i motivi che lo hanno spinto assieme a Francesco a scrivere questo libro e quanto può essere complicata e pericolosa la vita in questo mondo in miniatura: un insetto come una mosca o una cimice ha forti probabilità di concludere prematuramente la propria vita tra le zanne di un ragno. Questi ultimi, infatti, sono tutti predatori e gli insetti sono il loro cibo ideale: abbondanti e diffusi ovunque. I ragni sono, dunque, preziosi alleati nella lotta alle specie dannose per esempio in agricoltura; in un ambiente ben conservato assieme ad altri sterminatori di insetti, come mantidi religiose e formiche, rane e lucertole, possono dare un contributo notevole al mantenimento degli equilibri naturali e agricoli. Continua a leggere “Da “GEO” (Rai3) alla scoperta dei predatori del microcosmo, con Emanuele Biggi! “

Cassazione: sequestro per le scuole a rischio sismico, anche lieve

terremoto-scuola-amatrice

By Federica Ghisolfi

Purtroppo al giorno d’oggi, le scuole , che hanno subito danni,vengono dichiarate inagibile, soltanto quando, ci sono dei morti, anche perchè non vengono effettuati adeguati controlli.

Una sentenza importante perché sancisce il sacrosanto principio di  mettere in salvaguardia la vita delle persone situate in edifici pubblici, come le scuole, ma che interviene in una situazione di vuoto normativo, da sanare urgentemente, rispetto all’obbligo di adeguamento sismico e attribuendo chiaramente le responsabilità tra i diversi livelli”. E’ quanto afferma Adriana Bizzarri, coordinatrice nazionale della Scuola di Cittadinanzattiva, in merito alla sentenza della Cassazione che ha accolto il ricorso della Procura di Grosseto contro il Sindaco di Roccastrada indagato per omissione d’atti di ufficio per non aver chiuso il plesso scolastico di Ribolla “nonostante dal certificato idi idoneità statica ne emergesse la non idoneità sismica (…) in quanto il rischio sismico era risultato pari a 0,985”. Continua a leggere “Cassazione: sequestro per le scuole a rischio sismico, anche lieve”

L’aria di Alessandria è inquinata un giorno su tre: in tutto il Piemonte si respira peggio solo a Torino

KMCRIBFR4576-kl6H-U110119249422886CE-1024x576@LaStampa.it

By Federica Ghisolfi

Nonostante i numerosi blocchi del traffico, il livello di inquinamento nell’anno appena trascorso è stato , da record, e l’inizio dell’anno non è stato , dei migliori. Bisogna ricorrere ai ripari, per far si che la popolazione, non respiri aria malsana.

Oltre cento superamenti l’anno scorso. E l’inizio del 2018 non promette bene

VALENTINA FREZZATO

ALESSANDRIA

Il bilancio è nero per Alessandria: il 2017 è stato anno record, in negativo, per lo smog con 102 giorni di superamento del limite consentito per il Pm10, 33 in più rispetto ai 69 del 2016. Infatti il Comune ha dovuto chiudere il traffico in centro quattro volte (una durante l’amministrazione Rossa, tre quella guidata da Cuttica) negli ultimi 365 giorni. E l’inizio del 2018 non promette bene: i superamenti sono già almeno cinque.  I dati sono di Arpa Piemonte e mettono Alessandria in fondo alla classifica regionale, subito prima di Torino: la città metropolitana fa peggio, di poco. Sono stati 118 (quindi solo 16 più di Alessandria) nell’anno appena concluso, erano stati 89 nel 2016. La stazione di Torino – Rebaudengo è risultata così la peggiore del Piemonte. Alessandria penultima con la D’Annunzio e i suoi 102 giorni sopra il valore limite (che è sempre di 50 microgrammi al metro cubo e riguarda la concentrazione di polveri sottili). I giorni di superamento consentiti sono solo 35. Continua a leggere “L’aria di Alessandria è inquinata un giorno su tre: in tutto il Piemonte si respira peggio solo a Torino”